Spotlight: intervista con la madre di un "Pink Boy"

Quello che segue è un'intervista con la scrittrice e attivista sociale Sarah Hoffman che vive con "il suo ragazzo rosa, la sua ragazza gialla e il suo marito multicolore" a San Francisco. Sarah è uno scrittore pseudonimo il cui lavoro è stato pubblicato su stampa e pubblicazioni online; il suo lavoro può essere trovato sul suo sito web: Sarah Hoffman: sulla genitorialità di un ragazzo che è diverso. Le ho chiesto del suo attivismo e difesa, di suo figlio e dei suoi pensieri sul bullismo. Ho iniziato chiedendole delle origini del suo coinvolgimento con questo problema:

Dr. S: Parlami un po 'del tuo background e del perché sei stato coinvolto nel blogging.

Sarah: Sono sempre stata coinvolta nel lavoro di giustizia sociale. Ma fino ad avere mio figlio, non avrei mai immaginato che il mio lavoro politico, che in passato riguardava abitazioni a prezzi accessibili e cause ambientali, avrebbe assunto questa forma particolare. Ma non sempre riusciamo a scegliere il modo in cui avviene il nostro lavoro nel mondo. Avere un figlio non conformista di genere mi ha aperto gli occhi sul pregiudizio nella nostra cultura contro i ragazzi che sono femminili. Ho iniziato a capire che l'annullamento di questa sorta di pregiudizio di genere è il prossimo grande problema dei diritti civili nel nostro paese e volevo essere parte di quel cambiamento.

Sono uno scrittore e ho scritto di mio figlio da sei anni. Ho iniziato il mio blog circa due anni fa. Il blogging su mio figlio rappresenta l'intersezione della mia carriera di scrittore e dei miei valori, ed è stato sia gratificante che personale per gli spiriti di mio figlio – e, spero, utile per i miei lettori.

Dr. S: Hai scritto di tuo figlio come un "ragazzo rosa". Cosa significa?

Sarah:

Mio figlio non rispetta il genere, il che significa che le sue preferenze per giocattoli, giochi, amici e vestiti non sono sempre state in linea con ciò che la società ritiene che un ragazzo dovrebbe preferire. Quando aveva due anni, ha scelto il suo primo pezzo di abbigliamento rosa: un paio di scarpe da ginnastica rosa. Presto voleva magliette rosa e quando aveva tre anni voleva un vestito rosa. Quando aveva quattro anni, aveva i capelli lunghi e si vestiva quasi esclusivamente con abiti da "ragazza", anche se manteneva un interesse per le armi medievali. Verso i sei anni, iniziò ad interessarsi a cose più "stereotipate" da ragazzo, come Star Wars e Lego, e ora, a nove anni, ha ancora i capelli lunghi e non ama gli sport, ma preferisce i vestiti "da ragazzo" ed è interessato a, soprattutto, Pokemon. Forse ora è più un ragazzo viola.

Abbiamo una parola per quando la non conformità di genere accade nelle ragazze – noi li chiamiamo "tomboys". Non c'è stato un termine non spregiativo per i ragazzi che non si adattano alle norme di genere, quindi ho deciso di chiamarli "ragazzi rosa". Altri hanno detto "tomgirl", "princess boy" o "girlyboy". curioso di vedere su cosa si basa la nostra cultura. Recentemente sono stato più parziale con Tomgirl, che mi piace perché è correlato a un termine generalmente accettato, generalmente positivo, e consente l'espressione "viola" di mio figlio. A nessuno importa se un maschiaccio che ama il calcio e indossa dei jeans mette una gonna a volte, o ha le ragazze con i capelli lunghi, anche i maschi, è permesso una fluidità che i ragazzi non sono. Per me, questo lavoro è davvero trovare un modo per far sì che i bambini siano chiunque essi siano, quindi mi piacerebbe che trovassimo un termine che offra ai ragazzi una gamma più libera di espressione.

Dr. S: Recentemente, hai scritto del bullismo. Cosa ti ha portato a scrivere su questo argomento?

Sarah: Sono stata consapevole delle percezioni di altri bambini di Sam da quando ha messo su il suo primo paio di scarpe da ginnastica rosa all'età di due anni. I bambini spesso sentono che c'è solo un modo per essere un ragazzo: camion dei pompieri, baseball e jeans, e un modo per essere bambine, balletti e diademi scintillanti. La realtà è che ci sono molti, molti bambini la cui espressione di genere è più complessa di quella. È una risposta naturale per i bambini sottolineare quando qualcosa è diverso da quello che ci aspettiamo. È compito degli adulti insegnare ai bambini come rispondere in modo appropriato ai bambini che sono diversi (in uno dei tanti modi in cui le persone sono diverse l'una dall'altra). Se ciò non accade, i bambini crescono disdegnando la differenza, e usandolo come una scusa per fare il bullo a vicenda.

Cominciai a pensare seriamente al bullismo quando Sam era all'asilo e cominciò a essere molestato coerentemente per le sue differenze. Mio marito ed io abbiamo dovuto essere i sostenitori di Sam, educare gli insegnanti e l'amministrazione scolastica su come fermarsi, e in definitiva prevenire, il bullismo. In prima, seconda e terza elementare, il bullismo si è intensificato e abbiamo dovuto lavorare sodo per aiutare la scuola a capire quanto sia importante il lavoro anti-bullismo. È stata una lotta per noi, ed è una lotta per molte famiglie, ma ci sono molte scuole che hanno messo in atto efficaci programmi di prevenzione del bullismo. Voglio scrivere di questo in modo che altre famiglie e scuole possano conoscere questi successi, sia per offrire risorse pragmatiche sia per offrire speranza.

Dr. S: Perché pensi che i bambini si facciano il prepotente? Quali tipi di bambini sono presi di mira?

Sarah: non sono un esperto di bullismo. Ci sono molte teorie su come i bambini vedono comportamenti di bullismo a casa, alcuni dei quali possono spiegare alcuni comportamenti di bullismo. Ma ho visto anche ragazzi di case meravigliose prepotenti, e da dove viene? Penso che abbia a che fare con una cultura che accetta un certo livello di bullismo e per certi tipi di persone. In generale, coloro che sono vittime di bullismo sono quelli che sono diversi dalla norma. Siamo riusciti ad affrontare la discriminazione basata sulla razza, sul genere e sulla capacità basata sulla fisica in modo abbastanza efficace in molti modi, e abbiamo mezzi culturali e legali per fermarlo quando si presenta. Voglio vedere lo stesso tipo di cambiamenti culturali che sono accaduti per razza e genere e l'abilità fisica (e in una certa misura l'orientamento sessuale) si verificano anche per non conformità di genere infantile.

Dr. S: Qual è l'impatto sui bambini che sono vittime di bullismo? Cosa pensi che l'impatto sia sui bambini che fanno il prepotente?

Sarah: La serie di esempi più sbalorditivi dell'impatto del bullismo, in particolare il bullismo LGBT, è accaduto lo scorso autunno, con l'eruzione di suicidi tra adolescenti. Ma ci sono molti effetti dannosi del bullismo sulla salute e sulla salute mentale a meno del suicidio, che vanno dalla depressione e dall'ansia alle pratiche sessuali non sicure e all'uso illegale di droghe per l'autolesionismo. Il Family Acceptance Project presso la San Francisco State University (che ha anche esaminato gli effetti del rifiuto della famiglia sui bambini LGBT) ha studiato e riferito su questi effetti dannosi del bullismo sui bambini LGBT.

Secondo il rapporto sul clima scolastico GLSEN 2009, il 90% degli studenti LGBT subisce molestie verbali a scuola e il 40% subisce molestie fisiche. I bambini eterosessuali che non si conformano alle norme di genere hanno le stesse probabilità di essere molestati in base al loro orientamento sessuale percepito come bambini gay: è interessante notare che questa forma di molestie può riguardare tanto l'espressione di genere quanto l'effettivo orientamento sessuale. Ed è importante ricordare che i bambini vittime di bullismo non sono gli unici danneggiati dal bullismo da bullismo fa male anche al prepotente, così come lo spettatore che guarda senza sapere come rispondere.

Dr. S: La maggior parte delle scuole in questi giorni ha una rigida politica antibullismo e non lascia che i bambini se la cavino con il bullismo quando lo scoprono. Eppure il bullismo persiste ancora. Perché pensi che sia?

Sarah: La scuola dei miei figli dice che hanno "tolleranza zero" per il bullismo, eppure il bullismo persiste. Un consulente scolastico che ha lasciato la nostra scuola ha detto: "Quando le scuole fanno riferimento alla tolleranza zero, ciò che realmente intendono è una tolleranza del 10%". Ciò di cui c'è bisogno è una combinazione di un efficace programma di prevenzione del bullismo integrato in ogni aspetto della scuola in modi appropriati all'età E politiche amministrative rigorose e chiaramente articolate che in realtà sono all'altezza dell'ideale di tolleranza zero. La nostra scuola, dopo quattro anni di richieste della nostra famiglia, l'elemosina e, alla fine, la richiesta insieme ad altri genitori, si è finalmente impegnata in entrambe queste cose.

Dr. S: Cosa pensi che dovrebbero fare i genitori se il loro bambino viene vittima di bullismo?

Sarah: parla con gli insegnanti. Parla con l'amministrazione. Parla con i genitori. Parla con organizzazioni che possono aiutarti. Parla, parla, parla. Richiedere modifiche, richiedere cambiamenti, fornire risorse. Organizza altri genitori e chiedi il cambiamento insieme. Chiama i media. E se il bullismo persiste, è tempo di pensare a trovare un'altra scuola.

Risorse fornite da Sarah Hoffman:

– Le scuole di accoglienza, un programma della campagna sui diritti umani, forniscono alle scuole K-5 le risorse per abbracciare la diversità familiare, evitare gli stereotipi di genere e porre fine al bullismo e alla chiamata di nomi.

– Teaching Tolerance supporta le scuole (utilizzando kit didattici, consigli per gli studenti e risorse per lo sviluppo professionale) in modo che possano creare ambienti di apprendimento K-12 inclusivi ed equi.

– La Guida Jump-Start GLSEN per Gay-Straight Alliances e il GSA Network possono aiutare la tua scuola a creare un'Alleanza Gay-Straight della scuola media.

– Organizzazioni come la nostra Coortezione di famiglie e lo spettro di genere possono venire alla tua scuola elementare, media o superiore per formare docenti, personale, studenti e genitori sulla diversità familiare, ruoli di genere, stereotipi e anti-bullismo in modi appropriati all'età.

– Il GLSEN Safe Space Kit ha lo scopo di aiutare gli educatori a creare uno spazio sicuro per i giovani LGBT.

– Trevor Survival Kit di Trevor Project è progettato per facilitare le discussioni in classe sull'identità di genere, l'orientamento sessuale e la prevenzione del suicidio.

– La tua scuola può portare film anti-bullismo adatti all'età come Teaching Tolerance's Bullied, Groundspark's Let's Get Real e Straightlaced e Trevor Project di Trevor.

Solutions Collecting From Web of "Spotlight: intervista con la madre di un "Pink Boy""