Stai allevando una cotta di patate?

Couch potato

Vi siete mai chiesti perché alcuni ragazzi diventano demotivati ​​- perché preferirebbero appisolarsi davanti alla TV invece di lavorare per un obiettivo personale? Certo, la risposta è complicata. Ma la ricerca sullo sviluppo dell'iniziativa ci aiuta a capire pezzi del mistero.

Mia figlia non era un'auto-partenza naturale. In effetti, come molti bambini, le piaceva guardare il divano, guardare la televisione e giocare ai videogiochi per ore. Le aspettative a scuola, i test e le cricche sociali hanno creato un alto senso di ansia che sembrava zappare le sue motivazioni. Quando poteva, essere un teledipendente forniva una fuga dalle molte pressioni della crescita. Ma c'era un posto in cui mia figlia si sentiva a suo agio e potente: la pista di pattinaggio. Nel corso degli anni, l'ha fatta scendere dal divano e l'ha motivata a concentrarsi sugli obiettivi che voleva raggiungere.

Da quando mia figlia raccolse i pattini all'età di 7 anni, il pattinaggio artistico divenne una passione e la pista di pattinaggio sul ghiaccio era un luogo di apprendimento. Anni dopo, quando ha fatto domanda per la facoltà di giurisprudenza, ha scritto quanto segue nel suo saggio di candidatura: "Non mi sono reso conto allora, come faccio ora, che il pattinaggio modellerebbe i miei valori e atteggiamenti verso l'apprendimento, il lavoro e il gioco. Ogni nuovo salto o giro comportava pratica, disciplina, rischio, pazienza e la conoscenza che potevo riprendermi quando cadevo. Ho sperimentato la determinazione, l'auto-responsabilità e gli alti standard di responsabilità che uno skater deve avere successo sia dentro che fuori dal ghiaccio. Ho imparato che se non ti attieni a uno standard elevato, nessun altro lo farà. Il rigore e l'autonomia del pattinaggio artistico mi hanno dato un vantaggio in più nella vita. "

Il potere dell'iniziativa

Ciò che mia figlia ha ottenuto durante il suo periodo extra-curriculare sulla pista di pattinaggio è stata l'iniziativa. L'iniziativa è la capacità di essere motivati ​​dall'interno per dirigere l'attenzione, lo sforzo e l'azione verso un obiettivo impegnativo nel tempo. È un'abilità che si sviluppa in preadolescenza e svolge un ruolo significativo mentre gli adolescenti lottano per raggiungere la propria identità e ottenere indipendenza.

L'iniziativa non solo spinge i bambini a raggiungere gli obiettivi, ma li aiuta anche a cambiare direzione e perseverare nei momenti difficili. Permette loro di vedere le possibilità e fornisce una road map interna che aiuta i bambini a navigare da dove sono dove vogliono essere. È una forza proattiva, piuttosto che reattiva, nella vita – un'energia che costringe i bambini a dire "Credo di poterlo fare".

I bambini che non acquisiscono l'iniziativa sono a rischio di diventare terribili "couch potato"! La bassa motivazione è spesso legata a disturbi comportamentali, basso rendimento, consumo di alcol e infelicità generale. I bambini che mancano di iniziativa possono anche diventare intolleranti verso gli altri e avere un impatto negativo sulle loro famiglie.

Ricompense esterne e interne

Molte delle attività in cui i bambini partecipano naturalmente vengono con ricompense esterne. Se Johnny fa bene in classe, ottiene buoni voti sulla sua pagella. Se la squadra di calcio di Susie vince il torneo, porta a casa un trofeo. Al giorno d'oggi, probabilmente otterrà un trofeo anche se la sua squadra finisce per ultimo. Se il progetto scientifico di Bobby è un successo alla fiera della scienza, riceverà un premio. E a casa di Cindy, quando completa i suoi compiti, viene premiata con un'ora di televisione.

Sebbene questi tipi di attività e ricompense possano essere utili, non creano iniziative. Sappiamo che quando i premi esterni vengono rimossi, molti bambini diventano demotivati ​​da raggiungere. Trovano anche più facile incolpare gli altri per la loro mancanza di successo. Perché? Perché le loro attività mancano di ricompensa interna.

I premi che vengono sperimentati internamente includono sentimenti come autonomia, creatività, dignità e un innato desiderio di determinare il nostro futuro. Due punti di vista positivi che derivano da ricompense interne sono che tendiamo ad assumerci la responsabilità individuale di costruire la vita che vogliamo, e che usiamo la creatività per trasformare le avversità della vita. Quando i premi interni vengono coltivati ​​nei giovani, diventano le radici che consentono la crescita e lo sviluppo per tutta la vita.

Le attività dopo la scuola alimentano i semi dell'iniziativa

Ricerche recenti mostrano che le competenze, come l'iniziativa, sono sviluppate e promosse attraverso specifici tipi di esperienze infantili – con la maggior parte di queste esperienze che accadono fuori dalla scuola!

La disciplina e la pratica di uno sport impegnativo o attività doposcuola, secondo la ricerca, è un tipo di esperienza di vita che nutre i semi dell'iniziativa nei giovani. Le riflessioni di mia figlia su ciò che ha imparato dal pattinaggio sul ghiaccio sono solo un esempio di un'attività di doposcuola che ha insegnato l'iniziativa e l'autoresponsabilità attraverso il potere delle ricompense interne.

I ricercatori concordano sul fatto che l'infanzia e l'adolescenza sono un momento fondamentale per la formazione dell'iniziativa. Quando i genitori, gli educatori e altri adulti riconoscono gli elementi delle attività che promuovono lo sviluppo delle iniziative, i bambini si spostano dai divani e lontano dagli schermi dei computer. Scoprono l'energia dentro di sé che può essere imbrigliata per raggiungere i loro obiettivi.

3 elementi di un'attività di costruzione di iniziative

Cosa rende un'attività un'attività una ricompensa interna con un impatto duraturo? I ricercatori hanno identificato tre componenti importanti:

  1. I bambini devono scegliere l'attività per se stessi . La scelta delle proprie attività onora il desiderio di un bambino di determinare il proprio futuro. Dà loro autonomia e soddisfazione interna. Gli esempi includono programmi musicali, servizi di apprendimento, sport e una miriade di altre attività dopo la scuola.
  2. L'attività deve svolgersi in un ambiente che contenga regole, sfide e complessità inerenti al mondo reale. Ad esempio, pattinare sul ghiaccio comporta alcune routine e modi di muoversi, esibirsi di fronte a giudici che non sono i tuoi genitori e imparare ad affrontare sfide fisiche, emotive e interpersonali con partner e compagni di squadra.
  3. L'attività deve essere sostenuta per un periodo di tempo. Piuttosto che fare molte attività, è meglio concentrarsi su alcuni per periodi di tempo più lunghi. Ad esempio, quando i bambini scelgono un'attività, incoraggiali ad accettare di partecipare per almeno un anno. Dopo di ciò, se vogliono abbandonare, hanno avuto l'esperienza di perseverare attraverso alcune sfide prima che decidano di provare qualcos'altro. La perseveranza rafforza l'iniziativa e offre ai bambini la capacità di riprendersi quando affrontano ostacoli futuri.

Riferimenti

Adlai-Gail, WS (1994). Esplorando la personalità autotelica. Tesi di laurea, Università di Chicago.

Bandura, A. (2001). Teoria cognitiva sociale: una prospettiva agenziosa. Revisione annuale di psicologia, 52, 1-26.

Csikszentmihalyi, M. (1997). Trovare il flusso: la psicologia del fidanzamento con la vita di tutti i giorni (1 ° ed.). New York: libri di base.

Goleman, D. (1995). Intelligenza emotiva. New York: Bantam Books.

Hekmer, JM (1996). Esplorare lo sviluppo ottimale della personalità: uno studio longitudinale degli adolescenti. Tesi di laurea, Università di Chicago.

Larson, RW (2000). Verso una psicologia dello sviluppo giovanile positivo. Psicologo americano, 55 (1), 170-183.

Autore

Marilyn Price-Mitchell, PhD, è una psicologa dello sviluppo e ricercatrice che lavora nel punto di intersezione tra lo sviluppo dei giovani e l'educazione. Segui i lavori di Marilyn su Roots of Action, Twitter o Facebook.

© 2015 Marilyn Price-Mitchell. Tutti i diritti riservati. Si prega di contattare per quanto riguarda le autorizzazioni di ristampa.

Credito fotografico: Kasia Bialasiewicz

Solutions Collecting From Web of "Stai allevando una cotta di patate?"