Studiare la follia?

Negli ultimi due anni ho esaminato un certo numero di sindromi legate alla cultura che comprendono una combinazione di sintomi psichiatrici e / o somatici considerati come una malattia riconoscibile all'interno di specifiche culture o società. Uno dei tipi più interessanti è Brain Fag Syndrome (BFS). I primi casi di BFS sono stati descritti nel 1960 dal Dr. Raymond Prince nel British Journal of Psychiatry . Ha riferito di una "sindrome psiconevrotica molto comune che si verifica tra gli studenti della Nigeria meridionale" che è in genere avviata dopo intensi periodi di attività intellettuale. Più specificamente ha scritto che:

"I sintomi sono tali da impedire allo studente di continuare il suo lavoro e includere vari spiacevoli sintomi alla testa accompagnati dall'incapacità di cogliere ciò che legge o ciò che ascolta in una conferenza, perdita di memoria, difficoltà visive, incapacità di concentrazione, incapacità di scrivi, ecc. ".

Altri ricercatori (come un gruppo guidato dal Dr. Bolanie Ola-che scrive in un numero del 2009 dell'African Journal of Psychiatry ) hanno notato che il BFS comprende una vasta gamma di disturbi somatici (come rilevato da Prince) ma può anche comprendere il sonno cognitivo e Disturbi correlati, nonché dolore localizzato alla testa e al collo. Il BFS è visto come un fenomeno interessante nel campo della psichiatria transculturale. Per alcuni ricercatori, la BFS è stata discussa in modo controverso (per la prima volta) nella quarta edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell'American Psychiatric Association del 1994 (DSM-IV) e inclusa come sindrome legata alla cultura come il Koro (il genitale sindrome da retrazione che ho brevemente esaminato in due precedenti blog che esaminano il maschio Koro e la femmina Koro).

Dalla pubblicazione del seminale di Prince oltre 50 anni fa, la BFS è stata documentata tra i non caucasici in vari paesi africani (Etiopia, Liberia, Costa d'Avorio, Sudafrica e Uganda) e in alcuni paesi al di fuori dell'Africa (Brasile, India , Malesia, Cina). Tuttavia, il numero di casi da quei paesi al di fuori dell'Africa è estremamente raro. Sembrano anche sindromi simili come la 'follia della borchiazione' della malattia di Trinidad che ha sintomi simili a BFS.

Il termine "cervello frocio" era il nome del disturbo che gli studenti stessi chiamavano (e sembra essere una versione abbreviata di "affaticamento del cervello"). Basato sulle sue prime ricerche, il Dr. Prince riteneva che la BFS non fosse causata e / o associata alla predisposizione genetica, all'intelligenza generale, all'alfabetizzazione dei genitori, alle abitudini di studio o alle responsabilità familiari. Riteneva che BFS fosse correlato a:

"L'imposizione di tecniche di apprendimento europee sulla personalità nigeriana [e che] le tecniche di apprendimento europee enfatizzano lo sforzo isolato, la responsabilità individuale e l'ordine – attività e tratti che sono estranei al nigeriano in ragione della società collettivistica da cui deriva, con il suo acuito "oralità" e permissività ".

Il dottor Ola e i suoi colleghi hanno messo in dubbio la misura in cui la BFS è un fenomeno oggettivo o soggettivo. Hanno posto una serie di domande pertinenti: il BFS è un fenomeno o una variante di altri disturbi noti? BFS è una malattia mentale? Ola e colleghi hanno descritto il caso di un giovane studente di sesso maschile proveniente da Yoruba.

"Quando studiava per un esame [lui] cominciò ad avere forti dolori nella sua testa e non riusciva a capire quello che stava leggendo. Dormiva più del solito e aveva difficoltà a costringersi a andare a scuola la mattina. Durante la scrittura degli esami, sentiva di conoscere le risposte, ma non era in grado di richiamarle; la sua mente era vuota. La sua mano destra era debole e tremava perché non potesse scrivere. A causa di questi sintomi, fu costretto a posticipare gli esami di scrittura per diversi anni. I suoi sintomi miglioravano notevolmente con Largactil (un farmaco antipsicotico) e rassicurazione ".

Proprio come le prime scoperte di Prince, Ola ei suoi colleghi suggeriscono che la BFS può essere nei pazienti "la manifestazione somatica dell'occidentalizzazione piuttosto improvvisa dell'educazione africana". Gli autori hanno anche affermato che tra il 6% e il 54% degli studenti universitari nigeriani potrebbero accusare sintomi di frocio cerebrale, sebbene quelli con la "sindrome conclamata" sembrino essere significativamente più bassi. Tuttavia, un documento più recente dell'ASEAN Journal of Psychology ha affermato che tra gli studenti delle scuole secondarie, il BFS è prevalente nel 20-40% degli studenti.

Un documento più recente di Bolanie Ola e David Igbokwe in un numero del 2011 di Africa Health Sciences, cita alcuni lavori svolti sull'eziologia di BFS da Guinness nel 1992 (sebbene non sia fornito alcun riferimento allo studio stesso). Guinness riportò cinque fattori indipendenti associati alla sindrome: (a) le implicazioni finanziarie dell'istruzione che rappresentavano il passaggio dalla sussistenza all'economia monetaria; (b) la paura dell'invidia e dell'incantesimo che rappresentava l'intensa risposta culturale all'educazione; (c) genitorialità negli anni prescolastici che era la variabile familiare indipendente; (d) capacità accademica; (e) attributi della scuola.

In un documento che esamina la validazione fattoriale e l'analisi dell'affidabilità della scala della sindrome del cervello di Brain Fag (BFSS) di Ola e Igbokwe, è stato sostenuto dagli autori che mancavano risultati coerenti relativi all'eziologia, alla fisiopatologia e ai fattori di rischio della BFS. Questo, sostenevano, rifletteva la "mancanza di criteri diagnostici riproducibili standardizzati" per la sindrome. In breve, hanno affermato che diversi studi avevano utilizzato diversi strumenti per valutare la BFS e che solo pochi hanno seguito la descrizione formulata per la prima volta da Prince. Sostenevano che il 60% degli studi BFS da loro esaminati riportava semplicemente i tassi di sintomi di BF piuttosto che di BFS. A seguito di una valutazione psicometrica su 234 partecipanti (di età compresa tra 11 e 20 anni), Ola e Igbokwe hanno affermato che il BFSS è uno strumento bidimensionale valido e affidabile per valutare la BFS e può quindi essere utilizzato in studi futuri. Almeno ora c'è uno strumento che può essere usato per effettuare ricerche empiriche in modo più sistematico.

Riferimenti e ulteriore lettura

Fatoye, FO (2004). Sindrome della fagia cerebrale tra gli studenti universitari nigeriani: stato attuale e associazione con personalità e fattori psicosociali. Ife Psychologia, 12, 74-85.

Fatoye, FO & Morakinyo, O. (2003). Difficoltà di studio e sindrome di 'Brain Fag' nella Nigeria sud-occidentale. Journal of Psychology in Africa, 13, 70-80.

Igbokwe, DO & Ola, BA (2011). Sviluppo e validazione della scala di propensione alla Brain Fag. ASEAN Journal of Psychiatry, 12, 1-13.

Morakinyo, O. (1980). Teoria psicofisiologica di una malattia psichiatrica (la sindrome di Brain Fag) associata allo studio tra gli africani. Journal of Nervous and Mental Disease, 168, 84-89.

Morakinyo, O. & Peltzer, K. (2002). Sintomi di Fag del cervello in apprendisti in Nigeria. Psicopatologia, 35, 362-366.

Ola, BA & Igbokwe, DO (2011). Validazione fattoriale e analisi dell'affidabilità della scala della sindrome del cervello. African Health Sciences, 11, 334-339.

Ola, BA, Morakinyo, O. & Adewuya, O. (2009). Brain Fag Syndrome – un mito o una realtà. African Journal of Psychiatry, 12.135-43.

Peltzer, K. & Woldu, S. (1990). La sindrome da fag del cervello in studentesse nigeriane: analisi interculturale e intervento sul cambiamento di genere. Curare, 13, 141-146.

Prince, Raymond (1960). La sindrome "Brain Fag" negli studenti nigeriani. British Journal of Psychiatry, 106, 559-570.

Wikipedia (2012). Cervello frocio. Situato all'indirizzo: http://en.wikipedia.org/wiki/Brain_fag

Solutions Collecting From Web of "Studiare la follia?"