Stai al passo con le apparenze

Di Samantha Rosenblum

Nel corso di un decennio, Facebook si è rivelato più che semplicemente un modo per connettersi con gli amici. È stato etichettato come un'epoca di schifo e la fonte del tuo cattivo umore; e ha sostituito le interazioni private faccia a faccia con aggiornamenti molto pubblici e spesso molto personali.

Ma un nuovo studio della Florida State University indica che per le donne del college, l'uso frequente di Facebook potrebbe avere conseguenze ancora più nefaste: i dati di 960 donne universitarie dimostrano che più tempo su Facebook è associato a livelli più elevati di alimentazione disordinata. Uno studio in due parti ha esaminato il tempo trascorso su Facebook, nonché i modi in cui le donne universitarie hanno riferito di utilizzare il sito in relazione alla patologia alimentare segnalata.

La ricerca, pubblicata sull'International Journal of Eating Disorders , mostra che le donne con una maggiore patologia alimentare hanno riferito non solo di trascorrere più tempo su Facebook, ma anche di "comportamenti incentrati sull'apparenza, ad esempio confrontando il loro aspetto con le foto degli amici e le fotografie non codificate di "Venti minuti di utilizzo di Facebook (rispetto ai 20 minuti spesi per un'attività di ricerca su Internet) sono stati associati a una maggiore preoccupazione per il peso e la forma del corpo oltre che per l'ansia, che è stata collegata a disturbi alimentari nelle ricerche passate.

In quanto comunità online popolata da pari, Facebook offre l'ambiente ideale per il confronto sociale; e c'è un'innata spinta umana a valutare e definire il sé attraverso il confronto con gli altri. La relazione tra frequente confronto sociale, in particolare per quanto riguarda il corpo e un'alimentazione disordinata, è ben studiata: uno studio del 2012 pubblicato su Nutrients , ad esempio, ha trovato una significativa correlazione positiva tra confronto sociale correlato al corpo e sintomi del disturbo alimentare, rendendo tali confronti un'area di destinazione per il trattamento del disturbo alimentare.

Il confronto sociale in sé non può essere nulla di nuovo, ma il mondo dei social media introduce una nuova dimensione. Secondo la scrittrice Pamela Keel, professore di psicologia e direttore della formazione clinica presso la FSU, la capacità di controllare la propria immagine su Facebook, pubblicando, decodificando o persino modificando fotografie, può avere un serio impatto sulle interazioni tra pari e successivi confronti.

"Quando hai un'interazione faccia a faccia, le persone sembrano esattamente come appaiono", dice. "Ma su Facebook, gli utenti hanno l'opportunità di stare molto attenti nella scelta delle immagini che pubblicheranno. Se stai confrontando te stesso con i tuoi coetanei su Facebook, non stai comparando al modo in cui lo sono realmente, ma piuttosto a una versione idealizzata di loro ".

I confronti fatti con le immagini idealizzate sono stati a lungo un problema che indicava il rischio di disturbi alimentari, ma queste immagini venivano solo dai media e dalla pubblicità mainstream. Il confronto con immagini idealizzate di pari può essere ancora più pericoloso. Secondo la teoria del confronto sociale, siamo più influenzati dai confronti fatti con quelli che percepiamo come più simili a noi stessi.

Oltre al problema del paragone, Facebook, con tutte le sue caratteristiche interattive – gradimento, commento, condivisione – stabilisce una comunità basata sull'approvazione. Naturalmente, gli utenti curano la propria immagine per ottenere l'approvazione degli altri.

"C'è un modo in cui le persone potrebbero trattarsi come oggetti o merci", dice Keel. "In sostanza, si stanno oggettivando come le persone oggettivizzano modelli o donne nelle riviste, in TV e nei film".

Ci sono, naturalmente, modi per usare Facebook che non incoraggiano la stretta aderenza al sottile ideale e al mangiare disordinato. Keel suggerisce di trascorrere meno tempo su Facebook a causa della correlazione tra tempo sul sito e maggiore patologia alimentare. "È una piccola associazione, ma è lì", dice. "Monitora il tuo tempo su Facebook e non lasciare che sostituisca le reali interazioni faccia a faccia con i tuoi colleghi". Keel suggerisce anche che gli utenti potrebbero trarre beneficio dal concentrarsi meno sul conteggio di Mi piace e commenti sui loro post.

Offline, sottolinea, è importante porre fine alle "chiacchiere", alla conversazione contagiosa tra donne e uomini.

"È un ciclo orribile e vizioso", dice. "È solo un vortice di dubbi su se stessi che le persone potrebbero davvero rinunciare; e ci sono modi per tirarlo fuori. "Il primo passo è riconoscere che cosa sono le parole grasse:" Sono così grasso in questa foto. "" Questa foto mi fa sembrare enorme. "Il secondo passo è rifiutarsi di impegnarsi questo, che significa rifiutarsi di rispondere con un commento in competizione: "No, sembro disgustoso." O un complimento che convalida l'affermazione: "No non lo fai, sei così magro!" e il terzo passo è quello di sfidare grassi Parlare con colleghi con affermazioni che dimostrano che non sosterrà quel tipo di conversazione: "Non vedo una dimensione quando ti guardo. Vedo una donna compiuta e intellettuale. "

"Ci sono dati che suggeriscono che quando le persone parlano positivamente di se stesse, in realtà fa pensare ad altre persone su di sé", dice Keel. "Se le persone sono solo disposte a dire qualcosa di buono, allora le altre persone seguiranno l'esempio".

Ma quando diffondi l'amore con commenti positivi, completa i tuoi amici di Facebook su aspetti diversi dal loro aspetto fisico. Commenti come "Sei così magra" possono essere altrettanto dannosi. "La sua realizzazione della vita dipenderà davvero dal suo peso? Spero di no ", dice Keel.

Samantha Rosenblum è una ex stagista di PT.

 

Credito fotografico: Diego Cervo / Shutterstock

Solutions Collecting From Web of "Stai al passo con le apparenze"