Split: Horror con un lato di Split Personality

kansascity.com
Fonte: kansascity.com

Con "Split" M Night Shaymalan è tornato. Fino alla prossima "Lady in the Water" almeno.

Questo avvincente thriller sul rapimento di tre ragazze adolescenti offre un ritratto superbamente recitato e plausibilmente complesso di un cattivo con Dissociative Identity Disorder (aka split personality).

Per chiarire, il termine split personality è un segnaposto orecchiabile per un processo di coscienza e personalità fratturate che rimane in gran parte un mistero nel campo della psicologia clinica. Se il fenomeno della personalità divisa esiste anche, è probabile una funzione di trauma. Il significato, le personalità spezzate emergono e si sviluppano all'interno dell'individuo in risposta alla scelta della mente di nascondersi dal dolore delle realtà irrisolte passate, attuali e percepite. Va da sé che questa serie di scelte inconsce è gravemente disfunzionale, e l'obiettivo terapeutico finale (l'unica cosa su cui il campo è d'accordo) è l'integrazione – tornare a un unico, coerente senso di identità.

Senza continuità di coscienza potresti lottare per raggiungere anche le più elementari capacità relazionali e relazionali – quando ti arrabbi e urli contro qualcuno, per esempio, devi essere in grado di assumerti la responsabilità e riparare il danno causato dal cattivo comportamento per avere successo nelle relazioni. E non puoi farlo se hai costruito un mondo interiore che ti permette di dire "non ero io", specialmente per un doppio grado di personalità in cui credi letteralmente "che non ero io".

In una certa misura, lottiamo tutti con la risposta "non ero io" per affrontare le emozioni indesiderate, i ricordi, le azioni e altri contenuti di vita angoscianti. Tutte le nostre personalità fluttuano su uno spettro di identità di coscienza, e sembra teoricamente ragionevole suggerire che la doppia personalità sia il polo malsano di questo continuum. Dall'altro lato, naturalmente, c'è l'immagine teoricamente perfetta della salute – un senso positivo, coesivo e stabile di one-ness (per lo più aspirazionale, a volte realizzabile).

Tornando alla discussione sull'identità del film, considero un punto sfumato della realtà che ognuno dei personaggi di James McAvoy all'interno di un personaggio possedeva un certo grado di autoconsapevolezza (sapendo che lui / lei faceva parte di un cast d'ensemble, per così dire).

Una missione di questo blog è di verificare la rappresentazione della malattia mentale e della terapia nel cinema, e ho alcuni consigli utili:

In questo film, una persona con Dissociative Identity Disorder (DID) soccombe anche all'oscuro e disturbato desiderio di rapire e potenzialmente (si asterrà dal rovinare) l'uccisione. Sebbene si conosca poco su DID, non vi è alcun motivo empiricamente supportato per presumere che il DID sia correlato o causa tale rabbia e violenza uniche. Inoltre, sulla questione dei criminali omicidi e delle diagnosi della salute mentale, ho a lungo ipotizzato che la volontà di rapire e uccidere (in realtà) richieda una miscela specifica e unica di fattori di personalità associati a tre diagnosi distinte di salute mentale (Disturbo della personalità borderline, Narcisista). Disturbo della personalità e Disturbo della personalità antisociale). Ho trovato un altro punto della realtà sfumata che il personaggio di questo film non aveva solo DID ma sfumature di queste altre diagnosi.

Un'altra missione di questo blog è quella di prendere in giro il valore terapeutico così spesso incorporato nel cinema e nella televisione.

Una chiara lezione di vita di "Split" è l'importanza di conoscere te stesso. È meglio affrontare / risolvere apertamente conflitti interni e dilemmi piuttosto che evitare, procrastinare e compartimentare. Se vai troppo lontano in questa direzione malsana, potresti scivolare nel territorio DID. Mentre sto scherzando soprattutto sul pendio scivoloso (DID è molto raro ed estremo), tutti noi lottiamo con l'istinto di ritirarci, piuttosto che combattere l'angoscia psichica frontale. E il successo dipende, tra le altre cose, da un'identità chiara e coesa.

Forse questo è il motivo per cui tutte le terapie, indipendentemente dai problemi trattati o dalle motivazioni teoriche che vengono impiegate, rendono le trombe chiarificatrici su obiettivi e valori. Devi sapere cosa vuoi e come vuoi arrivare lì, per sapere se ti stai persino spostando verso o lontano da una versione più felice e più sana di te stesso. Il dovere fondamentale di un terapeuta è quello di aiutare un cliente non solo a chiarire obiettivi e valori, ma a verificare e modificare in realtà gli obiettivi ei valori preesistenti che sono malsani. Formulare mezzi più efficaci per tali fini desiderati è, naturalmente, l'altra parte del puzzle del trattamento.

Consiglio vivamente "Split" se si è in vena di forti intrattenimenti e di una ricca discussione sulla doppia personalità, e non importa un'esperienza visiva di orrore perpetuo e pericolo inquietante.

Solutions Collecting From Web of "Split: Horror con un lato di Split Personality"