Storie d'amore: il matrimonio è necessario?

Storie d'amore: il matrimonio è necessario?

Giusto in tempo per San Valentino, alcuni debutti non-fiction recenti e molto pubblicizzati faranno sicuramente venire voglia di romanticismo. Restare fedeli, di Jenny Sanford, racconta la rottura pubblica del suo matrimonio con il governatore della Carolina del Sud Mark Sanford, che in fondo non stava facendo un'escursione sull'Appalachian Trail. Sposalo di Lori Gottlieb (il sottotitolo di cui – Il caso di stabilirsi per Mr. Good Enough , lo dice tutto) ti accusa di essere troppo pignolo e ti spinge a far saltare quel ragazzo che è un 8 piuttosto che aspettare il 10. E The Politician , il nuovo ed esplosivo racconto di Andrew Young su John Edwards, descrive in dettaglio la sua infedeltà ed espone, per la nostra lurida delizia, i combattimenti operistici e la seconda famiglia che ha iniziato mentre sua moglie stava lottando contro il cancro.

Certo, questi libri non descrivono le esperienze della maggior parte di noi. Speriamo che i nostri rapporti non siano tutti colorati dal narcisismo messianico, dalla bigamia e dal profondo cinismo riguardo al binomio "prima che sia troppo tardi".

Ma nei loro modi drammatici e esagerati, questi libri parlano di una verità più tranquilla, meno drammatica: il matrimonio non è ciò che pensiamo che sia, e non è facile. Molti matrimoni non stanno andando bene. Mentre i tassi di divorzio per i primi matrimoni sono saliti da un massimo negli anni '80 del 50% al 43% secondo il Censimento più recente, il 43% non è un motivo per ballare nelle strade. Soprattutto se si considera che nelle more ai figli, i tassi di divorzio possono raggiungere il 72%, secondo E. Mavis Hetherington, lo stimato psicologo, ricercatore di famiglia e autore del lodato 30 anni di studio longitudinale della Virginia.

Perché? Molto inchiostro è stato versato e molto respiro è stato speso e molte spese di officina sono state biforcate nell'interesse di ciò che è sbagliato nei matrimoni, e come migliorarle, renderle più soddisfacenti, eque, sessualmente eccitanti, emotivamente in salute, nutrienti, e armonioso. Il salvataggio dei matrimoni è un settore da molti milioni di dollari, e sappiamo per esperienza diretta, molti di noi, che può funzionare. I matrimoni, alcuni di loro, possono essere salvati.

Ma il matrimonio probabilmente non può.

Mentre i terapeuti sposati e coppie ci dicono come salvare i nostri matrimoni, sociologia, antropologia e ecologia comportamentale umana suggeriscono che non sono tanto le coppie sposate quanto lo stesso matrimonio, l'istituzione, che è nei guai. Il problema dei matrimoni è in realtà il problema fondamentale del matrimonio: i matrimoni si stanno disgregando in gran parte perché il matrimonio non è più necessario. Almeno, non nel modo in cui era una volta.

Sociologi e storici del matrimonio ci dicono che il matrimonio era in origine una specie di transazione commerciale piuttosto che un'impresa basata sull'attrazione e sull'amore tra due individui. Storicamente nella cultura occidentale, le persone di famiglie benestanti venivano indirizzate al matrimonio per creare legami, alleanze e obblighi reciproci con altre potenti famiglie o anche tra le nazioni, nel caso dei reali. Per le classi inferiori, il matrimonio era una questione di creazione di una forza lavoro per gestire una fattoria o una piccola impresa. Le famiglie erano economie centrate sulla produzione, in cui il lavoro maschile e femminile erano complementari, ei bambini che avevano insieme o riuniti dai precedenti sindacati (i tassi di mortalità materna erano alti fino alla fine del XIX secolo) erano radicati. Il matrimonio era necessario. E le seconde nozze con i bambini dopo la morte di un coniuge – un avvenimento comune fino a tempi relativamente recenti – erano considerate la cosa più civica che un uomo o una donna potessero fare. La famiglia e, per estensione, tutta la società dipendevano da esso, dopotutto.

Ma all'inizio del XX secolo, lo storico del matrimonio Stephanie Coontz sottolinea, con le nozioni di individuo, libertà e uguaglianza ben consolidate dall'Illuminismo e dalle rivoluzioni francese e americana, e il conseguente aumento della corrispondenza d'amore, il matrimonio era diventato un animale completamente diverso. Il matrimonio si è trasformato da istituzionale, nella famosa formulazione del sociologo Ernest Burgess, al compagno e ora, qualcosa di più individualista. Il matrimonio è ora atteso per nutrire, soddisfare e supportare i membri della coppia in una varietà di modi incredibilmente vertiginosa: emotivamente, sessualmente, psicologicamente.

Allo stesso tempo, osserva il sociologo Andrew Cherlin, quando le donne sono venute a partecipare di più alla forza lavoro, anche le micro-economie domestiche sono cambiate, dalla produzione al consumo. I ruoli di genere sono diventati più flessibili. Le donne ora avevano la libertà economica di andarsene dalle unioni infelici. Per non parlare dell'opportunità di trovare amicizia, empowerment e altri potenziali partner sul posto di lavoro.

I tempi continuano a cambiare, e il matrimonio, che ci piaccia o no, è legato ai nostri tempi e alle forze del cambiamento storico. Ad esempio, il matrimonio non è più l'unico contesto accettabile per i bambini: sempre più le coppie negli Stati Uniti scelgono di convivere anziché sposarsi (e nei paesi scandinavi come la Svezia queste coppie hanno meno probabilità di rompere rispetto alle coppie sposate negli Stati Uniti). di queste coppie conviventi hanno anche figli al di fuori del matrimonio. E a causa dell'aumento del potere economico delle donne e dell'aumento delle tecnologie riproduttive, più donne possono e scelgono di avere figli al di fuori del matrimonio e anche al di fuori della struttura completamente conciliativa.

Per quanto riguarda coloro che suggeriscono che il legame di coppia eterosessuale è parte della nostra storia evolutiva e quindi "giusto" e "per sempre", ci sono molte prove in contrario. In molte culture foraggianti contemporanee, ad esempio, che vivono come i biologi evoluzionisti credono di aver fatto nell'era del Pleistocene, uomini e donne si "sposano" nove o dieci volte ed è molto più probabile che i bambini vivano in famiglie ricostituite o con genitori single rispetto a due i genitori. L'idea che la coppia di coppie permanenti come ora sappiamo che è senza tempo è un ecologista comportamentale umano che ora considera lo scetticismo se non addirittura l'incredulità.

Molti sostengono che abbiamo "bisogno" di matrimoni per essere emotivamente e fisicamente sani, e studi recenti affermano di dimostrarlo, ma ci sono anche prove che il matrimonio è dannoso – il National Marriage Project ha scoperto che la percentuale di donne bianche della classe medio alta che descrivevano i loro matrimoni felici cadono dal 74% al 68% negli ultimi decenni. Altri studi dimostrano che le donne sposate hanno maggiori probabilità di essere depresse rispetto alle donne non sposate, e che le donne con figliastri hanno molte più probabilità di essere clinicamente depresse rispetto a quelle senza.

Indipendentemente dalle nostre convinzioni morali e ideologiche e dalla nostra politica pubblica su ciò che dovrebbe essere e su come dovremmo valutarlo, il fatto è che il matrimonio non è quello che era una volta perché il mondo non è più quello di una volta: in gran parte agrario, con una divisione del lavoro ordinata in base al genere all'interno delle famiglie le cui economie incentrate sulla produzione si incentrano anche sulla produzione e sul contributo dei bambini. Coloro che propongono un ritorno ai "matrimoni tradizionali" avrebbero dovuto fornire anche macchine del tempo – il matrimonio è sposato con il suo momento storico, e ne abbiamo inserito uno nuovo.

Molti di noi hanno familiarità con l'argomento secondo cui i matrimoni non sono fattibili nel modo in cui erano un tempo – perché ora viviamo molto più a lungo, e "finché morte non ci separi" è probabile che siano cinque o sei decenni anziché uno o Due; perché siamo più mobili come società e quindi le forze che storicamente hanno aiutato le persone sposate a stare insieme, forze come la chiesa e la famiglia allargata, hanno meno influenza su di noi; perché è semplicemente irragionevole aspettarsi che una relazione ci soddisfi in tanti modi; perché, alcuni sostengono, non siamo "cablati" per la monogamia.

Eppure le persone vivono ogni giorno il matrimonio e lo fanno funzionare. Non siamo tutti Mark Sanford o John Edwards, e la visione anti-romantica di Gottlieb lascerà molti di noi freddi, anche (a giudicare dalle recensioni nella blogosfera) indignati. Ma con il matrimonio meno necessario che mai, la sfida diventa, come possiamo rendere i nostri matrimoni necessari e rilevanti? Come possiamo mantenere il matrimonio, per non parlare dei matrimoni, vivi? E dovremmo anche provare?

Fonti / ulteriori letture:

Andrew Cherlin, "La deistituzionalizzazione del matrimonio americano", Journal of Marriage and the Family 66 (novembre 2004)

Burgess e Locke, The Family: from Institution to Companionship (1960)

Stephanie Coontz, Marriage: a History (2005)

Mavis Hetherington, For Better or peggio: Divorce Reconsidered (2002)

Barry Hewlett e Michael Lamb, eds., Hunter Gatherer Childhoods ,: Evolutionary, Developmental and Cultural Perspectives (2005)

Sarah Blaffer Hrdy, "Il passato, il presente e il futuro della famiglia umana", Tanner Series Lecture on Human Values, University of Utah, 27 e 28 febbraio 2001.

Brad Wilcox, The National Marriage Project, citato da Jessica Grose, Slate , 1 febbraio 2010

Solutions Collecting From Web of "Storie d'amore: il matrimonio è necessario?"