Spostarsi oltre il mito dell’angoscia teenager

Risposta a un pezzo di opinione del New York Times

Anna Parini/New York Times

Fonte: Anna Parini / New York Times

Il 7 settembre, il dott. Richard Friedman, uno psichiatra e scrittore di opinionisti del New York Times, ha scritto un pezzo intitolato The Big Myth About Teenage Anxiety. In esso, nelle sue stesse parole, ci dice “Rilassati … perché l’era digitale non sta distruggendo il cervello di tuo figlio”. Come si può leggere nel mio Op-Ed scritto durante l’estate, sono d’accordo con gran parte di ciò che il Dr. Friedman ha scritto. Ma nutro anche profonda preoccupazione per il fatto che il Dr. Friedman abbia minimizzato la crisi di salute pubblica che l’ansia giovanile rappresenta e ha perso punti importanti su cause e soluzioni per l’ansia. Gran parte della mia reazione può essere letta in una lettera al redattore del New York Times, pubblicata domenica scorsa, ma di seguito espongo alcune di queste idee.

In primo luogo, mentre parla del “mito” dell’epidemia di ansia adolescenziale, non riesce a mettere in evidenza che, qualunque sia la causa, milioni di adolescenti soffrono di ansia. Cita il rapporto di Merikangas e colleghi sul sondaggio clinico della salute mentale degli adolescenti negli Stati Uniti. Questo studio ha dimostrato che all’età di 18 anni, quasi un terzo dei giovani mostra sintomi di ansia abbastanza gravi da meritare una diagnosi. Ciò significa che milioni di adolescenti stanno lottando con un’ansia debilitante. Respinge rapidamente l’idea che questi allarmanti tassi di ansia sono causati dalla tecnologia, un punto di vista a cui sono solidale. Tuttavia, rifiuta anche la possibilità che la tecnologia contribuisca al ciclo dell’ansia in modi importanti e prevenibili. Ci sono buone ragioni per credere che abbia torto a farlo.

Secondo, sono d’accordo con il Dr. Friedman sul fatto che i bambini e gli adolescenti si trovano di fronte a un mondo che provoca angoscia, quindi l’angoscia è in gran parte normale. Ma per respingere l’istinto dei genitori che i nostri figli sono nei guai e che la tecnologia può essere parte del problema (“rilassati”, ci esorta) rischia di essere sia fuorviata che condiscendente. Non tutti i genitori interessati sono genitori di elicotteri, che chiamano lo strizzacervelli – se possono anche permettersene uno – a fare il check-in sul loro figlio dopo una dura rottura. La saggezza dei genitori è che, anche quando non siamo sicuri di cosa fare o come aiutare, sappiamo quando le cose non vanno bene con i nostri figli. Sappiamo tutti che qualcosa non va nei rapporti dei nostri bambini (e dei nostri) con la tecnologia digitale.

Infine, il Dr. Friedman sostiene, come molti prima di lui, che gli smartphone ei videogiochi sono solo un’altra innovazione tecnologica che ha scatenato il panico esistenziale. Non sono d’accordo. C’è una differenza qualitativa tra le preoccupazioni per la televisione e la “putrefazione del cervello” e le preoccupazioni per il nostro attuale ecosistema digitale. La televisione non è stata progettata per mediare le nostre vite, andare ovunque con noi, tracciare ogni nostro acquisto e movimento, o ascoltare le nostre conversazioni. I miei genitori non hanno mai dovuto preoccuparsi dei troll e dei nemici di internet durante i cartoni animati del sabato mattina.

Il Dr. Friedman ci ricorda giustamente di fare un passo indietro e smettere di incolpare la tecnologia per la sofferenza dei nostri figli, e che il disagio è normale e sano. Ma spero che ricordi la saggezza dei genitori e apprezza che è in corso un’eccellente ricerca per separare i legami tra ansia e tecnologia in modo da poter trovare soluzioni reali.

  • Il potere dell'abitudine nel processo decisionale
  • 3 motivi per cui le grandi relazioni vanno male
  • Travolto dalle emozioni negative? Prova l'accettazione radicale
  • Cambio di successo con la piuma di Dumbo
  • Aiutare le professioni per i veterani
  • Scopo e sonno
  • Come puoi prevedere il futuro?
  • Da auto-indulgenza a auto-nutrimento
  • Donald Trump è un maschio alfa?
  • Connessione emotiva con il lavoro aumenta il benessere - come mai?
  • Aggretsuko: The Feminist Anime Shero
  • Il cibo è avvincente? (Chi vuole sapere?)
  • Quando non riesci a dormire
  • Pratiche burocratiche di assunzione del bambino, demistificate
  • Tribunali della droga e restauro della dignità
  • Chi sta prendendo le pillole per dormire?
  • Perché la natura è buona per il nostro cervello
  • Mettere la nostra politica nazionale sul lettino della terapia
  • Gli avvocati non dovrebbero dirci come allevare i nostri figli
  • Dove saranno i lavori?
  • Universo parallelo del dolore cronico: analgesia congenita
  • Perché le risoluzioni del nuovo anno non funzionano
  • Perché i genitori cinesi stanno diventando superiori
  • Capitolo 4: Sex & Masturbation
  • Vivere più a lungo, vivere meglio
  • Quali azioni di Trump significano davvero per gli studenti transgender
  • Abbassare il bambino
  • Ormoni ad effetto epidemico, parte superiore di muffin, funzione cognitiva
  • Giocando con il cuore
  • Invecchiamento con GRACE
  • Dinamica razziale nell'educazione e nella sanità
  • Analisi: come è stata creata la dichiarazione di dipendenza dal sesso AASECT
  • Perché lavorare lo stress fa male alle tue relazioni
  • Il nostro corpo economico
  • Multitasking e Mardi Gras: più in comune di quanto pensi!
  • Come battere il cibo emotivo