Strutture preferenziali intransitive: la trappola di procrastinazione

Le decisioni razionali moment-to-moment possono portare e sostenere la procrastinazione (e molti altri problemi come la dipendenza). La teoria delle preferenze intransitive spiega sia il nostro ritardo apparentemente irrazionale degli obiettivi a lungo termine desiderati in preferenza per una ricompensa immediata, sia il nostro rimpianto in seguito.

Tutto ciò sottolinea il problema dell'esistenza che si trova nel cuore della procrastinazione – il nostro autoinganno.

Chrisoula Andreou, un filosofo dell'Università dello Utah, ha recentemente dato un contributo alla letteratura sulla procrastinazione nel Journal for the Theory of Social Behavior (Volume 37, 183-193). Il suo lavoro si basa su qualcosa che ho descritto in precedenza con lo sconto temporale (vedi il blog Temporal Motivation Theory: Formula or Folly). Andreou va oltre l'inversione di preferenza indotta dallo sconto, che è spiegata dalla teoria dello sconto temporale, introducendo una teoria che spiega perché finiamo per rimpiangere le decisioni razionali che abbiamo preso rimandando un compito all'ultimo minuto.

Trovo questa teoria avvincente come una descrizione di come il nostro pensiero ci mette nei guai. Penso che riconoscerai questo schema nella tua vita abbastanza rapidamente. Il contributo di Andreou è rendere esplicita la sequenza delle nostre scelte. Spiega come possiamo fare una serie di scelte che sono preferibili in ogni momento, solo per rimpiangere che non siamo partiti prima. Essenzialmente, quello che lei sostiene è che le nostre preferenze possono essere intransitive.

Preferenze transitive che capiamo meglio. Ad esempio, se tra tre cose, A, B & C, preferisco B su A e C su B, le preferenze sono transitive se preferisco anche C su A. Nel caso di preferenze intransitive, quest'ultima condizione non è soddisfatta. Ha senso ciò? Lo fa in molti casi, in particolare nel caso di procrastinazione.

Diamo un'occhiata al tempo come mostrato nel ciclo sopra o nella riga sottostante. Nota che "<" deve essere letto come "è meno preferito di".

Recitare un periodo 1 <recitare un periodo di tempo 2 <recitare al periodo 3 <recitare al tempo n <recitare al periodo 1 (oops, vorrei aver iniziato prima!)

Ad esempio, immagina che è lunedì e hai un rapporto in scadenza giovedì. La preferenza intransitiva sarebbe che:

"La recitazione di lunedì sarebbe meno preferibile alla recita di martedì (" Ne sentirò di più domani "), il che sarebbe meno preferibile alla recita di mercoledì, che sarebbe meno preferibile alla recitazione di giovedì, che sarebbe meno preferibile a intervenendo il lunedì precedente "(perché ora siamo in ritardo per fare il rapporto!). Questo è un sentimento comune tra i procrastinatori che fanno lo sforzo dell'ultimo minuto nelle prime ore del giovedì mattina.

In questo senso, il ciclo di preferenze intransitivo di Andreou spiega le nostre scelte quotidiane, o momento per momento, per ritardare il dilemma del procrastinatore. Inoltre, Andreou spiega come questo si applica a molti aspetti della nostra vita come il fumo mentre si desidera smettere, perché sappiamo che è dannoso per la nostra salute. Come lei spiega, nessuna istanza individuale di fumare sarà effettivamente responsabile di farti ammalare, quindi qualcuno in grado di decidere se fumare in qualsiasi momento può dire razionalmente che questa sigaretta non danneggerà la sua salute. Come con il problema della procrastinazione, ma con conseguenze potenzialmente molto più devastanti, sappiamo come questo può essere definito come gli effetti cumulativi di queste decisioni possono davvero essere fatali.

Perché tutto questo è ancora un problema di esistenza
Come, osserva Andreou alla fine del suo articolo, ". . . comprendere la procrastinazione (compresi sia i suoi aspetti volontari che quelli che si autodistruggono) è un compito filosoficamente difficile. "Sono d'accordo, e penso che per andare oltre dobbiamo tornare alla prospettiva esistenzialista per capire cosa sta succedendo con i circuiti di preferenza intransitivi. Fa veramente parte di ciò che Sartre chiamava "malafede". Siamo impegnati in questi piccoli inganni da un momento all'altro mentre cerchiamo di sfuggire alla libertà di una scelta reale su ciò che dovremmo fare in questo momento. (Ancora una volta, non ti sorprenderà che sto rifiutando la nozione di "utilità" come spiegazione, o qualche nozione di una decisione veramente razionale che questo compito può davvero attendere, a favore del problema di essere responsabile di scegliendo saggiamente la nostra apparente identità come proiettata nei nostri obiettivi).

Sebbene Andreou non prenda questa prospettiva nel suo articolo, la sua strategia di intervento suggerita per procrastinatori rivela che il problema della procrastinazione è, in fondo, una questione di libertà. Raccomanda che i procrastinatori necessitino di supporto per prendere le decisioni giuste che desiderano. Ciò di cui hanno bisogno, sostiene Andreou, sono "dispositivi di impegno creativo". Ad esempio, l'individuo il cui obiettivo a lungo termine è quello di risparmiare per la pensione, ma che sceglie sempre la ricompensa a breve termine della spesa ora rispetto all'obiettivo a lungo termine del risparmio , trarrebbe vantaggio da una struttura di depositi automatici per i risparmi prelevati direttamente dagli assegni retributivi mensili. Ecco! L'individuo è sfuggito alla libertà di scelta su base mensile. È necessaria una sola scelta, poiché il "dispositivo di impegno" dei depositi automatici fa il resto. Non importa se non "ti senti come questo mese", è automatico – nessuna scelta.

Certamente, questo esempio di risparmio di denaro, che Andreou usa nel suo articolo, ha senso. Sarebbe certamente utile avere un deposito diretto "dispositivo di impegno creativo". Ci sono almeno un paio di problemi per il procrastinator, comunque.

1. Posso quasi garantire che il procrastinatore finirebbe in un circuito intransitivo per impostare i prelievi automatici (i lettori che sono procrastinatori cronici lo hanno colto immediatamente, ne sono sicuro).

2. Molti problemi con la procrastinazione non si prestano facilmente a "dispositivi di impegno creativo". Un altro esempio fornito da Andreou di stabilire scadenze imposte con sanzioni penali sposta solo la struttura delle preferenze intransitive, non la elimina. In ogni caso, mi aspetterei ancora un rinvio sull'introduzione di queste scadenze.

Penso che il vero problema per i procrastinatori sia trattare direttamente con il loro autoinganno. Perché? Bene, anche Andreou riconosce che "essere consapevoli della difficile struttura della propria situazione non dissolverà necessariamente la sfida." Nella sua decima nota di chiusura al suo intervento, Andreou scrive quello che penso sia uno dei punti più importanti.

"Si noti che essere consapevoli della difficile struttura della propria situazione non dissolve necessariamente la sfida. Più in particolare, si può essere consapevoli che l'indulgere costantemente è incompatibile con il raggiungimento del proprio obiettivo a lungo termine di mostrare moderazione, mentre trova difficile disegnare la linea e smettere di indulgere ora. Per uno potrebbe anche riconoscere [direi "credere"] che gli effetti di una ulteriore indulgenza sono trascurabili. Quindi (cedere alla) tentazione di indulgere per un po 'di più non deve implicare una mancanza di consapevolezza riguardo alla propria situazione. Naturalmente, se uno non è ingenuo, allora si riconoscerà e forse si preoccuperà del fatto che si sarà tentati allo stesso modo in futuro; ma questo riconoscimento non motiverà necessariamente uno a disegnare la linea e smettere di indulgere ora. " [Enfasi e commento aggiunto]

Perché non smetteremo di indulgere ora se abbiamo questa consapevolezza? Perché ci preoccuperemo? Le risposte a entrambe queste domande possono essere trovate nella nozione esistenzialista di malafede. Siamo sempre consapevoli che stiamo ingannando noi stessi. La coscienza lo assicura. Quindi, in questo senso, la nostra preoccupazione è l'angoscia della libertà che stiamo cercando di sfuggire, e non smetteremo di indulgere ora, perché farlo significherebbe che ora dobbiamo affrontare il nostro autoinganno. Sarebbe troppo, e il problema del procrastinator è che lui o lei semplicemente non è disposta ad affrontare una tale proprietà della vita, della scelta.

La razionalizzazione della tentazione del momento è il modo di essere procrastinatore di essere nel mondo, senza mai affrontare la libertà che è intrinseca a fare la sua scelta ora come un vero agente. È molto più facile indulgere quasi inconsciamente nel piacere immediato e irrilevante, come se non fossimo realmente responsabili della nostra vita. Questo è certamente il motivo per cui Andreou trova una connessione con l'intuizione di Maury Silver e John Sabini che di solito soccombiamo a "piaceri effimeri" poiché non abbiamo davvero bisogno di scegliere affatto, poiché possiamo facilmente ingannarci pensando che non siamo significativamente ostacolando le nostre possibilità di raggiungere i nostri obiettivi "reali" (per ulteriori informazioni su questi piaceri epici, vedi il mio blog sulla procrastinazione di Internet).

È una semplice verità che le strutture di preferenza intransitive sono al centro del nostro processo decisionale con la procrastinazione. A mio parere, Andreou ha soddisfatto il suo desiderio di dare un contributo alla nostra comprensione della procrastinazione rendendo esplicito questo processo e definendolo chiaramente. Per me, il problema è perché i procrastinatori impostano l'inversione delle preferenze in questo ciclo così tardi? È certamente ragionevole, usando l'esempio sopra, preferire martedì al lunedì e forse anche mercoledì martedì a seconda della natura del compito, ma a un certo punto il problema si basa su dove appare quella inversione intransitiva. I procrastinatori sono "spezzati" in qualche modo cognitivamente? Sono diversi perché non riescono a vedere la follia qui?

Perché alcuni di noi, quelli che etichettiamo casualmente (ma in modo problematico) "procrastinatori" lasciano davvero le cose così in ritardo in questo ciclo che soffriamo come risultato? Questa è la differenza individuale stabile per cui dobbiamo sviluppare un account. La procrastinazione non è semplicemente un ritardo, è il ritardo irrazionale di un'azione intenzionale.

Per affrontare questa differenza individuale, sono tornato al problema della nostra esistenza e suggerisco che le nostre indulgenze momentanee servono come mezzo potente e accettabile di autoinganno. Questo autoinganno è di per sé un mezzo per cercare di sfuggire alla responsabilità di scegliere. Naturalmente, dato che non possiamo sfuggire alla nostra coscienza, non possiamo veramente ingannare se stessi come potremmo fare con un'altra persona, viviamo con la colpa della nostra "malafede" e con l'ansia della nostra ineluttabile libertà.

Pensieri di chiusura . .
In qualsiasi momento in cui "non abbiamo voglia di fare qualcosa" e pensiamo che "sicuramente questo può aspettare ancora un po '" ci stiamo impegnando in auto-inganno SE ABBIAMO ORIGINALMENTE FATTO UN'INTENZIONE PER AGIRE IN QUESTO MOMENTO PERCHÉ ABBIAMO AVUTO DECIDI QUESTO ERA IL MIGLIORE TEMPO DI AGIRE. Questo è il cuore della procrastinazione, il divario che creiamo tra intenzione e azione. Certamente, se non avessimo intenzione di agire e valutassimo accuratamente che qualcosa può aspettare un altro giorno, abbiamo semplicemente ritardato la nostra azione. Questa non è procrastinazione. È un ritardo Il ritardo può essere molto saggio. La procrastinazione è il ritardo irrazionale che deriva dal fare un'intenzione ma poi ritardare inutilmente recitare su di essa (accompagnato dall'auto-inganno di cui ho parlato sopra).

A rischio di semplificare troppo qui e allo stesso tempo esprimere ciò che credo sia al centro della questione filosoficamente e praticamente per il procrastinatore, carpe diem!

Solutions Collecting From Web of "Strutture preferenziali intransitive: la trappola di procrastinazione"