Stili di comunicazione in Estonia e negli Stati Uniti

Questo post è stato scritto da Lawrence T. White. È il primo di una serie in tre parti sull'Estonia e gli estoni.

The Vetik family, used with permission.
Fonte: la famiglia Vetik, usata con il permesso.

Negli ultimi cinque mesi, sono stata visiting professor di psicologia all'Università di Tartu in Estonia. Vivere e lavorare in un paese straniero può essere molte cose, ma "noioso" di solito non è uno di questi. Qualcosa di nuovo e interessante succede quasi ogni giorno, quindi ho deciso di condividere alcune delle mie osservazioni e riflessioni sull'Estonia e gli estoni.

È sempre rischioso fare generalizzazioni su gruppi di persone, in parte perché le variazioni individuali all'interno di un gruppo sono solitamente maggiori delle differenze tra i gruppi. Tuttavia, i gruppi culturali spesso differiscono gli uni dagli altri in modi psicologicamente interessanti. Le differenze potrebbero non essere grandi, ma sono reali.

È anche rischioso avanzare pretese su un gruppo a cui non appartieni. Non sono estone e non ho antenati estoni. Tuttavia, ho amici e colleghi estoni che gentilmente rispondono alle mie numerose domande. Ho visitato l'Estonia per la prima volta nel 1997 come Fulbright Scholar e sono tornato ogni due anni per insegnare e condurre ricerche. Ma i räägi eesti keelt hästi, aga räägin ja loen natuke . (Non parlo bene l'estone, ma parlo e leggo un po '.)

Secondo me, una delle differenze più evidenti tra estoni e americani è lo stile di comunicazione preferito o predefinito. Lo stile di comunicazione estone è più riservato rispetto al tipico stile americano. [1]

C'è una vecchia battuta che la maggior parte degli estoni conosce. Come puoi capire la differenza tra un introverso estone e un estone estone? Risposta: quando l'introverso parla, si guarda le scarpe. Quando l'extravert parla, guarda le tue scarpe.

Gli estoni parlano tranquillamente negli spazi pubblici, nei caffè, nei negozi e per strada. Molte volte ho visto un bambino correre davanti a sua madre verso un incrocio trafficato. La madre estone non urla al figlio di fermarsi; lei alza il ritmo e chiama il bambino con una voce normale.

Nei caffè estoni è quasi impossibile sentire quello che dicono gli altri a meno che non siano seduti al tuo tavolo. Quando torno a casa dopo aver vissuto in Estonia per diversi mesi, sono terrorizzato dal livello di rumore nei bar, nei ristoranti e nei centri commerciali. Noi americani potremmo imparare una cosa o due, penso, su come comportarci negli spazi pubblici.

Gli estoni non affermano l'ovvio. Parlano quando hanno qualcosa da dire. Dopo 10 visite in Estonia negli ultimi 18 anni, mi trovo ancora a dire cose sciocche come "è un bel giorno" e "come stai?" Dal mio punto di vista americano, suppongo che sto cercando di creare una connessione con qualcuno, ma quel tipo di chiacchiere può far sentire a disagio un estone. Dal loro punto di vista, è inutile.

All'Istituto di Psicologia, dove lavoro, i colleghi si riconoscono all'inizio della giornata di lavoro osservando e pronunciando un semplice tere (ciao). Quando le loro strade si incrociano di nuovo nel corso della giornata, non si riconoscono una seconda volta. Nessun cenno del capo, nessun sorriso, nessun flash di sopracciglia. Sono già stati lì, fatto.

Gli estoni si sentono a proprio agio con il silenzio. Ho passato molte ore nei caffè e nei parchi, osservando le persone. Ho visto spesso due persone mangiare insieme o camminare insieme e parlare a malapena. Non sono né depressi né arrabbiati. Semplicemente non hanno bisogno di riempire lo spazio vuoto con le parole.

Gli estoni si avvicinano raramente o parlano a qualcuno che non conoscono. Nel mio tempo in Estonia, non penso che sia mai accaduto. Sono stato avvicinato da estranei, ma è sempre stato un estone russo, un turista straniero o un missionario americano. La regola qui sembra essere "non disturbare gli altri".

Questa regola può produrre risultati umoristici. Alcuni mesi fa sono andato al cinema e mi sono seduto sul sedile assegnato a me dal computer della cassiera. Altre sei persone hanno fatto la stessa cosa Il computer dava a ogni persona il posto migliore disponibile, il che significava che tutti noi eravamo stipati come le sardine nel centro esatto di un teatro altrimenti vuoto. Dopo che le luci si sono abbassate e il film è iniziato, non una singola persona si è trasferita in un altro posto. Restammo tutti messi, non volendo disturbare o offendere qualcuno.

Ho notato un cambiamento nello stile di comunicazione estone dalla mia prima visita nel 1997. Parte di uno stile di comunicazione riservato è la tendenza a non usare i superlativi, per non dire che qualcosa è il migliore o il più, per esempio. Ma oggi ascolto gli estoni usando i superlativi quasi con la stessa frequenza degli americani, forse a causa del flusso di programmi televisivi americani.

A febbraio, ero uno spettatore a una gara di sci nordico di 100 metri a Tartu. Alla fine di una gara molto combattuta, l'annunciatore animato gridò uskumatu (incredibile)! Dopo che questo è accaduto sei volte di fila, sono giunto alla conclusione che le finiture ravvicinate in una gara breve erano, in realtà, abbastanza credibili.

Siamo creature abitudinarie, ma le abitudini possono essere infranti. Nel corso degli anni, ho imparato ad apprezzare e persino a preferire lo stile di comunicazione estone. In un certo senso è liberatorio sapere che non devi riconoscere tutti quelli che vedi. Per sapere che puoi camminare negli spazi pubblici e non essere disturbato. Per sapere che puoi stare seduto in silenzio e goderti la semplice presenza di un altro essere umano.

*******

[1] In questo post, l'estone si riferisce agli estoni etnici che vivono in Estonia, e l'americano si riferisce agli americani bianchi e borghesi. Sono ben consapevole della diversità etnica e dei diversi stili di comunicazione esistenti all'interno di ciascun paese.

Solutions Collecting From Web of "Stili di comunicazione in Estonia e negli Stati Uniti"