Sta ringraziando una forma di rabbia?

È il Ringraziamento, e il tempo di "rendere grazie", giusto? Questa è la cosa giusta da fare.

Allora perché così tante famiglie esplodono nella rabbia nei periodi di vacanza?

Pensiamo che ringraziare e apprezzare qualcosa sia un atto di arrendersi dal sostenere i nostri stessi bisogni?

Pensiamo che il perdonare stia tradendo noi stessi e i risentimenti che si sono accumulati negli anni?

Ci sentiamo come se stessimo diminuendo noi stessi quando mettiamo i nostri risentimenti in attesa, solo per "sopravvivere a una vacanza", quando invece sentiamo davvero di sfogare la nostra giusta indignazione in passato?

Mi piacerebbe che considerassimo che l'atto di rendere grazie, apprezzamento e perdono molto bene può essere pensato come "atti arrabbiati" – ma del tipo che guarisce, ricostituisce, aiuta e onora il sé, non solo gli altri.

Ho tenuto numerose conferenze sulla natura unica della rabbia e della depressione degli uomini in altri luoghi, ma la recente copertura di un presunto aumento di rabbia espressa nel pubblico occidentale e la tragica storia di una giovane donna che avrebbe ucciso un bambino di nove anni. il vicino di casa "per vedere come ci si sente" ci dà la possibilità di guardare alle cause alla radice della violenza indipendente dal genere o persino dall'età.

Sharon Jayson dei commenti USAToday sul fenomeno qui.

Nel suo articolo, afferma che alcuni clinici hanno preso in considerazione la possibilità che l'ascesa di Internet e il fenomeno dilagante delle persone che sfogano la loro rabbia malriposta, maleducata o ingiusta possano essere parte della causa delle persone che la prendono nelle loro interazioni persona anche.

In particolare, menziona anche altri medici che vedono "narcisismo" e "diritto" sull'aumento delle persone, come causali.

Sospetto che entrambi siano coinvolti, ma più di quest'ultimo rispetto al primo, che è solo un "sintomo" del crescente narcisismo là fuori.

L'insolito caso della ragazzina che ha ucciso un vicino di nove anni "per vedere com'è" potrebbe finire per rivelarsi uno di quei casi molto rari di psicopatia – l'assenza di una coscienza che potrebbe avere alcune basi biologiche. Ma potrebbe anche essere un effetto del narcisismo profondo nella misura in cui si ha uno sviluppo molto precoce – livello infantile. Solo l'esame di persona di uno psichiatra lo dirà.

L'articolo di Yahoo è qui.

In ogni caso, molti usano la parola "narcisismo" in un linguaggio laico che potrebbe suggerire semplicemente "arroganza". Invece, per un clinico, suggerisce tutta una serie di caratteristiche psicologiche che possono aggiungere problemi ai confini, egoismo, debolezza del l'ego e l'autostima, un'atteggiamento win'lose più incline a sfruttare o manipolare gli altri, piuttosto che un approccio costruttivo 50-50 alla collaborazione … essenzialmente un "bambino intrappolato nel corpo di un adulto".

E mentre ci possono essere molte ragioni per un'osservazione aneddotica che c'è un "aumento del narcisismo" nella società – dalle campagne di advetising che promuovono acquisti impazienti, alla pubblicità che rompe i confini per intromettersi nelle nostre vite domestiche, a cena – i telemarketing – e persino la vasta diffusione del "giornalismo di advocacy" – dove i giornalisti precedentemente rispettabili discutono e si chiamano a vicenda i nomi in prima serata, piuttosto che riportare i fatti in modo diplomatico.

C'è una risposta, solo guardiamo la forma più semplice dell'anatomia della rabbia.

Lo chiamo la mappa della rabbia.

Le due cause della rabbia

Metti la parola "rabbia" al centro di una pagina vuota, e alla sua destra, disegna una scatola con la parola "Hurt" in essa. Questa è una delle due semplici cause della rabbia delle persone, ed è spesso il tipo che "accumuliamo" nel corso degli anni, e contiene risentimenti. Per i nostri scopi, consideralo un tipo di stress – quello che ci viene in mente e che può sfondare i nostri confini per farci una sorta di "danno".

Sia che si tratti di una ferita fisica o addirittura involontaria, come una puntura d'ape, o di una ferita emotiva molto intenzionale come un insulto, questo tipo di stress ci fa danni fisici (come vandalismo) o psicologici (come la critica distruttiva).

Sul lato sinistro della parola rabbia, disegna un cerchio e, al centro, scrivi "Needs Not Met." Questa è una fonte più grande e più costante della nostra rabbia. È una mancanza di nutrimento, di soddisfazione dei nostri bisogni, un'assenza di sentimento "generato" dai nostri amici, dalla famiglia, dal nostro partner, dalla nostra carriera, o anche dal mondo in generale. Questo è simile a – per i nostri scopi – essere bassi su un tipo di autostima che potremmo chiamare "benessere" – una sensazione di essere pieni, supportati, nutriti o generati.

Se guardi tutte le fonti di rabbia che hai mai sentito, scoprirai che probabilmente si riducono a una di queste due cause. Qualcuno o qualcosa ti ha ferito, fatto danno, o qualche bisogno è diventato insoddisfatto.

Ok, quindi siamo arrabbiati ora. Quali opzioni abbiamo?

Ce ne sono tre: possiamo diventare tristi e depressi con esso, possiamo diventare ostili e aggressivi con esso, o possiamo diventare assertivi con esso – l'unica via d'uscita utile.

Depressione

Il vecchio adagio è che "la rabbia rivolta verso l'interno è depressione". Dite che siete risentiti in una riunione di lavoro, ma non è attualmente appropriato per sfogare la vostra frustrazione. Aspetti e attendi e lo memorizzi, fino a quando in qualche punto della linea inizi a sentirti giù. Ti senti "ferito" che qualcuno ha detto che la tua esibizione era sub-par, e in un primo momento, volevi dare loro un pezzo della tua mente, ma col passare del tempo, hai iniziato a chiedermi se avevano ragione su questo.

Non li hai sfogati e invece ti sei rivolto verso l'interno – l'unica direzione da seguire – e nel cercare il controllo della situazione, hai iniziato a incolparti. Ti sentivi triste e un po 'depresso per il feedback.

Se immagazzinati e inespressi, la rabbia che proviamo sopra le ferite della vita, ei bisogni non soddisfatti, metabolizza in depressione, psicologicamente. Notiamo che non abbiamo abbastanza soldi e ci rattristiamo per questo. Abbiamo notato che abbiamo perso gli amici e ci sentiamo un po 'soli, e ci sentiamo tristi per questo. Non dormiamo abbastanza e lavoriamo troppo, e dobbiamo ritardare la vacanza di un altro anno.

Tutto ciò è un peccato.

Disegna la parola Tristezza o Depressione sotto la parola rabbia. È uno dei tre metodi per usare la rabbia.

Fino a quando in un momento di calma, un momento di chiarezza come le vacanze quando siamo fuori dal lavoro. Iniziamo a pensare ai dettagli, a come abbiamo fatto del nostro meglio e siamo rimasti colpiti dalla frustrazione. Pensiamo a come meritavamo meglio e siamo stati maltrattati. Iniziamo a sognare come sarebbero andate le cose se solo ci fossimo battuti di più.

E ora siamo di nuovo arrabbiati in modo attivo.

Se tutto questo risentimento si è salvato nel tempo, vuol dire scappare, e quale posto e tempo migliore per farlo esplodere che con tutta la famiglia e gli amici che ci hanno mai fatto del male, fatto male, non ci hanno aiutato a soddisfare i nostri bisogni – presente a tavola?

Una decisione deve essere presa. scrivi quella parola sopra la parola "rabbia". Dobbiamo decidere di saltare le nostre cime o avere pazienza e comunicazione mature.

Aggressione

Quindi, spesso, viene fuori esplodere come aggressività: una modalità di comportamento distruttiva, vittoriosa / persa e il percorso rapido per sfogare la rabbia. È il modo di essere che l'articolo di Jayson sopra considera alcuni media elettronici da promuovere, i talk show combattivi e l'impulsività generale e l'impazienza della società.

Disegna una freccia dalla parola "decisione" in alto a destra della parola "rabbia" e scrivi "Aggressione".

La violenza emotiva o fisica – l'aggressione – è la sicura gratificazione immediata per le nostre frustrazioni, e se ammettiamo davvero a noi stessi come ci si sente nel momento in cui lo facciamo (e in un modo o nell'altro lo facciamo tutti), ci si sente bene.

Cioè, fino alle naturali conseguenze dei circoli sociali in cui viviamo, rispondiamo, intolleranti alla natura immatura e narcisistica di questo metodo di usare la rabbia.

Giriamo in tondo in un cerchio che andiamo – ti ferisco e mi sento meglio (aggressività), ti arrabbi, mi sfoghi e mi ferisci (aggressività), e mi sento meglio, ti ferisco, mi ferisci – e l'intero processo crea solo una macchina che genera rabbia nelle nostre vite e a tavola.

Alla fine, la rabbia cresce piuttosto che fare ciò che è destinato a fare – segnalarci che abbiamo bisogni insoddisfatti che dobbiamo soddisfare.

C'è davvero solo una via d'uscita – verso il cambiamento di rabbia da un segnale emotivo negativo, verso un risultato emotivo positivo nelle nostre vite.

Disegna una freccia su dalla parola "Decisione" da "rabbia" in alto a sinistra e scrivi "Assertività".

assertività

Ora è dove scendiamo il sentiero per capire che il ringraziamento e il perdono sono atti di rabbia positivi e costruttivi.

L'assertività, a differenza dell'aggressività, è un uso positivo della rabbia. È un comportamento paziente, maturo, costruttivo, vincente / vincente che ci avvantaggia, e forse anche altri. O almeno ci avvantaggia senza ferire gli altri.

L'assertività è l'atto di uscire e di soddisfare i nostri bisogni senza usare, manipolare o ferire gli altri. In altre parole, non è narcisista o immaturo. È un vantaggio per noi e per la società.

Se avevi un lavoro che non ti piaceva e hai notato i dettagli delle tue esigenze – che hai un capo cattivo, una paga bassa e lunghe ore, allora hai bisogno di un capo carino, una paga alta e delle ore brevi.

Pazientemente, con maturità e disciplina, studiare, addestrare, intervistare e trovare un lavoro migliore. Esci dal vecchio lavoro (che non fa male a nessuno) e prendi il nuovo lavoro.

Avrai soddisfatto i tuoi bisogni, ti sarai promosso in modo maturo e paziente, e colmi di più di quell'autostima che chiamo benessere. In altre parole, l'atto di assertività è "madre di noi stessi".

E capita di essere un atto arrabbiato. La rabbia e la frustrazione sono ciò che segnala e stimola l'atto di affermare te stesso verso il raggiungimento dei tuoi bisogni.

Dal momento che tutti noi abbiamo credenze profondamente sentite che emotive e colorano le nostre visioni del mondo – "lo zio Harry è un cretino egoista" (e quindi non cerchi mai il beneficio dell'esperienza della sua vita nel guidarti), "Il mio lavoro è zoppo e non andare mai avanti per darmi un aumento "(e quindi non ne chiedi uno, esageri nella misura in cui sei sottopagato nel tuo punto di vista), o" il mio coniuge non mi capisce "(e quindi non provi più a comunicare, amare o attrarli) – l'emozione in queste convinzioni sul mondo segnala e spinge i comportamenti che promuovono e prolungano gli stessi risultati che abbiamo ottenuto. I terapeuti cognitivi lo vedono ogni giorno.

Tuttavia, quando facciamo gli atti assertivi di rendere grazie, apprezzare e perdonare – mentre lo fa può o non può giovare a un'altra persona (hanno il diritto di rifiutare il nostro perdono) – questi atti generano sicuramente emozioni positive negli Stati Uniti, collegati al eventi irritanti, la mancanza di cose di cui abbiamo bisogno per essere felici, e potrebbe anche suggerire un futuro, sperato in un successo per raggiungere un obiettivo (il nuovo lavoro, il matrimonio migliore) anche se c'è da fare per arrivarci.

Il perdono non ignora i dettagli dei torti fatti. Si rivolge a loro a testa alta, e con rabbia, ma con un risultato di risoluzione diplomatico e maturo, sperato. Felicità. Il nostro bisogno di giustizia, giustizia e di avere le nostre voci ascoltate.

Grazie e apprezzamento non togliamo il fatto che nella vita ci sono più desideri, meglio vogliamo – ma piuttosto, incanalando assertivamente la nostra rabbia verso la costruzione di ciò che già abbiamo, piuttosto che concentrare le nostre convinzioni e la visione del mondo, su tutto ciò noi non.

L'assertività ci metta sempre di più, e la società, perché è crescita, è costruttiva, collaborativa, reciproca e positiva. Eppure è alimentato dalla rabbia.

Grazie, apprezzamento e perdono sono modi per nutrire noi stessi, onorare i nostri bisogni e le ferite che non avrebbero dovuto accadere e che avremo i limiti per non permettere in futuro.

Sono entrambi arrabbiati, ma anche buoni per noi.

E non stanno "svendendo", "arrendendosi" o "tradendo noi stessi". Stanno facendo il bene da soli tanto quanto dagli altri, o più male.

Solutions Collecting From Web of "Sta ringraziando una forma di rabbia?"