Studio identifica 8 componenti di famiglie estranee

Un nuovo studio identifica perché e come i bambini adulti si staccano dai genitori.

wavebreakmedia/Shutterstock

Fonte: wavebreakmedia / Shutterstock

La famiglia è per sempre, dice il proverbio. Purtroppo, questo non è vero per tutti. Gli estranei familiari sono in aumento – secondo uno studio, possono essere comuni come il divorzio. È doloroso e alienante per le persone coinvolte e la stagione delle vacanze può essere un momento particolarmente difficile per coloro che non sono in contatto con i familiari.

Cosa comportano gli allontanamenti di famiglia? Un recente studio di Kristina Scharp della Utah State University ha cercato di capire meglio come avvengono questi guasti. Gli allontanamenti di famiglia si verificano quando almeno un membro della famiglia inizia a prendere le distanze da un altro a causa della negatività di vecchia data nella relazione. Ciò comporta la riduzione delle interazioni sociali e dell’interdipendenza.

Sebbene sia comprensibile che i genitori amino i loro figli incondizionatamente, prove aneddotiche ed empiriche hanno scoperto che questo non è sempre il caso, spiegando in tal modo perché i bambini adulti possono decidere di diminuire o interrompere il contatto con uno o entrambi i genitori. Gli studi rivelano che le ragioni principali per cui i bambini adulti cercano un allontanamento da un genitore sono l’abuso, la cattiva genitorialità, il tradimento, la malattia mentale, il comportamento non supportato, la tossicità e l’abuso di droghe e alcol. E mentre le esperienze che spingono questi individui a prendere le distanze sono dolorose, anche il processo di estraniazione in sé e per sé è traumatico.

Gli estranei genitore-figlio sono marcatamente diversi rispetto ad altre dissoluzioni delle relazioni, argomentazioni di Scharp. Mentre entrambi implicano il desiderio di una persona di prendere le distanze dall’altra, i rapporti familiari sono considerati non volon- tari. Si presume che, nel bene o nel male, il legame tra genitori e figli non possa essere rotto, al contrario di amici e partner romantici. Quindi, quando un genitore o un bambino inizia a staccarsi dall’altro, può lasciare che entrambe le parti si sentano impreparate. Questa suddivisione manca anche di struttura, a differenza di un divorzio, che ha un ricorso legale più chiaro. Inoltre, e in contrasto con altre relazioni che seguono un corso più prevedibile verso una rottura o un divorzio, gli allontanamenti genitori-figli spesso si verificano in battute e ricomincia da capo a tempo. E per coloro che sono coinvolti, il loro dolore spesso non viene riconosciuto.

I bambini adulti di solito trovano poco o nessun supporto da parte degli altri nel loro social network, che include famiglia immediata ed estesa e amici. Invece, spesso si scontrano con coloro che non riescono a capire la loro situazione o rifiutano di considerare la loro prospettiva. Altri potrebbero persino prendersela con loro stessi per cercare di far riconciliare le parti, senza preoccuparsi del perché la rottura sia avvenuta in primo luogo. Non sorprende che gli studi dimostrino che gli estranei sono associati a problemi fisici ed emotivi successivi.

Alla luce di questi fattori, Scharp sostiene che chiarire il processo di estraniazione può aiutare i medici a diagnosticare l’estraniamento e identificare dove potrebbe essere necessario il supporto, aiutare le persone che intraprendono tale distanza a riconoscere e dare voce alla propria esperienza ed educare le persone che sono in una posizione per offrire supporto a quelli nel processo di estraniazione.

Per affinare la nostra comprensione del processo di estraniazione dal punto di vista dei bambini adulti, Scharp ha reclutato partecipanti estranei da uno o entrambi i genitori o che si erano allontanati a causa della negatività in corso nella relazione. A loro è stato poi chiesto di “pensare a se stessi come autore di un romanzo e condividere la loro storia di estraniamento”. Sono stati anche istruiti: “Mentre racconti la tua storia, ti preghiamo di fermarti all’inizio di ogni capitolo e di inventare una parola o frase per rappresentare quel capitolo. Quindi puoi scrivere le tue parole e frasi – o qualsiasi altra cosa – su questo pezzo di carta in modo da poter tracciare il tuo viaggio. “Potrebbero anche scegliere di tracciare uno storyboard della loro esperienza di rottura dei loro genitori.

Scharp ha poi esaminato e codificato le narrative dei partecipanti. Dalle loro storie, ha identificato otto componenti degli allontanamenti di famiglia:

1. Qualità della comunicazione. Questo si riferisce alla riduzione del contatto significativo. Comprende la limitazione dell’ampiezza e profondità delle informazioni discusse e la “deidentificazione” con un genitore. Come un partecipante ha riflettuto, “Quando ho parlato con loro, si trattava solo di alcuni argomenti”.

2. Quantità di comunicazione. Ciò comporta la riduzione della quantità di contatti tra i membri. Per raggiungere questo obiettivo, molti bambini adulti hanno semplicemente dichiarato la relazione senza ricorso per raggiungere un compromesso o discutere ulteriormente la questione. Alcuni partecipanti erano meno estremi, optando per comunicare la loro insoddisfazione per la relazione o la comunicazione affusolata con i loro genitori.

Un partecipante ha ricordato: “Non ho davvero risposto alle telefonate per molto tempo. Avrei ricevuto telefonate regolari, quasi giornaliere o settimanali da mia madre. Non ho risposto, perché sapevo – avevo l’identificativo del chiamante prima che avessi un cellulare – e sarei tipo, ‘OK, è mia madre, non c’è bisogno di rispondere; non è necessario. ‘”

3. Distanza fisica. Per creare una maggiore distanza fisica, i membri della famiglia devono entrambi allontanarsi (ad esempio, uscire da casa condivisa, spostarsi in una regione diversa, ecc.) E stare lontano (ad esempio, rinunciare a visite ed eventi che coinvolgono il familiare, ecc.). Per alcuni bambini adulti, questo ha portato a vivere con l’altro genitore, in caso di divorzio.

In molti sensi, tuttavia, lasciare l’area era molto più facile che stare lontano. In genere, i bambini adulti si sono trovati a creare e rafforzare i confini, come rendere difficile ai loro genitori rintracciarli o non visitarli in vacanza. Come ha spiegato un partecipante, “Quando vogliamo stare insieme per le vacanze, mi viene in mente, Oh scusa, ho già pianificato questo o quel che è.”

4. Presenza / assenza di emozioni. Questo si riferisce alla “quantità di emozioni” che i figli adulti avevano per i loro genitori. I bambini adulti hanno riferito che con il passare del tempo, i loro sentimenti per i loro genitori diminuivano costantemente. Questo era spesso il risultato di non sperimentare o percepire l’amore dal proprio genitore. Come disse un partecipante, “Non ho sentimenti, in un modo o nell’altro, per mio padre. Quindi non c’erano sentimenti lì da affrontare. Quindi le emozioni erano meno. ”

5. Affetto positivo / negativo. Anche i bambini adulti dovevano gestire la valenza delle loro emozioni, cioè se i sentimenti che provavano per i loro genitori erano buoni o cattivi. La maggior parte dei partecipanti non si sentiva positiva nei confronti dei propri genitori. Ma a volte il vuoto emotivo è stato sostituito da un’emozione negativa. Come disse una persona, “In alcuni casi quell’assenza può essere sostituita da sentimenti negativi, sentimenti negativi. A volte l’odio. Sicuramente. “I bambini adulti sentivano che era necessario gonfiare i loro sentimenti negativi, perché li aiutava a raggiungere e mantenere la distanza dai loro genitori.

6. Riconciliazione e desiderio di essere una famiglia. I partecipanti erano diversi sul fatto che volessero lasciare che i loro genitori facessero parte delle loro famiglie. Mentre alcuni partecipanti volevano riconnettersi, altri decisamente non volevano che i loro genitori fossero considerati familiari. Ciò significava trovare modi per aggirare le interazioni con i loro genitori e persino rifiutare apertamente le ouverture per riconnettersi, indipendentemente da ciò che gli altri pensavano della loro decisione.

In risposta a una reazione meno che sensibile alle loro situazioni, un partecipante ha dichiarato: “Quando ricevo quella reazione, quella sorta di sorpresa o reazione giudicante, tipo:” Non puoi dire quello di tua madre “, dico,” Lascia che Io ti dico che cosa ho passato così puoi capire perché questa persona non è mia madre, e non devo rispettarla e amarla così. ‘”

7. Reciprocità dei ruoli. Ciò ha a che fare con il fatto che i bambini adulti abbiano o meno ritenuto che loro ed i loro genitori hanno aderito ai ruoli dei bambini / genitori attesi, come fornire supporto sociale e finanziario. I figli adulti hanno riferito di non aver assunto il ruolo di figlio e che i loro genitori non hanno adempiuto ai loro ruoli e ai doveri associati. Come ha ricordato un partecipante, “Non gli chiederei mai un consiglio, non gli chiederei mai e poi mai niente. Lui non ha niente per me. ”

8. Azione legale. A volte i bambini adulti dovevano ricorrere al sistema legale per negare, neutralizzare o sciogliere la loro relazione con uno o entrambi i genitori. In tal modo, sono stati in grado di ridurre l’interdipendenza attraverso una serie di mezzi legali. Mentre alcuni hanno cambiato la loro procura duratura, altri hanno optato per l’emancipazione legale. Un partecipante ha raccontato: “Quando ho compiuto 18 anni, forse una settimana dopo, mamma sapeva che volevo cambiare il mio nome, mi ha dato $ 114, mi ha portato in tribunale, ho cambiato nome e ho preso il suo cognome. E quello è stato fantastico. ”

Riferimenti

“Non sei il benvenuto qui”: una teoria fondata sul distanziamento familiare. Giugno 2017. Ricerca sulla comunicazione. DOI
10,1177 / 0093650217715542

Solutions Collecting From Web of "Studio identifica 8 componenti di famiglie estranee"