Strizzare il significato fuori dalla depressione

Pantheon/David B. Seaburn
Fonte: Pantheon / David B. Seaburn

Nella sua autobiografia, Black Boy , lo scrittore, Richard Wright, descrive come è stato crescere nero in America nei primi anni del 1900. Dopo varie crisi nella sua giovane vita, compresa la malattia cronica e alla fine terminale di sua madre, Wright dice: "All'età di dodici anni, prima di aver avuto un anno intero di scuola, avevo una concezione della vita che nessuna esperienza avrebbe mai cancellato, una predilezione per ciò che era reale che nessuna discussione avrebbe mai potuto dire, un senso del mondo che era mio e mio solo, una nozione di ciò che la vita voleva dire che nessuna educazione poteva mai cambiare, una convinzione che il senso del vivere arrivasse solo quando uno stava lottando per strappare un significato a una sofferenza senza senso … "

Sebbene sia stato scritto più di settanta anni fa, si legge come se potesse essere stato scritto ieri. E anche se non riesco ad immaginare il tipo di sofferenza che lui o qualsiasi persona di colore ha sperimentato crescere in America, c'era qualcosa nella sua frase "tormentare il significato di sofferenza senza senso" che mi parlava.

Sono stato una persona molto fortunata. Non ho affrontato il tipo di sofferenza senza senso che molti hanno. Con una eccezione. Ho vissuto depressione tutta la mia vita adulta. E come molti milioni in questo paese, nonostante le cure, rimane un compagno quotidiano, che a volte si esercita in modi frustranti; altre volte è semplicemente un'ombra scura nell'angolo, ma sempre lì in una forma o nell'altra.

Mentre la "sofferenza senza senso" può sembrare un modo esagerato di descrivere la mia esperienza, tuttavia sembra vera, come per molti altri. Non è quello che penso, "Guai a me! Perché sono stato scelto per soffrire in questo modo? "Questo è un modo di pensare che non ha senso per me, anche se so che lo fa agli altri. E non è che non capisco i meccanismi nel mio cervello o gli stressanti della vita oi contributori caratteriali della mia depressione. Lo voglio. Almeno loro mi danno una spiegazione. E le spiegazioni, per essere sicuro, sono una forma di significato. Ma non abbastanza.

Dire che la mia depressione è una specie di "sofferenza senza senso" significa suggerire che quando sono depresso, l'accesso al significato sembra bloccato, interrotto, negato. Per me la parte peggiore della depressione non è solo la sensazione di non aver senso, ma sentire che non c'è alcun significato da nessuna parte.

Penso che sia per questo che ho continuato a tornare alla citazione di cui sopra mentre leggo il libro di Wright. "Estrarre il significato dalla sofferenza senza senso" sembra essere il compito più importante che mi attende quando sono caduto giù nella depressione. È come se avessi bisogno di credere che ci sia un significato ("È scritto su una tavoletta di argilla da qualche parte"), anche se forse non ho fiducia che sia lì ("Non riesco a sentirlo"). Forse un cartello sulla mia scrivania potrebbe aiutare: "Nonostante tutte le prove del contrario, c'è un significato da qualche parte nella vita".

La sfida per me è trovare i modi per strizzarlo, tirarlo fuori, spremere e stringere fino a quando le prove non ci sono. Una delle cose che mi piace dell'essere uno scrittore è che mi insegna a notare. Mi costringe a prestare attenzione, non solo a guardare, ma a vedere. Quando lo faccio, trovo il significato sparso ovunque intorno a me, che punteggia il paesaggio della mia vita, a volte apparentemente invisibile quando sono in fondo al pozzo, eppure lì se tengo gli occhi aperti. Ed è abbastanza

David B. Seaburn è uno scrittore. È anche un terapeuta in pensione e famiglia, psicologo e ministro. Il suo romanzo più recente è More More Time (http://www.amazon.com/More-Time-David-B-Seaburn/dp/0991562232).

Solutions Collecting From Web of "Strizzare il significato fuori dalla depressione"