Sport e spiritualità: parte IV

Johnny Unitas, Michael Jordon, Wayne Gretzky, Chris Sharma, Laird Hamilton: la nostra lista di divinità atletiche moderne tende verso il lato mortale dell'equazione, ma non è sempre stato così. Per quasi tutto il tempo che c'è stato lo sport, ci sono state divinità dello sport. Un elenco dei deiformi specializzati nella caccia da solo sfugge alla pagina: la Dorina nigeriana; la Diana romana; l'indiano Alopurbi; l'Astarte cananea; l'africano Coti, che una volta diede alla luce un eland e quindi serve sia come progenitore che come signore della caccia; l'Inuit Tekkeitersrktoc, quasi impronunciabile, e il peggio ancora celtico Gwyn ap Nudd, l'ultimo dei quali un tempo guidava un branco di segugi soprannaturali lungo i suoi sentieri di appostamento.

Al di là di questa categoria, ci sono dei irlandesi di forza e abilità fisica, gli dei norvegesi della lotta e della pesca, gli dei egizi del tiro con l'arco e le attività all'aperto. Sia l'antico dio cinese Tung Lu che l'antico dio germanico Ull governavano lo sci; mentre l'Aztec Macuiloxochitl guardava i giocatori d'azzardo dello sport. Naturalmente, c'è Nike, la dea greca della performance atletica, il cui nome si è intromesso nel tempo nella Vittoria romana, da cui discende la nostra parola di trionfo in tutti i contesti: la vittoria.

Il nostro più famoso concorso globale è iniziato tremila anni fa come un festival ellenistico locale degli dei. Circa cinquecento anni dopo le Olimpiadi sono diventate la celebrazione dell'impero a cui pensiamo oggi, ma questa è stata sempre una celebrazione spirituale. Come scrisse Pausania nel 160 EV, "in nessun luogo l'aura della divinità è così potente come durante … i giochi olimpici". Eventi alternati a sacrifici e cerimonie, adorando Zeus, in onore del quale Ercole costruì il primo stadio moderno (la leggenda narra che camminava per quattrocento passi e chiamava questa "stadion" a distanza), e la divinità che correva il cocchio: Pelope. C'era un altare per Era, nel cui nome gareggiavano i corridori, e un altro per Rhea, la madre di Zeus e il luogo di nascita tecnico dei giochi stessi. La loro attrazione fu così potente, nel 393 CE, quando il Sacro Romano Impero Teodosio abolì i giochi, lo fece per diminuire la popolarità della religione pagana.

E mentre queste tradizioni occidentali usavano questi giochi sia come venerazione sia come modo di praticare la virtù – la nozione cristiana di sacrificio e celibato era iniziata come un rituale atletico greco – Le tradizioni orientali trovavano la fisicità un percorso verso Dio a pieno titolo. La "dehvada" indù o "via del corpo" vedeva la salvezza il più possibile solo attraverso la perfezione fisica. Lo yoga proviene da questo lignaggio, così come una serie di altri sport: nuoto, lotta, tiro con l'arco, polo e-di tutte le cose-hockey. Le tecniche di respirazione del naso di Hatha, conosciute come pranayama, si sviluppavano sul contenuto di ossigeno nel sangue (la prima forma di doping del sangue noto all'uomo) aumentando così la forza e la resistenza. Come ulteriore vantaggio, questa tecnica, come attestano diverse migliaia di cure per l'ansia, riduce anche la nostra capacità di provare paura.

Quando l'induismo lasciò il posto al buddismo, questa adorazione dello sport continuò. Si diceva che lo stesso Gautum Buddha fosse un asso al tiro con l'arco, all'equitazione, alle corse dei carri e al lancio del martello. La tecnica di combattimento indiana non armata del kerala, diffusa a livello mondiale dai monaci buddisti, ha dato vita al karate e al judo in molte altre forme. È stato il santo uomo errante Boddhidharma che ha attraversato l'Himalaya per insegnare queste tecniche nel tempio Shaolin nella provincia di Honan, nella Cina settentrionale, un atto che genera molto di ciò che pensiamo come arti marziali.

Anche la nozione di surf come religione non ha avuto origine con Duke Kahanamoku e Tom Blake, ma ha iniziato come una tradizione polinesiana molto precedente, sia un atto di preghiera che un modo di celebrare la divinità interiore. Così sacra era questa attività che persino l'abbattimento di un albero per scolpire una tavola da surf richiedeva sacrifici elaborati agli dei. Nelle isole Figi e Samoa e Tonga e in Nuova Zelanda ci sono preghiere per il buon surf e preghiere per la fortuna mentre si naviga. Questo sport era così radicato nella tradizione pagana, che uno dei primi atti di missionari cristiani, dopo essere arrivati ​​alle Hawaii, era vietare questa pratica su quelle isole.

Solutions Collecting From Web of "Sport e spiritualità: parte IV"