Stigmatizzare il proprio peso aumenta i rischi per la salute

Pinterest/Fiterazzi
Fonte: Pinterest / Fiterazzi

Il grattacapo è un fattore di stress cronico che può causare alle persone di stigmatizzare e interiorizzare stereotipi negativi, che possono esacerbare i rischi per la salute, secondo un nuovo studio della School of Medicine dell'Università della Pennsylvania. I risultati di gennaio 2017 sono stati pubblicati sulla rivista Obesity .

Questo è il primo studio che individua una correlazione tra individui con obesità che si auto-stigmatizzano (noto anche come "internalizzazione della ponderazione del peso" o WBI) e aumenta il rischio cardiometabolico.

La vergogna è una forma di bullismo che può avere conseguenze gravi sulla salute

Come sa chiunque si senta sovrappeso, affrontare lo stigma sociale di un alto indice di massa corporea (BMI) o obesità comporta dover affrontare le emozioni negative di essere stereotipati come pigri, privi di forza di volontà o poco attraenti. Troppo spesso, le persone sono accusate, vergognose e ridicolizzate per il loro peso in eccesso. Sfortunatamente, molte persone con obesità svalutano i loro sentimenti di autostima e il potenziale umano a causa del loro peso. Questo deve fermarsi.

Il grasso che si vergella è una forma pervasiva di pregiudizi e bullismo, specialmente sulle piattaforme dei social media. Ad esempio, durante il fine settimana, un senatore dello stato dell'Indiana ha pubblicato un meme fatidico sulla sua pagina di Facebook che ha deriso i partecipanti alla Marcia delle donne di sabato come "donne grasse".

Il New York Daily News ha riferito che la pagina Facebook del parlamentare dell'Indiana mostrava una folla sfocata di persone alla Marcia delle donne con la didascalia " In un giorno, Trump ha fatto camminare più donne grasse, rispetto a Michelle Obama in 8 anni.

Come prevedibile, questo ha innescato una reazione dei social media da parte di altri utenti su Facebook e Twitter che hanno condiviso screenshot del meme fat-shaming dalla pagina del senatore. Fortunatamente, l'ondata di feedback negativo ha provocato la cancellazione del post fat-shaming e l'account è diventato privato.

Questa storia di fat shaming illustra perché i ricercatori di Penn che hanno identificato un legame tra sentirsi auto stigmatizzati a causa del proprio peso e aumento del rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche stanno spingendo tutti noi a smettere di perpetuare stereotipi negativi basati sulla forma, la dimensione o la percentuale di qualcuno di grasso corporeo.

Incolpare e vergognare le persone non promuove la perdita di peso

In una dichiarazione rilasciata a Penn Medicine, Tom Wadden, professore di Psicologia in Psichiatria e direttore del Centro per i disturbi del peso e dell'alimentazione di Penn e coautore dello studio, ha dichiarato:

"Gli operatori sanitari, i media e l'opinione pubblica dovrebbero essere consapevoli che incolpare e maltrattare i pazienti con obesità non è uno strumento efficace per promuovere la perdita di peso, e può, infatti, contribuire a una cattiva salute se i pazienti interiorizzano questi messaggi pregiudizievoli.

I fornitori possono giocare un ruolo fondamentale nel ridurre questa interiorizzazione trattando i pazienti con rispetto, discutendo il peso con sensibilità e senza giudizio e dando supporto e incoraggiamento ai pazienti che lottano con la gestione del peso, comportamenti che tutti dovrebbero mostrare quando interagiscono con le persone con obesità ".

È interessante notare che i ricercatori hanno scoperto che il grado in cui un pregiudizio del peso auto-stigmatizzato o internalizzato ha avuto un impatto enorme sul grado di aumento dei rischi per la salute.

Ad esempio, i partecipanti allo studio con i più alti livelli di internalizzazione del peso corporeo erano tre volte più probabilità di avere la sindrome metabolica e sei volte più probabilità di avere alti trigliceridi rispetto ai partecipanti con internalizzazione di peso ridotto.

"Il tuo corpo è solo un piccolo elemento di ciò che sei." – Callie Thorpe

Qualche giorno fa, una storia autorizzante della rivista People ha messo in evidenza come Callie Thorpe, un'artista di una rivista londinese, abbia fatto i conti con il fatto di essere stata svergognata dopo aver pubblicato le proprie foto in bikini in luna di miele. Le foto mostravano cellulite (molto normale). La maggior parte dei commenti è stata positiva, ma le foto hanno anche suscitato commenti negativi sui social media.

Callie Thorpe ha deciso di rendere pubblica la sua storia per sensibilizzare sul grasso che lagna. Ha anche offerto alcuni consigli commoventi sui modi pratici per fermare l'auto-stigmatizzazione e ridurre l'internalizzazione del peso. Thorpe ha detto alla gente ,

"I commenti sono iniziati dopo aver postato una foto di me stesso in sella a una bicicletta in bikini in una giornata trascorsa a Tulum. Ho avuto un feedback così positivo, ma come ogni cosa, ho ricevuto un paio di brutti che mi chiamavano nomi. . . Ho iniziato a piangere e ho pensato, 'Quando finirà?' e 'Perché me lo merito solo perché condivido le foto di me stesso godendo la mia vita su Internet come tutti gli altri?'

C'è questo presupposto che se ti metti online che sei un gioco equo per abuso, e penso che sia inaccettabile. Nessuno merita di essere deriso per la loro taglia. Lascia che le persone vivano le loro vite come preferiscono.

Ricorda che il tuo corpo è solo un piccolo elemento di chi sei. Quanto sei gentile, quanto sei amorevole, quanto potente, intelligente e intelligente sei anche importante. Penso che mettiamo troppa pressione su noi stessi e la gentilezza è la chiave per trovare l'amore per il corpo. "

In una dichiarazione sulla sua ultima ricerca fat-shaming, Rebecca Pearl, assistente professore di Psicologia in Psichiatria presso il Centro per i disturbi del peso e dell'alimentazione di Penn, che ha condotto la ricerca a detrimento di livelli più elevati di internalizzazione del peso, offre anche alcuni consigli:

"La disprezione degli altri a causa del loro peso e dei messaggi che perpetuano la colpa e la vergogna, se internalizzati, possono causare danni alla salute fisica e mentale delle persone con obesità.

Come operatori sanitari, possiamo aiutare a sfidare stereotipi negativi interiorizzati educando i pazienti sui complessi fattori biologici e ambientali che contribuiscono all'obesità, fornendo allo stesso tempo strategie concrete per aiutare i pazienti a gestire il loro peso e migliorare la loro salute ".

Si spera che l'impatto negativo dei grassi che si vergognano sotto i riflettori ridurrà questa forma di bullismo. Le ultime ricerche suggeriscono che se il grasso da shaming porta a livelli elevati di auto-stigmatizzazione, può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche.

Pertanto, se tendi a stigmatizzarti sul tuo peso, ricorda che è molto importante mantenere al minimo l'internalizzazione del peso corporeo. Invece di cercare di mangiare più sano ed esercitare di più per perdere peso, riformulare il modo in cui interiorizzi la tua immagine corporea può avere enormi benefici per la salute psicologica e fisica.

Solutions Collecting From Web of "Stigmatizzare il proprio peso aumenta i rischi per la salute"