Stigma di salute mentale in sanità

U.S. AIR FORCE PHOTO BY AIRMAN ISAAC JOHNSON
Fonte: FOTO DELLA US AIR FORCE DI AIRMAN ISAAC JOHNSON

Secondo l'esperto di politica sanitaria Daniel E. Dawes, "Il disegno di legge del Senato è un conto ancora più meschino del conto della Camera." Dawes (che era una forza strumentale nella stesura dell'Academy Care Act [ACA]) e altri sostenitori della salute mentale sono combattendo per proteggere i benefici essenziali attualmente sotto attacco da parte degli oppositori di Obama, compresi i benefici per la salute mentale e la cura delle dipendenze.

"Probabilmente vedremo molte più persone che hanno problemi ad accedere alle cure", dice, riferendosi al piano del progetto di legge per il rinnovo dell'espansione Medicaid. La sua più grande preoccupazione è la concessione di un blocco, che potrebbe causare quasi 4 milioni di persone che perdono la copertura della salute mentale. "Questo è un enorme affare per loro poiché molti di loro non hanno mai avuto accesso ai servizi di salute mentale fino all'ACA", continua Dawes. "Sappiamo a livello statale, in molti stati, in termini di potenti gruppi di pressione, la salute mentale è considerata secondaria in termini di finanziamenti. Sono riluttante a fare affidamento sugli stati per fare la cosa giusta. "Sostenere questi problemi in 50 stati invece di cercare di preservare i guadagni realizzati, afferma Dawes, sarà molto più impegnativo che su un piano nazionale che tutti devono incontrare in termini di finanziamento. Questo, dice, sarà uno sforzo estenuante e costoso.

La salute mentale come inferiore

"Quando l'assistenza sanitaria diventa fredda, la salute mentale diventa polmonite", dice Jeffrey Lieberman, MD, presidente della psichiatria alla Columbia University e New York Presbyterian Hospital e past presidente della American Psychiatric Association. "Se riduciamo il meccanismo di finanziamento – rimborsando i fornitori e offrendo alle persone l'accesso alle cure – ridurrà il numero di persone che sono in grado di ricevere cure e, di conseguenza, vedremo le conseguenze sociali: più senzatetto, incarcerazione, più persone visitano il pronto soccorso in fasi di crisi, suicidio, dipendenza, violenza ".

Stigma in campo militare

Una delle conseguenze a cui si riferisce Lieberman sarà l'effetto sui militari e sui veterani. Meno della metà di tutti i veterani statunitensi ricevono effettivamente le loro cure sanitarie attraverso la Veteran's Administration (VA), sia perché non si qualificano per i sussidi o vivono troppo lontano da una struttura. Questo lascia quasi un veterano su 10 che fa affidamento su Medicaid per la loro assistenza sanitaria. Se viene approvato il disegno di legge sull'assistenza sanitaria del Senato, questo lascerà circa 1,75 milioni di veterani senza copertura. Dato che i veterani hanno un rischio di suicidio più elevato del 21% rispetto ai civili – portando a circa 20 suicidi ogni giorno – le conseguenze di perdere la copertura della salute mentale potrebbero essere devastanti.

"I militari hanno avuto uno tsunami di problemi legati alla salute mentale", afferma Lieberman. "Ci sono stati problemi psicologici storicamente, dalla Guerra Civile quando è stato definito 'shock shell'." Quello che ora conosciamo come disturbo da stress post-traumatico (PTSD) non è stato nominato fino alla guerra del Vietnam, e non è stato fino al 1980 che è stato riconosciuto dall'American Psychiatric Association come un disturbo diagnosticabile. "Che queste condizioni siano reali ed esistano nell'esercito è difficile da accettare per molti a causa dell'etica", afferma Lieberman. "Qualche idea di debolezza psicologica. Se non riesci a vedere la ferita, non esiste. "

Paul A. Dillon è un avvocato per i veterani e un membro del Consiglio direttivo del Kennedy Forum Illinois. Creato nel 2013 dall'ex rappresentante statunitense Patrick J. Kennedy, il Kennedy Forum è un'organizzazione nazionale senza scopo di lucro la cui missione è "cercare di unificare il sistema sanitario e riunire la comunità della salute mentale attorno a un insieme comune di principi … per rompere questo silenzio nelle nostre comunità civili, militari e veterane, per ribaltare questa conversazione sulla malattia mentale e le patologie correlate, da qualcosa di cui vergognarsi e nascondersi, alla ricerca di un trattamento ".

In un articolo apparso per la prima volta nelle note informative del programma di psicologia militare tenutesi il 10 agosto 2016 presso l'Adler University di Chicago, Dillon ha scritto:

Fino ad oggi, in molte, ma non tutte le istanze nelle Forze Armate, malattie mentali, PTSD, TBI, abuso di sostanze e simili sono state viste come vergognose debolezze … come difetti morali … come difetti non degni di un guerriero. E questa attitudine, purtroppo, può riguardare le persone che hanno lasciato il servizio … i veterani della nostra nazione. Naturalmente, sappiamo, basandosi su dati, analisi e analisi a posteriori empiricamente derivati, che queste patologie non sono punti deboli – non sono mancanze morali – non sono difetti. Sono malattie che nessuno dovrebbe vergognarsi di avere … sono malattie come il cancro e il diabete sono malattie.

Protezione della parità di salute mentale

Uno degli obiettivi del Kennedy Forum che riguarda direttamente la nostra comunità di veterani è quello di proteggere la parità di salute mentale, un altro atto legislativo che sia Dillon che Dawes dicono essere sotto attacco. La Mental Health Parity e Addiction Equity Act del 2008 (MHPAEA o Parity Law) prometteva equità nella copertura assicurativa della cura della salute mentale e del disturbo da uso di sostanze, mettendole alla pari con benefici medici / chirurgici. "Volevano affidarlo come un beneficio per la salute essenziale, ma non potevano farlo", dice Dawes. "Per la prima volta nella nostra nazione, l'ACA ha imposto che la salute mentale e la dipendenza fossero benefici essenziali e l'espansione della regola della parità a questi piani e oltre. Questa è stata una grande vittoria. "

Ma a distanza di anni, la parità di salute mentale e di abuso di sostanze fino alla piena estensione della legge non è ancora una realtà, e troppi americani continuano a essere privati ​​delle cure quando ne hanno più bisogno. "Per soddisfare la promessa della legge sulla parità", afferma Dillon, "dobbiamo rendere i piani di assicurazione sanitaria responsabili di rispettare la lettera e lo spirito della legge".

Attuando le disposizioni proposte, il nostro governo farà del male alle stesse persone che hanno giurato di servire e proteggerci. Come è giusto?

"Se non siamo consapevoli della storia della riforma della salute mentale", afferma Dawes, "credo che questa sia l'ultima opportunità per preservare i guadagni che abbiamo ottenuto. Se i repubblicani hanno successo nello smantellamento [dell'ACA], credo che non riusciremo mai, nella nostra vita, a riconquistare ciò che abbiamo perso ".

Questo articolo è apparso per la prima volta su The Huffington Post.

Solutions Collecting From Web of "Stigma di salute mentale in sanità"