Stabilire la pace, coltivare la veglia

La meditazione raggiunse la maggiore età il 4 agosto 2003, quando la copertina della rivista Time mostrò una giovane donna attraente che meditava e ovviamente godeva l'esperienza. Il neuroscienziato affettivo Richard Davidson (Università del Wisconsin) aveva appena riportato i risultati del suo studio storico di otto meditatori esperti (ciascuno con oltre 10.000 ore di pratica), che mostrava gli sbalorditivi cambiamenti nell'attività cerebrale possibili negli stati meditativi. Quello stesso anno Anne Harrington (Harvard) ed io abbiamo moderato un incontro del Dalai Lama tra Mental and Life e MIT con psicologi, neuroscienziati e studiosi / praticanti buddisti per "Investigare la mente" congiuntamente. Dalla straordinaria risposta del pubblico di 1000 scienziati e studiosi si potrebbe considerare un incontro spartiacque. (Vedi il libro Il Dalai Lama al MIT). In pochi decenni la meditazione era passata da un oscuro insieme di esercizi mentali praticati dai monaci buddisti sull'Himalaya e dalle loro controparti cristiane in monasteri isolati e austere, a una serie di esercizi facilmente accessibili, facili come respirare o mangiare un passito.

Non molto tempo fa stavo ascoltando Jon Kabat Zinn alla conferenza del 30 ° anniversario del suo lavoro pionieristico presso il Centro per la consapevolezza in medicina, assistenza sanitaria e società dell'Università del Massachusetts. Pochi hanno fatto tanto quanto Kabat Zinn per rendere la meditazione accessibile al pubblico in generale e applicabile ai reali bisogni degli individui. Lui e i suoi colleghi in tutto il mondo hanno fatto anche una grande quantità di ricerche sull'efficacia della riduzione dello stress basata sulla consapevolezza (MBSR) nell'aiutare chi ha problemi di salute psicologica e / o fisica. Durante i giorni della celebrazione di MBSR, e nello stesso hotel, stavo lavorando con la direzione del Mind and Life Institute, che ora sta focalizzando la sua attenzione sui possibili benefici degli esercizi contemplativi nel campo dell'istruzione. Negli ultimi quindici anni ho lavorato con centinaia di altri professori e amministratori su questo tema dell'istruzione superiore attraverso il programma accademico del Centro per la mente contemplativa nella società e la neonata Associazione per la mente contemplativa nell'istruzione superiore. In effetti, la meditazione ha raggiunto la maggiore età e ora è ampiamente riconosciuta come al servizio di molti bisogni, sia personali che sociali.

In riconoscimento di ciò, è giusto che ci sia un blog sulla meditazione in Psychology Today e sono lieto di essere invitato a offrirne uno. I miei contributi saranno molto vari, tra cui discussioni su studi scientifici e pratiche concrete che potrebbero essere utili ai lettori. Darò le mie opinioni personali sul potenziale trasformativo della meditazione, nonché sull'adeguatezza delle varie pratiche a diverse situazioni o difficoltà. Lo faccio basandomi sui miei quaranta anni di pratica e studio personale, e sui miei quasi venti anni di insegnamento della meditazione in molti contesti. Ovviamente, rappresenterà solo la mia opinione su questo campo enorme ed emergente. Accolgo altri punti di vista.

Lasciami chiudere con una semplice pratica. Può essere un punto di ingresso per la nostra considerazione della ricchezza di pratiche che compongono la vita meditativa. Nelle prossime voci esplorerò e classificheremo le varie regioni e gli stadi della pratica e dell'esperienza meditativa. Presi insieme spero che contribuiscano a migliorare il tuo benessere e ad approfondire la tua visione della vita.

Sistemare il corpo, sistemare la mente
Sit comodamente; i particolari della postura non sono importanti a questo punto. Chiudi gli occhi o ammorbidisci lo sguardo davanti a te. Lascia che i tuoi pensieri e sentimenti quotidiani scivolino via. In questo esercizio stiamo cercando di sistemare il corpo e la mente. Appoggia leggermente l'attenzione sul respiro, sentendone l'inspirazione ed espirazione, l'ascesa e la caduta della pancia, un leggero movimento delle narici. Segui il suo ritmo naturale. I pensieri e le emozioni che distraggono vengono ripetutamente messi da parte, riportando delicatamente l'attenzione al respiro. Come aiuto puoi scegliere di contare ogni espirazione 1, 2, 3, 1, 2, 3 … O etichettare ciascuna tripletta con le associazioni: cielo, oceano e Terra. Se distratto, rilascia il pensiero, torna a respirare: 1, 2, 3, cielo, oceano, Terra … Ripeti per cinque di così minuti, permettendo alla mente e al corpo di stabilirsi, di diventare più immobili, di essere più pacifici. Con ogni interruzione, interiore o esteriore, liberati da essa e stabilisci di nuovo dolcemente il respiro, diventando silenzioso e immobile: 1, 2, 3, cielo, oceano, Terra … Quando senti che la pratica è alla sua fine, chiudi con coltivazione della gratitudine, una pratica tutta sua e con la quale possiamo terminare ogni sessione di pratica.

I gesti gemelli formano questa pratica. Il primo è l'instaurazione di una pace profonda e duratura che con il tempo può arrivare ad irradiare attraverso le nostre vite. Il secondo è una dolce veglia che rafforza la nostra attenzione, allontana il sonno che oscura la nostra mente e porta una limpida chiarezza alle nostre vite. Penso che Rumi avesse qualcosa in mente quando ha scritto:

La brezza dell'alba ha segreti da dirti.
Non tornare a dormire
Devi chiedere quello che vuoi veramente.
Non tornare a dormire
Le persone stanno andando avanti e indietro attraverso la porta
dove i due mondi si toccano.
La porta è rotonda e aperta.
Non tornare a dormire

Solutions Collecting From Web of "Stabilire la pace, coltivare la veglia"