Studiamo il gioco perché la vita è dura

Se è possibile che un necrologio del New York Times sia considerato un risultato, questo, in onore della conclusione della vita di Brian (come in Sutton-Smith) è proprio questo.

Brian Sutton-Smith era stato mio amico per 40 anni. Ho scoperto per la prima volta il suo nome in un libro intitolato "The Study of Games" che lui ed Elliot Avedon avevano scritto insieme. All'epoca lavoravo al mio curriculum sui giochi interplay ed ero nel pieno della ricerca di tutto ciò che potevo scoprire sui giochi e sul loro studio, e questo particolare libro si rivelò una manna dal cielo. La prossima manna dal cielo avvenne pochi anni dopo quando scoprii che insegnava all'Università della Pennsylvania. Non ricordo esattamente quali sarebbero stati i prossimi passi, ma per diversi anni ha portato le sue lezioni nel mio centro di ritiri di studio, la Games Preserve, dove lui, i suoi studenti ed io abbiamo condiviso insieme un gioco meravigliosamente profondo.

"Perché studiamo il gioco?" Chiese Brian, nel suo modo ironico, "Studiamo il gioco perché la vita è una schifezza. La vita è una merda, ed è piena di dolore e sofferenza, e l'unica cosa che lo rende degno di essere vissuto – l'unica cosa che permette di alzarsi al mattino e continuare a vivere – è il gioco. "

L'opposto del gioco non è il lavoro, è la depressione.

– Brian Sutton-Smith

Questa intuizione, uno dei momenti più duraturi di pura follia di Brian Sutton-Smith, si può trovare nel suo libro "The Ambiguity of Play". Il midollo si addensa ulteriormente quando lo si legge nel contesto:

"Uno dei pregiudizi di un'era orientata all'informazione è la tendenza a trascurare il fatto che, nel corso della storia, il vantaggio adattivo è andato spesso a coloro che si avventuravano nella loro possibilità con grida di impegno esultante. Ciò che è adattivo al gioco, quindi, forse non sono solo le abilità che ne fanno parte, ma anche la fede volontaria nell'agire la propria capacità per il futuro. L'opposto del gioco, in questi termini, non è una realtà o un lavoro presente, è una vacillazione o, peggio, è una depressione. Giocare significa recitare ed essere volontario, come se si fosse sicuri delle proprie prospettive. Una debolezza di molte delle teorie di gioco auto-orientate è che spesso sembrano troppo vane consumismo invece di essere sul carattere più appassionato e intenzionale del gioco umano, che implica una volontà, anche se una fantasia, di credere nell'avventura teatrale si."

NYU Games Lab
Fonte: NYU Games Lab

Decostruisco mentre eseguo l'esegesi simultaneamente:

"Il vantaggio adattativo"

È un po 'illuminante (diciamo 30 watt), sapere che per Brian, il termine "potenziamento adattativo" è stata una delle sue caratterizzazioni di maggior successo dei benefici del gioco – successo per lui in quanto gli ha permesso di riconoscere che lì potrebbero, infatti, essere benefici che sono estrinseci all'esperienza stessa, pur non dovendo soffermarsi eccessivamente su quali potrebbero essere tali benefici. Per gran parte della nostra amicizia, è stato il nostro reciproco riconoscimento che il gioco è, di per sé, la "cosa" che ha formato il nostro legame più forte.

"Nel mio lavoro precedente", spiega Brian, "ho spesso parlato di gioco come" potenziamento adattativo ", una teoria del" trickle-down "del valore adattivo estrinseco occasionale ma non regolare del gioco. Ad esempio, [trovo che ciò che segue sia un'illustrazione piuttosto sfortunata, ma vivida, a dimostrazione del lato un po 'irriverente della giocosità di Brian] il lanciatore di baseball potrebbe in rare occasioni diventare un eccezionale lanciatore di bombe a mano. "

"È andato spesso a coloro che si avventuravano nella loro possibilità con grida di esultante impegno"

vale a dire: entusiasmo, abbandono, impegno totale, fervore, zelo, ardore, passione, completa devozione – es: sciocchezza.

Amo questa piccola frase "impegno esultante" per la sua descrizione accattivante accurata del cuore del giocatore e il nucleo dell'esperienza di partecipazione a un gioco ben giocato. Descrive sia l'esperienza del gioco che attribuiamo ai bambini e agli atleti professionisti. (Vedi il mio articolo "Ulteriori riflessioni sul gioco ben eseguito")

"La ferma volontà di recitare la propria capacità per il futuro"

Quando ci impegniamo a giocare, ci comportiamo come se (ed è, in retrospettiva, un atto) sappiamo esattamente cosa stiamo facendo. Seguiamo la prima regola delle Strategie Oblique di Brian Eno: "Onora il tuo errore come un'intenzione nascosta", immergendoti nelle spaventose rapide del puro entusiasmo come se noi, senza ulteriore addestramento o preparazione, ci trovassimo tra rocce e gorghi, cavalcando la nostra gioia per l'altra sponda, al sicuro e al sicuro.

"L'opposto del gioco, in questi termini, non è una realtà o un lavoro presente, è vacillazione o, peggio, è depressione".

Il gioco è impegno. L'opposto del gioco è la vacillazione al suo meglio, la depressione al suo peggio. Può essere reale, come sentimento, ma non è radicato, non reale, non tangibile.

"Giocare significa recitare ed essere volontario, come se si fosse sicuri delle proprie prospettive".

Come in "impegno esultante" noi, di nuovo, agiamo, come se non possiamo fallire. Lo faremo e crediamo che la nostra volontà sia tutto ciò di cui abbiamo bisogno. E se in realtà non ci riusciamo, accettiamo il fallimento come se fosse stato intenzionale per tutto il tempo.

"Carattere intenzionale del gioco umano, che implica una volontà, anche se una fantasia, di credere nell'avventura stessa"

Come l'uomo ha detto: "Impegno esultante". Un impegno così totale che rimane entusiasticamente intatto dalla realtà, indipendentemente dalle conseguenze. Per sempre. Finché, naturalmente, smettiamo di giocare.

Solutions Collecting From Web of "Studiamo il gioco perché la vita è dura"