Stress e dipendenza

Lo stress è un fattore di rischio chiave nell'iniziare la dipendenza, la manutenzione, la recidiva e quindi il fallimento del trattamento (Sinha e Jastreboff, 2013). Eventi di vita stressanti combinati con capacità di coping povere possono avere un impatto sul rischio di dipendenza attraverso l'aumento della risposta impulsiva e dell'automedicazione. Anche se potrebbe non essere possibile eliminare lo stress, dobbiamo trovare dei modi per gestirlo.

//commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=11201756
Fonte: Di Quinn Dombrowski di Chicago, USA – Boredom, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=11201756

Lo stress normalmente si riferisce alle avversità o alle difficoltà come la povertà o il dolore. Biologicamente, gli eventi stressanti causano un aumento dei livelli ematici di ormoni dello stress (come il cortisolo). Fight-or-flight è la normale risposta allo stress. Cioè, tutto il sangue va ai muscoli in modo che tu sia pronto per l'azione.

È importante distinguere tra stress cronico e normale. I fattori di stress moderati e stimolanti con una durata limitata sono percepiti come gradevoli. In effetti, alcuni individui cercano situazioni "stressanti" (cercatori di sensazioni o cercano esperienze nuove e altamente stimolanti) che promuovono il rilascio di ormoni dello stress. Tuttavia, stressanti intensi, imprevedibili e prolungati (ad esempio conflitti interpersonali, perdita di persone care, disoccupazione) producono impotenza appresa e sintomi depressivi. Lo stress cronico aumenta il rischio di sviluppare depressione, raffreddore, influenza, mal di testa da tensione, digrignare i denti o stringere la mascella e tendere il collo e le spalle (McEwen, 2003).

Il trauma nella prima infanzia è un fattore chiave per rendere le persone più vulnerabili in età avanzata (Keating, 2017). Il legame tra avversità precoci e problemi di vita successivi attraversa l'epigenetica sociale. Alti livelli di stress sperimentati nella prima infanzia possono causare la metilazione dei geni chiave che controllano il sistema di stress. Cioè, le prime avversità alterano la nostra genetica. Quando ciò accade, viviamo in un costante stato di emergenza.

Il luogo di lavoro è un altro contesto che fornisce un'esposizione quasi ordinaria allo stress cronico. Lo stress correlato al lavoro può includere fattori quali le richieste del lavoro, la capacità di avere il controllo sulle decisioni e il livello di supporto sociale all'interno del luogo di lavoro. Le persone in posti di lavoro in cui non percepiscono di avere molto controllo sono suscettibili allo sviluppo di ansia e depressione clinica, nonché condizioni mediche legate allo stress come ulcere e diabete (Marmot, 2006).

L'evento stressante o la circostanza stessa non è dannosa. Ciò che conta è come la persona valuti (interpreti) lo stressante e come lui o lei faccia fronte. Si può usare la rivalutazione come strategia di coping osservando le situazioni in modo diverso (ad esempio, non è più un grosso problema). Si può anche far fronte allo stress fumando, bevendo e mangiando troppo. Ciò che è importante è il significato che l'evento o circostanza ha per l'individuo (Lazarus, 2006).

Vi sono solide prove del legame tra stress cronico e motivazione ad abusare di sostanze che creano dipendenza (Al'Absi, 2007). Ad esempio, la ricerca in studi sull'uomo mostra che le esperienze infantili avverse come l'abuso fisico e sessuale, l'abbandono, la violenza domestica e la disfunzione familiare sono associate ad un aumentato rischio di dipendenza. Le persone con un matrimonio infelice, insoddisfazione per l'impiego o molestie, riferiscono anche un aumento dei tassi di dipendenza.

L'esperienza dell'allevamento avverso durante l'infanzia e l'adolescenza (abuso e abbandono dell'infanzia) aumenta indirettamente il rischio di dipendenza attraverso la diminuzione dell'autocontrollo (Lovallo, 2013). I giovani adulti a rischio di abuso di sostanze sono noti per avere una diminuzione dell'autocontrollo e del controllo emotivo. Il loro comportamento avvincente è il risultato delle loro esperienze e degli ambienti in cui sono stati allevati.

Maggiore è il numero di fattori di stress a cui un individuo è esposto, maggiori sono le probabilità successive di dipendenza. L'economista Deaton (2015) mostra che i bianchi americani meno istruiti che lottano nel mercato del lavoro nella prima età adulta probabilmente vivranno uno "svantaggio cumulativo" nel tempo, con problemi di salute e personali che spesso portano a overdose di droga, fegato correlato all'alcol malattia e suicidio.

Una spiegazione per il forte legame tra stress e dipendenza è la teoria dell'automedicazione, che suggerisce che la persona possa usare i farmaci per far fronte alla tensione associata a stress della vita o per alleviare i sintomi di ansia e depressione derivanti da un evento traumatico. Pertanto, l'uso di droghe funziona come un mezzo per regolare l'affetto e lenire il disagio psicologico.

Un forte stress emotivo è associato alla perdita del controllo sugli impulsi e all'incapacità di ritardare la gratificazione. Lo stress cronico riduce il volume di materia grigia nella regione del cervello associata al controllo cognitivo e alla regolazione dello stress. La parte della corteccia prefrontale coinvolta nella cognizione deliberativa viene chiusa dallo stress. Il cervello stressato perde la capacità di essere riflessivo e diventa automatico. Le persone stressate sono inclini a cedere ai loro impulsi (ad es. Fumo, eccesso di cibo, abuso di alcolici e prescrizione di droghe) come un modo per far fronte allo stress quotidiano (Grant et al., 2011).

In breve, eventi di vita più stressanti e strategie di coping inadeguate possono avere un impatto sul rischio di dipendenza. Questo spiega l'importanza di comprendere meglio come funziona lo stress e lo sviluppo delle abilità (ad esempio, l'apprendimento della prevenzione dello stress e della tolleranza) nei trattamenti di dipendenza.

Solutions Collecting From Web of "Stress e dipendenza"