Stai soffrendo per l'affaticamento da compassione?

L'affaticamento da compassione era un problema che era più comune tra gli operatori sanitari. Poiché il loro lavoro li mette in situazioni in cui comunemente vedono o sentono parlare di sofferenze continue e talvolta indicibili, non è raro vedere alcuni dei nostri "aiutanti" più abili, premurosi e compassionevoli cadere vittime della fatica della compassione. Tuttavia, nel mondo di oggi, dove ogni tragedia viene trasmessa istantaneamente in diretta dal vivo direttamente nei nostri salotti (TV), giri (laptop) e / o mani (smartphone), la fatica della compassione non è più unica per certe professioni. Come sottolinea la dottoressa Amit Sood nel suo libro The Mayo Clinic Guide to Stress-Free Living , "… siamo inondati di immagini grafiche della sofferenza inimmaginabile di milioni di persone. Possiamo capire la sofferenza di pochi, ma un milione diventa una statistica che ci intorpidisce. "

I segni di affaticamento da compassione includono:

  • Sentirsi oppresso dalla sofferenza degli altri
  • Incolpare gli altri per la loro sofferenza
  • Isolare te stesso
  • Perdita di piacere nella vita
  • Difficoltà di concentrazione
  • Insonnia
  • Stanchezza fisica e mentale
  • Imbottire le tue emozioni
  • Incubi aumentati
  • Sentimenti di disperazione o impotenza
  • Frequenti lamentele sul tuo lavoro o sulla tua vita
  • Eccesso di cibo
  • Uso eccessivo di droghe o alcol
  • Povera cura di sé
  • Cominciando a ricevere molte lamentele sul tuo lavoro o atteggiamento
  • Rifiuto

Infatti, secondo il Compassion Fatigue Awareness Project, "la negazione è uno dei sintomi più dannosi" perché impedisce a coloro che stanno sperimentando la stanchezza compassione di valutare accuratamente quanto effettivamente sono affaticati e stressati, il che impedisce loro di cercare aiuto.

Per vedere dove cadi sulla compassione soddisfazione / affaticamento continuo, prendi il questionario sulla qualità professionale della vita (PROQOL), che è stato sviluppato dalla dott.ssa Beth Hundall Stamm, uno dei maggiori esperti mondiali sulla fatica della compassione. Oltre all'inglese, PROQOL è stato tradotto in 17 lingue diverse, tutte disponibili qui. Sebbene la misura sia stata originariamente sviluppata per "aiutanti" professionali, può fornire un feedback importante sull'affaticamento della compassione, sul burnout e sullo stress della vita per chiunque passi una buona parte del tempo ad aiutare gli altri.

Se si scopre che hai ottenuto un punteggio elevato nella scala della fatica compassionevole (o in una qualsiasi delle altre), c'è speranza. Come il burnout o qualsiasi altra condizione legata allo stress, l'affaticamento della compassione non è terminale, ma sicuramente può influire sulla qualità della tua vita, e la consapevolezza è il primo passo verso il recupero. Il Dr. Stamm spiega che attraverso la consapevolezza e una sana cura di sé, coloro che sperimentano la compassione della stanchezza possono iniziare a comprendere la complessità delle emozioni che hanno "manipolato e, molto probabilmente, sopprimendo". Per coloro che si trovano alle prese con stanchezza compassionevole, lei raccomanda quanto segue:

  • Migliora la tua consapevolezza con l'educazione
  • Accetta dove ti trovi sul tuo cammino in ogni momento
  • Scambia informazioni e sentimenti con persone che possono confermarti
  • Chiarisci i tuoi limiti personali: cosa funziona per te e cosa no
  • Sii gentile con te stesso
  • Esprimere ciò di cui hai bisogno a parole e
  • Adottare azioni positive per cambiare il proprio ambiente.

Se il punteggio di affaticamento della compassione è basso o nella media, questa è una buona notizia, ma è importante prendere misure per proteggersi. Per aiutare a prevenire l'affaticamento da compassione, il Dr. Sood raccomanda:

  • Limita la quantità di notizie giornaliere che guardi o leggi
  • Cerca di venire a patti col fatto che il dolore e la sofferenza sono realtà della vita su cui abbiamo poco o nessun controllo
  • Sii grato per ciò che è buono nella tua vita e nel mondo
  • Cerca di trovare un significato nella sofferenza che vedi
  • Se devi dare la colpa a qualcosa, incolpa la situazione, non la persona
  • Mostra compassione a te stesso essendo gentile, lenitivo e confortante per te stesso

Citando la ricerca dell'Università del Michigan e dell'Università di Rochester Medical Center che ha rilevato che rispetto alla fine degli anni '70, l'empatia tra gli studenti è diminuita di oltre il 40%, il dott. Sood dice che viviamo in un mondo che ha disperatamente bisogno di più compassione. Quindi, l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno è per coloro che sono più abili nel dare e mostrare compassione per perdere quel dono in qualcosa completamente evitabile. Essendo consapevoli dei segnali premonitori della fatica della compassione, puoi prevenirla e continuare a fare ciò che sai fare meglio, cambiare le vite in meglio con un atto di gentilezza alla volta.

© 2014 Sherrie Bourg Carter, Tutti i diritti riservati

Segui Dr. Bourg Carter su Facebook e Twitter.

Sherrie Bourg Carter è l'autrice di High Octane Women: How I Superachievers Can Avoid Burnout (Prometheus Books, 2011).

Solutions Collecting From Web of "Stai soffrendo per l'affaticamento da compassione?"