Stalking stagionale: come gli ex amanti trasformano il rifiuto in vendetta

Mentre le vacanze si avvicinano, molti di noi si preparano a trascorrere del tempo con amici, familiari e persone care. Facciamo acquisti per regali, programmiamo menù per le vacanze, inforniamo i biscotti di Natale e festeggiamo lo spirito della stagione.

Per i paramours abbandonati, d'altra parte, le vacanze possono essere una stagione solitaria di depressione e disperazione. Una stagione in cui invece di celebrare, vengono ricordati l'amore perduto, i rapporti spezzati e l'affetto non ricambiato. Per i covanti ex amanti che nutrono le ferite del rifiuto, le vacanze possono anche essere una stagione pericolosa di vendetta.

Ex-partner vendicativi sono abilitati durante le vacanze quando hanno obiettivi ricettivi, pronti a reimpegnarsi (temporaneamente). Questo fenomeno stagionale deriva dalla compassione della vittima, dispiaciuto per lo stalker e cercando di "essere gentile".

Alcune vittime si sentono responsabili del blues delle vacanze di un sospettato perché hanno avviato la separazione. In altri casi, il perpetratore ha fatto vergognare la vittima facendogli credere che lui o lei è responsabile non solo della rottura, ma anche del cattivo comportamento del perpetratore che ne è conseguito.

Eppure le vittime che estendono la gentilezza agli ostetrici persistenti durante le vacanze, sia per simpatia che per senso di responsabilità malriposta, possono essere in difficoltà. Perché, indipendentemente dal motivo, una vittima che permette a una vecchia fiamma di riaccendere il contatto, nonostante si senta a disagio o addirittura preoccupata, sta aprendo una porta che potrebbe non essere in grado di chiudere.

E quando la comunicazione prende una svolta e le telefonate ei messaggi cambiano da amorosi a sinistri, molte vittime resistono alla denuncia del comportamento. Sentendosi responsabili di consentire la riapertura della porta, in primo luogo, soffrono in silenzio. Questa mentalità si traduce nell'apprezzare il pericolo e nel riportare il crimine – supponendo che apprezzino di avere un crimine da segnalare in primo luogo.

Elementi di stalking criminale

Lo stalking criminale richiede più che seguire, molestare o tracciare online. Nella maggior parte degli Stati, richiede una minaccia credibile di danno inteso a mettere la vittima in ragionevole timore per la sua sicurezza o per la sicurezza dei membri della famiglia. Un rapido controllo delle leggi del tuo stato fornirà una revisione degli elementi del crimine nella tua giurisdizione.

Tuttavia, lo stalking è un crimine che può certamente essere dimostrato con una buona raccolta di prove e la documentazione del comportamento dell'autore e del suo impatto sulla vittima. Questa documentazione è un tempo ben speso, perché per alcuni autori, lo stalking è solo l'inizio. Statisticamente, lo stalking può portare ad altri reati, dai danni alla proprietà, alle aggressioni sessuali, agli omicidi.

L'obiettivo è fermare gli stalker prima piuttosto che dopo. La buona notizia è che in molti casi, provare lo stalking è più facile di quanto si pensi. Questo è importante per le vittime, perché molti non si fanno avanti perché non pensano di avere "prove" da fornire alle forze dell'ordine. Loro fanno.

Stalkers fanno il loro segno: raccolta di prove

Logan e Walker in "Stalking: Un quadro multidimensionale per la valutazione e la pianificazione della sicurezza" (2017) citano le ricerche che notano che sebbene lo stalking sia incredibilmente traumatico, la sua mancanza di danno fisico può ridurre al minimo il suo significato.

Ho gestito molti casi in cui, a differenza delle vittime di violenze domestiche o di aggressione e batteria, le vittime di stalking, che non avevano ferite visibili o altre lesioni, non si sono fatti avanti subito, preoccupandosi di non aver nulla da "mostrare" ai giornalisti.

Eppure lo stalking lascia un segno. Il trauma invisibile può essere documentato attraverso amici, familiari, colleghi di lavoro e altri che possono testimoniare sui modi in cui le comunicazioni e il comportamento dello stalker hanno avuto un impatto sulla vita della vittima.

Logan e Walker fanno l'importante distinzione tra stalking e altri comportamenti criminali, sottolineando che a differenza di un singolo evento traumatico, lo stalking spesso influisce su molte diverse aree della vita di una vittima. Tutte queste aree possono essere documentate. Ciò include l'evidenza della paura di una vittima, che la nota di Logan e Walker si accumula nel tempo ed è pervasiva. Esprimono l'esperienza di una vittima di trovarsi in uno stato di vigilanza intensa, poiché condividono che "tutto sembra rischioso".

Sapere è potere

Lavorando insieme, forze dell'ordine, membri della comunità e sopravvissuti allo stalking, attraverso campagne per sensibilizzare l'opinione pubblica, possono esporre l'epidemia invisibile di stalking ed educare gli attivatori inconsapevoli che pensano che estendendo la gentilezza e la gentilezza in qualche modo fermeranno il comportamento di stalking da soli. Non lo faranno.

Invece di ragionare con i sospettati o razionalizzare comportamenti scorretti, le vittime devono denunciare il crimine. Anche durante le vacanze.

Circa l'autore:

Wendy Patrick, JD, PhD, è un procuratore di carriera ed esperto comportamentale. Lei è l'autrice di Red Flags: come individuare i frenemies, gli underminers e gli spietati (St. Martin's Press), e coautore della versione rivista del bestseller del New York Times , Reading People (Random House).

Tiene lezioni in tutto il mondo sulla stalking, sulla prevenzione degli assalti sessuali e sulla valutazione delle minacce ed è un Certified Threat Manager dei Association of Threat Assessment Professionals. Le opinioni espresse in questa colonna sono le sue.

Trovala su wendypatrickphd.com o @WendyPatrickPhD

Trova un elenco completo dei post di Psychology Today di Dr. Patrick's su https://www.psychologytoday.com/blog/why-bad-looks-good

[i] TK Logan e Robert Walker, "Stalking: un quadro multidimensionale per la valutazione e la pianificazione della sicurezza" Trauma, violenza e abuso 18, no. 2 (2017): 200-222.

Solutions Collecting From Web of "Stalking stagionale: come gli ex amanti trasformano il rifiuto in vendetta"