Stampelle psicologiche: dieci miti e tre punte

Mito 1. Le stampelle psicologiche sono cattive: accusiamo le persone di usare le stampelle psicologiche, come se fossero sempre cattive. È strano quando ci pensate, dal momento che pensiamo che le stampelle siano buone in medicina, ad esempio, supporto per un ginocchio debole, un'anca dolorante o una gamba curativa, come impalcature quando la struttura è debole, quindi i pazienti possono andare avanti le loro vite. Naturalmente, si può diventare troppo dipendenti da una stampella fisica. Trascorrere troppo tempo su una stampella può distorcere anche la postura. Tuttavia, le stampelle hanno un posto in medicina e anche in psicologia.

Cos'è una stampella psicologica? Qui lo definirò in parallelo a una stampella fisica come qualsiasi cosa su cui fai affidamento attraverso la vulnerabilità. Ciò su cui fai affidamento potrebbe essere chimico, emotivo, intellettuale, persino fisico, ad esempio lo shopping o l'esercizio aerobico quando stai attraversando una rottura psicologicamente dolorosa. E la vulnerabilità potrebbe essere anche di qualsiasi tipo, una rottura, un lavoro perduto, obiettivi delusi, invecchiamento, malattie, persino un'anca dolorante. Una crutch psicologica è qualunque cosa ti faccia passare la notte o le notti (dal momento che le vulnerabilità possono durare un po '), la notte oscura dell'anima, che può anche essere una vulnerabilità terminale, ad esempio quando ti è stata diagnosticata una malattia terminale.

Abbiamo altri nomi per le stampelle. Quando le persone si distraggono da vulnerabilità dolorose, diciamo che sono "in segno di rifiuto". Più tecnicamente, parliamo di "dissociazione", disconnettendo da pensieri e sentimenti, tipicamente per mezzo di distrazioni. Una leggera dissociazione è vista come un modo per affrontare un lieve disagio, sognare ad occhi aperti quando è annoiato o guardare un film quando è stanco. Ma per lo più gli psicologi pensano alla dissociazione come disadattativa, come nei molti disordini dissociativi che gli psichiatri diagnosticano.

Recentemente gli scienziati sociali hanno notato i benefici del sognare ad occhi aperti, di allontanarsi dal lavoro e della pratica della consapevolezza, che sono tutte forme di dissociazione, distraendoci dai nostri travagli quando siamo troppo in profondità per il nostro bene. È tempo di distinguere tra buone e cattive stampelle o dissociazioni, o potremmo dire tra ordini e disordini dissociativi.

Mito 2. Le stampelle psicologiche sono rare: quando a mia madre, una non fumatrice sulla cinquantina, veniva diagnosticato un cancro ai polmoni metastatizzato al cervello, nello shock dei primi giorni si muoveva molto rapidamente verso le consolazioni della filosofia e spiritualità, un salto quasi maniacale verso l'euforia. Un amico un po 'famoso, famoso anche per la sua tendenza a piegare la verità da solo, mi prese da parte e le diagnosticò un'aria autoritaria e un po' sdegnosa come "negare".

Lo facciamo quando disdegniamo un tratto negli altri, che può essere un po 'il divertimento di identificare i difetti di altre persone. Nei momenti di gioia, distratti da ciò che non va negli altri, possiamo dimenticare i nostri stessi difetti. In effetti, tale sdegno può servire come suo tipo di stampella, nel suo caso, temporanea dissociazione dalla consapevolezza delle nostre stampelle. La verità è che le stampelle psicologiche, come li ho definiti, non sono una patologia rara che si trova nelle anime più deboli. Li usiamo tutti e la domanda non è se, ma quando e come usarli. Altrove ho chiamato questa ricerca di "illusione ottimale" che si sta prendendo in giro dove aiuta, piuttosto che ferire.

Mito 3. Le stampelle psicologiche non sono naturali. Parliamo di persone che usano droghe come una stampella. Negli ultimi 50 anni gli scienziati hanno scoperto che tutti noi abbiamo recettori per molti farmaci che alterano la mente, e anche equivalenti interni per loro, ad esempio l'endorfina, l'equivalente naturale del corpo alla morfina. L'altezza di un corridore, o il piccolo formicolio che proviamo dopo aver mangiato del cibo piccante, è davvero l'equivalente di un lieve ronzio della morfina. Apparentemente, siamo tutti equipaggiati con antidolorifici naturali evoluti: stampelle psicologiche come l'endorfina per farci passare. Questi farmaci endogeni non sono l'unico esempio, ma come eccezioni essi smentiscono la regola. Apparentemente tutte le stampelle non sono innaturali.

Mito 4. Le stampelle psicologiche sono tutte come droghe e acquisti, cose che si ottengono da fuori di te: molte stampelle sono invenzioni della nostra mente, fantasie, per esempio su come siamo destinati a essere popolari, giuste e di successo, distrazioni per affrontare le delusioni che sperimentiamo, le cattive notizie della vita quotidiana.

Mito 5. Le stampelle psicologiche sono solo salutari se usate temporaneamente: nella ricerca di modi per distinguere le buone stampelle da quelle cattive, potremmo pensare che quelli buoni vengano usati con parsimonia e temporaneamente come le stampelle fisiche. Ma poi le stampelle fisiche non sono tutte temporanee. Ad esempio, la sedia a rotelle di un quadriplegico è per sempre. Tutto è temporaneo, comprese le nostre vite, ma alcune stampelle durano così a lungo. Le religioni possono essere una stampella e non necessariamente cattive. Molti hanno affrontato la morte con lo stress della vita distraendosi con visioni dell'aldilà. è una cosa buona? Non si può dire semplicemente per quanto tempo durano. In effetti si potrebbe sostenere che una buona stampella è una su cui si può fare affidamento per molto tempo.

Mito 6. Usare le stampelle psicologiche è imbrogliare: se le stampelle sono a volte naturali e se tutte le usiamo, non sono intrinsecamente imbrogli se non affermi che tutti imbrogliano. Siamo ambivalenti riguardo alle stampelle psicologiche, ma semplificiamo parlando di quelli che ci piacciono in termini positivi. Ad esempio, ammiriamo le persone ottimiste, persone che durante i periodi difficili possono distrarsi con visioni fiduciose, anche se non realistiche, di un domani migliore. Non urliamo alle persone con le stampelle, "Ehi, imbroglione, smetti di fingere! Non cammini così bene. Diventa reale! "E non lo urliamo su ottimisti etere. Noi tolleriamo le stampelle l'uno dell'altro e spesso li ammiro anche.

Mito 7. Ogni volta che ignori le cose che stai negando o usando una stampella: usare una stampella, essere nel diniego o dissociare tutto fa sembrare l'ignoranza come un processo attivo. Per capire perché ignorare non è sempre un processo attivo, pensa solo a tutte le cose che non stai ignorando attivamente e di cui non sei consapevole. Non possiamo prestare attenzione a tutto. Non possiamo nemmeno prestare attenzione ad ogni scelta su cosa frequentare e ignorare. La mente è un foro stenopeico in un'alluvione. Solo un po 'passa. Prestiamo attenzione a ciò che intuiamo per essere significativi, a volte significativi controlli della realtà e, a volte, distrazioni significative per affrontare il dolore dei controlli di realtà.

Mito 8. Le stampelle psicologiche riducono sempre la tua integrità: spesso è necessaria una stampella per mantenere l'integrità, un impegno costante verso un piano o un obiettivo. Le stampelle psicologiche sono come continuiamo a muoverci su terreno psicologicamente accidentato. Come una stampella per una brutta gamba, una stampella psicologica, che si tratti di una razionalizzazione o di una baldoria di acquisti è un modo per alleggerire il carico di cattive notizie, mentre cammini tra le vicissitudini della vita, sinistra, destra, sinistra, destra, buone notizie; cattive notizie, buone notizie, cattive notizie. E come per i lanci di monete, a volte le buone notizie "teste" e "cattive notizie" non arrivano con una regolarità alternata affidabile. A volte ottieni una serie di cattive notizie senza motivo, ma il sorteggio casuale. Le stampelle sono un buffer. Ti permettono di continuare a respirare quando le notizie sono abbastanza brutte che altrimenti avresti il ​​vento buttato fuori da te. Le stampelle psicologiche sono come le grinfie, un modo per far girare le ruote mentre si pensa a come rispondere, magari scalando le proprie aspettative, ma spesso andando avanti con integrità e coerenza.

Le stampelle possono anche ridurre l'integrità, ovviamente. Razionalizza qualsiasi cosa abbastanza a lungo in modo da poter mantenere l'integrità su di essa ("no, intendevo farlo. Sto vicino alla mia azione"), e aumenterai la tua generale credulità. Come ogni abitudine, la razionalizzazione diventa più facile con la pratica. Il trucco non è smettere di razionalizzare ma razionalizzare dove aiuta piuttosto che ferire. Questa è l'arte dell'illusione ottimale, prendendoti bene, non sbagli.

Mito 9. C'è un modo semplice per distinguere il buono dalle stampelle sbagliate: ci basiamo soprattutto sull'intuizione quando accusiamo qualcuno di essere nel diniego o di usare una stampella psicologica. Se pensi che qualcuno dovrebbe prestare attenzione a quello che sei, la tua critica istintiva è che stanno ignorando ciò che è importante, distratto da ciò che non è importante. Dicono "Non è così interessante per me quanto lo è per te" e le nostre intuizioni dicono "Stanno solo negando".

Allo stesso modo, le nostre viscere dichiarano le persone ignoranti, il che significa essenzialmente ignorare ciò a cui pensiamo di dover partecipare. Le nostre valutazioni su cosa considerare e ignorare sono intrinsecamente soggettive, i prodotti dei nostri diversi temperamenti, esperienze, stati, storie, ambiente e culture.

Quando accusiamo la gente di essere in stato di rifiuto o di usare una stampella e respingono, possiamo facilmente trovare razionali che giustificano il nostro istinto che l'accusa si applica. Spesso raggiungiamo regole ragionevoli. Per esempio "Dovremmo tutti assistere alla sofferenza degli altri, e tu non lo sei, è per questo che ti dico che stai negando".

Una regola del genere sembra ragionevole finché non si ricorda che nessuno si occupa della sofferenza di tutti gli altri. Apparentemente non esiste una cartina di tornasole che se si ignora la sofferenza di un altro, si sta negando negativamente.

Potremmo anche giustificare sulla base di norme sociali, ad esempio che le droghe sono stampelle. Ma, di nuovo, siamo tutti drogati, se non il vino che beviamo di notte, le endorfine che nuotiamo dopo un allenamento o un jalapeno, e comunque ci sono tanti modi per dissociarsi, tanti modi per distrarci.

Nessuno ha ancora trovato una buona regola semplice per ciò che costituisce una distrazione sana e malsana. Alcuni direbbero che la meditazione è sempre una buona distrazione e la TV è cattiva, ma non è difficile trovare esempi per i quali è vero il contrario, lo spiritista delirante che crede che la meditazione risolva tutto; il lavoratore instancabile e produttivo, che si ricarica in modo efficiente con un'ora di TV.

Ho avuto le idee per questo articolo mentre ero seduto sulla poltrona del dentista sul nitro, un farmaco che calma e calma il mio corpo mentre allerta la mia mente. Dissociare dal disagio abbastanza a lungo da fare un passo indietro dalla mia vita e diventare filosofico come quello è una stampella che mi piace, un beneficio collaterale di una buona igiene dentale. Non sono solo in questo. Anche William James, spesso citato come fondatore della psicologia, era un fan. Alcuni direbbero che è una droga, è una stampella e una cattiva. Direi che è una stampella, ma buona.

Mito 10. Non c'è modo di distinguere il buono dalle stampelle cattive: tuttavia , c'è qualcosa nelle nostre intuizioni sulle buone e cattive stampelle, non una regola oggettiva in base alla quale saremmo tutti d'accordo su cosa sia una buona e cattiva stampella ma ancora uno standard con cui facciamo tutti le nostre valutazioni soggettive.

Dipendiamo dalle stampelle, almeno temporaneamente. Facciamo ciò che è necessario per mantenere l'accesso a loro e ci mancherebbero se avessimo perso l'accesso a loro, il modo in cui la sedia a rotelle perde la sedia a rotelle quando è nel negozio. Questo suggerisce tre regole da applicare, anche se soggettivamente:

1. È male se è insostenibile: tutti intuiamo che una stampella è cattiva se mantenere l'accesso ad essa è insostenibile. Intuiamo ad esempio che un farmaco è una stampella se una persona non può farne a meno e che un giorno l'utente dovrà, per esempio, andare a prendere il turkey dalla morfina. Questa è un'intuizione ragionevole. Non restare agganciato con le stampelle che non puoi mantenere l'accesso. O almeno non diventare così dipendente che quando se ne andrà, sei rovinato.

2. È male se ti allontana dal tuo cammino migliore: Intuiamo anche che una stampella è cattiva se cresce le persone nella direzione sbagliata, tossicodipendenti verso il crimine, devoti della religione verso il pensiero delirante su questioni pratiche, gli amanti dello shopping verso la povertà e il debito, qualunque sia guardi una persona basandosi e dì "hmmm … questo non finirà bene".

3. È bello se ispira lo sforzo, non se lo sostituisce: il ragazzo incontra la ragazza, il ragazzo si innamora della ragazza e lei con lui, pensando di non poter sbagliare. Quindi inizia a fare molto male, usando la sua devozione come una brutta stampella, una ragione per cui non deve più provare per farlo nel mondo reale. Invece si scioglie senza lavoro nel suo divano, crogiolandosi nel suo sostegno, e lei non si lamenta. E tu pensi "Questo è male". Il ragazzo incontra la ragazza, il ragazzo si innamora della ragazza e lei con lui, che ispira fiducia in lui che poi si trasforma in un lavoro migliore nel mondo. E tu pensi che "è buono". Intuiamo che le buone stampelle sono un complemento del buon lavoro, non un sostituto.

Naturalmente non siamo d'accordo su ciò che soddisfa questi tre standard intuitivi. Il dibattito che segue dai nostri disaccordi è sano e utile. Ma è un dibattito su cosa usare come stampella, non se usare una stampella, cosa che facciamo tutti. Dopotutto, abbiamo tutti quelle vulnerabilità, le notti buie e il bisogno di qualunque cosa ci faccia attraversare.

Solutions Collecting From Web of "Stampelle psicologiche: dieci miti e tre punte"