Stress accademico e aggressività

K. Ramsland
Fonte: K. Ramsland

Mainak Sarker, l'uomo accusato di aver sparato fatalmente alla professoressa dell'Università della California, William Klug questa settimana, aveva fatto una "lista di uccisioni" di tre. Comprendeva la sua moglie, che era stata dichiarata estranea, che era stata trovata morta nel Minnesota, e un altro professore, che era fuori dal campus e quindi illeso.

Sarker sembra aver rimuginato su qualche presunto infortunio derivante dalla sua associazione con Klug, che un tempo aveva considerato un amico, e aveva iniziato ad avvertire gli altri studenti di tenersi alla larga da lui. Dopo aver ucciso Klug, Sarker si suicidò.

Quando ero uno studente laureato, ho sentito parlare di un incidente simile. Uno studente laureato frustrato ha ucciso il suo consulente per la dissertazione. Allora, ho capito che le pressioni accademiche possono essere intense, ma mi chiedevo perché avesse pensato che fosse una soluzione. Non avrebbe ancora ottenuto il suo dottorato. e ora gli aveva rovinato la vita. Non aveva senso per me.

Altri studenti hanno preso decisioni simili. Nel 1978, Theodore Streleski, uno studente laureato di matematica a Stanford, colpì fatalmente il suo consigliere, Karel de Leeuw, con un martello a palla perché aveva passato 19 anni cercando di ottenere una laurea che gli era stata negata. Durante il suo processo, Streleski disse alla corte che l'omicidio era "logicamente e moralmente corretto", un modo per mostrare al dipartimento accademico che non potevano umiliare in questo modo gli studenti laureati.

Undici anni dopo, Jens P. Hansen, uno studente laureato presso la Scuola di Medicina dell'Università della Florida, ha sparato a Arthur Kimura, presidente di un comitato che aveva appena votato per porre fine allo studio del signor Hansen, dopo sette anni.

Nel 1992, Frederick M. Davidson, uno studente di ingegneria dello stato di San Diego, iniziò il suo secondo tentativo di difesa della tesi del suo maestro in ingegneria meccanica abbattendo i tre professori nel suo comitato. Ha risparmiato gli studenti laureati che erano nella stanza, quindi sappiamo dal loro rapporto cosa è successo.

Questo triplice omicidio era stato attentamente pianificato. Davidson era andato nella stanza qualche ora prima per piantare la pistola. Nel momento in cui è iniziata la procedura, aveva recuperato la pistola dal suo nascondiglio e aveva cominciato a sparare. Aveva ucciso un professore e inseguito gli altri due prima di massacrarli. Si era aspettato di uccidersi, ma quando gli agenti arrivarono, Davidson aveva consegnato la sua nota di suicidio. Non poteva farlo.

Per me, sono passati molti anni da quando ho sentito parlare di quel dottorando che uccide il suo consulente. Ora che ho letto molte note di suicidio per la ricerca, posso vedere meglio cosa succede.

Strani schemi di ragionamento compaiono in molte note sul suicidio, ma a quanto pare sembrano razionali per il defunto. Le persone suicide generalmente non riescono a vedere le loro distorsioni cognitive. Pensano che abbiano un senso. Peggio ancora, costringono il loro mondo al punto di vedere molto poco. Se scelgono la violenza verso gli altri come opzione – che io chiamo suicidio coercitivo – potrebbero immaginare questo atto come l'unico modo per alleviare lo stress o correggere una situazione distorta.

La costrizione cognitiva è l'esperienza di un campo percettivo ridotto, che limita le opzioni. Segue la visione del tunnel. Tuttavia la costrizione può essere un meccanismo adattivo per controllare o eludere l'ansia quando il mondo si sente opprimente. Le opzioni limitanti rendono la situazione più gestibile.

Con persone suicide, la visione a tunnel si forma velocemente e si sente soffocante. Hanno bisogno di agire, di solito in modo autodistruttivo. Quando scrivono una nota, spesso mostrano una gamma ristretta di processi cognitivi e una maggiore polarizzazione. Parole assolute come "mai", "solo", "nessuno" e "sempre" sono comuni nelle note sul suicidio. La flessibilità mentale è assente.

La maggior parte delle persone ha difficoltà a comprendere questo grado di immobilità cognitiva. C'è stato un tempo in cui non l'ho capito. Ma ora lo faccio.

Quindi, quando qualcuno decide che deve agire, deve punire, e deve sfuggire al suo "psiche", altri possono diventare vittime. Qualcuno che si rivolge a un professore o ad un consulente per l'omicidio potrebbe cercare di ridurre l'ansia vendicandosi o rimuovendo la fonte. Per questa persona, l'impensabile può diventare l'unico modo di pensare. Se decide anche di uccidersi, le ripercussioni morali hanno poco peso.

Non possiamo sempre individuarli in tempo, ma quando le persone si fissano sull'umiliazione, la vendetta, il fallimento e la rabbia, questa rigidità indica una costrizione cognitiva. Non possiamo sempre fermare gli atti violenti, ma la maggior parte dei professionisti della salute mentale sa che dilatare la prospettiva di qualcuno con opzioni genuine o un cambiamento nel modo in cui pesano i propri valori può ridurre l'ansia. Questo può forse salvare alcune vite.

Solutions Collecting From Web of "Stress accademico e aggressività"