Storie di isolamento: un episodio di reclusione

Grand Velas, CC 2.0
Fonte: Grand Velas, CC 2.0

In questa puntata di una serie di persone che trascorrono molto tempo da soli, ecco la storia composita di una persona che sceglie la reclusione episodica: periodi della sua vita con molte persone in contatto alternato con lunghi periodi di isolamento autoimposto.

Nonostante sia nel rigoroso dipartimento di ingegneria, Patty ha goduto di una vita sociale completa al college. Detto questo, se si fosse resa conto che la laurea di ingegneria media impiegava sei anni per laurearsi, avrebbe potuto scegliere qualcos'altro. Mentre lei era sempre stata brava in scienze e matematica, non l'amava davvero, ma otteneva così tanto incoraggiamento da consiglieri e tutori in ruoli più importanti, lo sosteneva.

Ma non cercò un lavoro mentre era ancora a scuola e dopo la laurea e le feste necessarie, provò quello che lei chiamava "depressione post-partito" e continuò a procrastinare in cerca di un lavoro. In "una crisi di significato", ha deciso di andare in India per esplorare la spiritualità.

È andata da sola, in parte perché era imbarazzata nel lasciare che i suoi amici, soprattutto i tipi di scienza, fossero a conoscenza del suo lato non scientifico. E mentre pianificava di rimanere in India solo per due settimane, rimase quattro mesi. Prese lezioni di yoga, iniziò a meditare e un mese dopo fece una meditazione Vipassana di 10 giorni. Questo la spinse a trasferirsi in un ashram (Tiruvannamalai,) principalmente in solitudine. La prima cosa che fece fu lanciare il suo iPhone nel fiume Gange. Visse lì per tre mesi e sarebbe rimasta più a lungo se non fosse scesa con un caso di epatite A, che ha deciso di volere curare negli Stati Uniti

Patty tornò abbastanza ristorata da armarsi per cercare un lavoro di ingegneria, che atterrò quasi immediatamente. Pur non essendo felice fin dall'inizio, ha resistito per otto mesi a quel punto, ha detto al suo capo che voleva smettere. Il suo capo ha chiesto se poteva prima provare un mese "sabbatico".

Patty acconsentì e scelse di nuovo di passare quel pezzo di tempo da sola. Viveva ancora con i suoi genitori ma decise di passare il suo "anno sabbatico" affittando un cottage sulla spiaggia, portando solo il suo tappetino da yoga, un "romanzo trasandato" e alcuni trucchi magici, il suo hobby principale. (Come con l'ingegneria, si chiedeva perché c'erano così poche magie femminili e volevano superare la barriera di genere, anche se solo come una professione.)

Ironia della sorte, era lì, in isolamento, dove Patty accettava quella parte della sua infelicità con l'ingegneria è che voleva più contatto con le persone. Così, quando tornò al lavoro, chiese al suo capo se ciò fosse possibile. Le aveva fatto delle chiamate di vendita con un ingegnere alle vendite, e anche se non era sicuro che le piacesse molto meglio, era troppo spaventata per cambiare radicalmente la sua carriera e così divenne un ingegnere delle vendite e andò a posto.

All'età di 45 anni, Patty sviluppò il cancro … e non ne parlò a nessuno: non attraverso l'operazione, né il corso delle radiazioni, né il breve giro di chemio. Fortunatamente, era solo la fase 1B e così dopo un mese, è tornata al lavoro, nessuno più saggio.

Patty è episodicamente solitario.

La biografia di Marty Nemko è su Wikipedia.

Solutions Collecting From Web of "Storie di isolamento: un episodio di reclusione"