Stai esagerando i bastoncini mentre esegui il sottofondo di carote?

Free Images /Maxime Perron Caissy
Fonte: immagini gratis / Maxime Perron Caissy

Stai esagerando con le stecche mentre riduci le carote?

La pratica:
Svegliatevi con buone notizie.

Perché?

"Dì la verità." È il fondamento della scienza, dell'etica e delle relazioni.

Ma abbiamo un cervello che si è evoluto per raccontare bugie per aiutarci a sopravvivere. Come ho scritto prima, nel corso di diverse centinaia di milioni di anni i nostri antenati:

  • Dovevo evitare due tipi di errori: pensare che ci sia una tigre tra i cespugli ma in realtà tutto va bene, e pensare tutto va bene, ma in realtà c'è una tigre sul punto di balzare. Il costo del primo errore è la preoccupazione inutile, mentre il costo del secondo non è più copie di geni. Madre Natura ci ha progettati per fare il primo errore mille volte per evitare di commettere il secondo errore anche una sola volta.
  • Dovevo prendere delle "carote" ed evitare i "bastoncini". Se non prendi una carota oggi avrai un'altra possibilità domani, ma se non eviti quel bastone morirai e non otterrai carote per sempre. Di conseguenza, le esperienze negative vengono velocemente rintracciate nella memoria – "una volta bruciate, due volte timide" – mentre le esperienze più positive scivolano attraverso il cervello come l'acqua attraverso un setaccio; in effetti, il cervello è come il Velcro per esperienze negative, ma Teflon per quelli positivi.

Di conseguenza, sopravvalutiamo regolarmente le minacce sottostimando opportunità e risorse. Sì, molte persone hanno un "pregiudizio dell'ottimismo" in ciò che dicono – ma nelle loro azioni, lavorano più duramente per evitare il dolore che per ottenere piacere, ricordano i fallimenti e i rifiuti più che i successi e la gentilezza degli altri, hanno bisogno di almeno un 5 : 1 rapporto tra interazioni positive e negative per una relazione sana, e si mettono a museruola e giocano più piccoli nella vita per evitare una lista di esperienze temute.

È come se vivessimo in un incubo sottile in cui le ombre e le minacce sono esagerate mentre i nostri alleati e le risorse interiori sembrano distanti e inefficaci. Pensiamo che il sogno sia reale, quindi non ha senso tentare di svegliarlo. Le nostre convinzioni nel sogno ci intrappolano come le sbarre di una gabbia invisibile.

La causa alla radice della sofferenza e del danno è l'ignoranza, l'illusione, il non vedere le cose come realmente sono. Ma quando ci svegliamo e vediamo i fatti e viviamo nella luce, ci sentiamo molto più liberi, a nostro agio, non minacciati, fiduciosi, traboccanti, amati e amorevoli.

Ricorda un po 'di tempo nel tuo passato quando hai capito che le cose non erano così brutte come pensavi, o che gli altri erano più premurosi, o che eri più capace. Come si è sentito in questo caso a svegliarsi dal tuo brutto sogno?

Per esempio, ho riconosciuto nei miei vent'anni che mentre crescevo ero un nerd, non un rammollito – un sollievo! Altri esempi di persone che conosco: una donna si è resa conto che poteva essere forte e alla gente piaceva ancora. Le persone in recupero imparano che possono divertirsi benissimo senza essere ronzati. I bambini vengono a vedere che nell'armadio non c'è nessuno spauracchio. Una ragazza capisce gradualmente che lei può lasciare l'amore di suo padre anche se è fastidioso. Un'altra giovane donna lascia che affondi un sacco di ragazzi come lei, anche se alcuni sono raggruppati attorno a un compagno di classe "bollente". Un uomo sui 50 anni si rende conto che a nessuno importa se perde dei capelli. Una donna scopre che può trasformare il suo programma artistico in un libro pubblicabile.

Sì, a volte quando ci svegliamo è una brutta notizia: forse c'è un limite nella tua carriera, o sei stato troppo irritabile con i tuoi figli, o un partner non è semplicemente degno di fiducia in un modo importante. Vivere nella verità significa vedere chiaramente sia il bene che il male.

Ma a causa dell'evoluzione della negatività del cervello, la maggior parte delle volte in cui ci svegliamo, è davvero una buona notizia.

Come?

La buona notizia che non c'è tigre – o che puoi affrontarla bene
Considera le tue paure. Soprattutto quelli di tutti i giorni, come: se dico come mi sento veramente, alla gente non piacerà; se non perdo queste dieci sterline, nessun ragazzo degno di volere mi vorrà; se chiedo un aumento verrò criticato; se avanzo un piccolo affare, sarà floppato; se prendo dei prestiti scolastici sarà difficile ripagarli.

Quanti sono veramente veri? Quali sono le probabilità che accadano? Se fossero davvero accaduti, quanto sarebbe stato cattivo? E se l'evento improbabile fosse accaduto e se si fosse sentito davvero male, come faresti a farcela?

In che modo qualsiasi ansia nel tuo temperamento ti spinge a sentirti più minacciato, più a disagio, più cauto di quanto tu abbia ragionevolmente bisogno di essere?

Pensa alle molte cose che ti proteggono e ti sostengono, dalle serrature alle leggi, dagli amici alle carte di credito. Pensa alle forze interiori che hai usato per i momenti difficili in passato, che potresti attingere per affrontare le sfide di oggi.

La buona notizia è che sei pieno di buone qualità e che il mondo è pieno di opportunità che potresti realizzare con uno sforzo ragionevole
Considera altre abilità che hai, come intelligenza, grinta, talento, determinazione, integrità, passione, pazienza, sincerità, buon cuore. . . per dirne alcuni.

Cosa hai sempre voluto fare – ma ti sei detto che è fuori portata?

Chiediti cosa succederebbe se investissi solo 20 minuti al giorno in meditazione, o in esercizio fisico, o in una conversazione di sostegno con un amico o un partner – o cosa succederebbe se investissi solo un'ora al giorno in tutti e tre.

Che cosa succederebbe se passassi mezz'ora al giorno o anche un paio d'ore su qualche progetto, come scrivere un libro, porre le basi per cambiare carriera, costruire una barca, imparare uno strumento musicale o fare arte – e potrebbero queste ore aggiungere oltre un anno?

La buona notizia che ti è piaciuto, amato e stimato
Considera alcuni dei molti modi in cui sei stato visto, incluso, apprezzato, apprezzato e amato. Pensa alle persone che hanno visto il vero te – e ti stanno ancora interessando. Riesci a vedere alcune delle tante qualità che hai in mente che un'altra persona riconoscerebbe, rispettasse, apprezzasse, si sentisse attratta, amasse avere nel proprio team, essere interessata, sentirsi affettuosa, persino amare?

Considera le relazioni che potresti facilmente avere, gli amici che potresti fare, l'amore che potresti trovare se attingi al tuo coraggio per estendere te stesso, aprirti, difendere ciò di cui hai bisogno e chiedere ciò che desideri.

Che ne dici di vedere il bene in te stesso, la tua compassione, gentilezza, decenza, buone intenzioni, integrità e cuore amorevole.

Se ti fidi della buona notizia della tua bontà, in che misura andrai in questa vita?

Rick Hanson, Ph.D. , è uno psicologo, Senior Fellow del Greater Good Science Center di UC Berkeley, e autore del best-seller del New York Times . I suoi libri sono disponibili in 26 lingue e includono Hardwiring Happiness, Buddha's Brain , Just One Thing e Mother Nurture . Edita il Wise Brain Bulletin e ha numerosi programmi audio. Laureato con lode alla UCLA e fondatore del Wellspring Institute for Neuroscience e Contemplative Wisdom, è stato invitato come relatore alla NASA, Oxford, Stanford, Harvard e altre importanti università e ha insegnato nei centri di meditazione in tutto il mondo. Il suo lavoro è stato presentato su BBC, CBS e NPR, e offre la newsletter gratuita di Just One Thing con oltre 120.000 abbonati, oltre al programma online Foundations of Well-Being in neuroplasticità positiva che chiunque abbia esigenze finanziarie può fare gratuitamente.

Solutions Collecting From Web of "Stai esagerando i bastoncini mentre esegui il sottofondo di carote?"