Stuck Inside Apocalypse with Dystopic Blues Again

La disperazione è di moda ma alla fine noiosa. È tempo di fuggire dalla distopia.

"The Hunger Games", il libro, è un giradischi e il film è avvincente. Alcuni dei miei colleghi, lavorando sodo per ricollegare i giovani alla natura, credono che la popolarità del libro e del film, come il film "Avatar", stimolerà un interesse più profondo per il mondo naturale. Spero che abbiano ragione, ma dopo aver lasciato il cinema venerdì (avendo già letto il libro), ero, beh, ambivalente.

In questa storia ci sono due foreste. La prima foresta è naturale come una foresta può essere con una recinzione elettrificata per mantenere i più grandi carnivori fuori dal Distretto 12, la patria degli Appalachi affamata di Katniss Everdeen.

All'inizio del libro (molto più intellettualmente stimolante del film più primitivo), descrive la seduta in un angolo tra le rocce con il suo compagno di caccia, Gale, guardando verso una foresta che li sostiene: "Da questo posto siamo invisibili ma avere una visione chiara della valle, che pullula di vita estiva, verdi da raccogliere, radici da scavare, pesci iridescenti alla luce del sole. "Questa foresta tiene in vita la sua famiglia.

La seconda foresta è dove un governo totalitario mette in scena i suoi giochi della fame. Periodicamente, ventiquattro adolescenti vengono presi dai loro distretti domestici e inviati in questa foresta per uccidersi a vicenda. Alla fine del gioco, rimane un adolescente. Lui o lei è premiato con ricchezza e fama. "Survivor" incontra "American Idol" incontra "Gladiator".

La foresta a cupola è un incubo geneticamente ed elettronicamente modificato. In esso, il governo ha piantato "inseguitori di inseguitori", come scrive Collins, vespe assassine "generate in un laboratorio e posizionate strategicamente, come mine terrestri, attorno ai distretti durante la guerra." E quando i sorveglianti di gioco vogliono cambiare le probabilità, cadere in un paio di segugi virtuali dall'inferno.

Katniss utilizza il suo tiro con l'arco, la caccia e le capacità di tracciamento, ma questa seconda foresta è un parco tematico per gli sport estremi, che, secondo alcuni esperti del settore, non è molto lontano dal numero di americani che vedono la natura, vederlo affatto.

Per molti, la natura è meno nutrita rispetto al pericolo e alla distopia. "The Hunger Games" riflette questa visione della natura e del futuro.

Chiedete agli americani come vengono in mente le immagini, quando pensano al futuro lontano, e probabilmente descriveranno "Blade Runner" o "Mad Max." La narrativa distopica è il genere più caldo nei romanzi per giovani adulti, senza una visione positiva sul orizzonte. Questo non è nuovo. Pensa a "1984", "Brave New World" e "Fahrenheit 451", romanzi oscuri che erano particolarmente popolari quando Baby Boomers era giovane. In questa tradizione, "The Hunger Games" è in una storia ammonitrice sui pericoli della sorveglianza, l'intrusione della tecnologia in menti e corpi e la denaturazione della natura stessa.

Quindi ammiro il libro e la sua esplorazione del controllo sociale, ma giorni dopo aver visto il film, non riesco a scuotere una sensazione di disagio, e non sono l'unico. La maggior parte del disagio ha a che fare con l'obiettivo centrale della storia, più pronunciato attraverso il potere viscerale del film: un'orgia di violenza adolescenziale – due dozzine di giovani che si cercano a vicenda. Leggiamo così tante notizie sui massacri scolastici delle scuole, sui bulli nei cortili delle scuole e dei dormitori che conducono i bambini gay al suicidio, e ragazze adolescenti che si legano le bombe al petto. Sì, "The Hunger Games" può essere interpretato come un avvertimento, ma potrebbe anche essere il tipo di quasi glamour, di violenza tra adolescenti e bambini, che eccita gli assassini del gatto delle copie.

Un'altra fonte di disagio è la proiezione senza fine di un futuro distopico. Siamo in un solco post-apocalittico, e sta diventando noioso e possibilmente auto-appagante.

La serie "The Hunger Games" ha qualche speranza, qualcosa che Miranda Andersen, 13 anni, ha sottolineato in un recente blog ospite di Children & Nature Network: "In qualche modo i libri sulla distopia sono buoni perché spaventano i bambini su ciò che il mondo potrebbe assomiglia e poi li spaventa facendo qualcosa per migliorare il futuro. Forse gli scrittori potrebbero anche ispirarli con immagini di un futuro migliore. "

In tal senso, alcuni di noi credono che un Nuovo Movimento della Natura stia arrivando, o già qui, un movimento di persone, vecchie e giovani, affamate di una nuova storia. In quella storia, la tecnologia sarà bilanciata dalla natura vicina; e le nostre case e i luoghi di lavoro, i quartieri e le città diventeranno motori di biodiversità e salute umana.

Le persone nel settore dell'intrattenimento dovrebbero essere brave a immaginare scenari alternativi. Perché non questo?

Richard Louv

è presidente emerito di The Children and Nature Network e autore di THE NATURE PRINCIPLE e LAST CHILD IN THE WOODS.

Foto scattata a Kodiak Island, Alaska: RL

Solutions Collecting From Web of "Stuck Inside Apocalypse with Dystopic Blues Again"