Spinoza e Steers

Ho passato la settimana scorsa a leggere Spinoza, a raddrizzare sterzi e godermi l'inizio della primavera.

Benedict de Spinoza (1632-77) era un filosofo olandese il cui capolavoro, Etica, presenta argomenti per la natura di Dio e l'uomo usando la forma di prove geometriche – assiomi, proposizioni, definizioni, spiegazioni e tutto. Ho deciso di passare un po 'di tempo con lui dopo averlo chiamato, ancora una volta, in un'altra opera di filosofia ambientale. Scrittori contemporanei, come Jane Bennett e David Abram, stanno facendo appello a Spinoza per l'aiuto nell'ancoraggio dei concetti del mondo naturale e materiale che incoraggerà la compassione umana per la Terra nel suo complesso.

Due delle affermazioni di Spinoza in particolare sono in costante rotazione. Per uno, usa la frase "Dio, o Natura", sostenendo che Dio e Natura condividono una "sostanza" infinita. In secondo luogo, insiste che ogni corpo, umano e non, nella misura in cui esiste in Dio / Natura, è animato da solo "sforzarsi di perseverare". Ogni corpo, animale, vegetale o minerale, ad ogni scopo e scala, agisce in modo tale da aumentare il suo potere d'azione.

Citando queste due idee, i filosofi concludono che gli umani dovrebbero onorare gli altri corpi terrestri come dotati di intelligenza e di agire, e così desistono dal comportarsi come se contano solo gli umani.

Mentre sto riflettendo sulle prove di Spinoza, Bright e Blaze, il due anni Milking Shorthorn dirige che mio figlio si sta allenando, decide che sono stanchi della loro penna. Hanno abbondante fieno e acqua fresca, in un rifugio pieno di sole circondato da corde apparentemente ridondanti di filo spinato, che ignorano. Scivolando nell'aia, la coppia da 1.500 chili, rosso-marrone e maculata, si dirige verso la porta di casa nostra. Si rovesciano sul secchio di legno in cui facciamo il gelato, e iniziano a leccare la feccia salata.

Entrando in cucina per una tazza di tè, vedo un'enorme testa attraverso la finestra. Poi un altro Invece di tornare a Spinoza, mi infilo gli stivali, il cappotto, i guanti e il berretto, e sbatto malvolentieri verso la luce del sole. Mi avvicino a Bright, il più grande dei due, con la cavezza in mano. Si scansa, calciando i tacchi in aria come un agnellino appena nato. Con grandi corna. Devo ridere. È lui l'intelligente, animato, che cerca di perseverare sul fatto che Spinoza abbia in mente?
*
L'etica di Spinoza è diversa da come immaginavo. Piuttosto che il trattato ambientale che implicano i suoi usi contemporanei, l'Etica è un'apologia estesa per "una vita della mente". Dio e Natura, mente e corpo, sono ciò che sono tali che gli umani trovano la loro più grande felicità quando leggono e scrivono, preferibilmente in compagnia di amici che la pensano allo stesso modo. Secondo Spinoza, è la conoscenza di Dio, non la caccia alle sterzate, che produce la più alta gioia umana. Come scrive, "Nella vita … è particolarmente utile perfezionare, per quanto possiamo, il nostro intelletto o ragione. In questa cosa consiste la più alta felicità o beatitudine dell'uomo ".

Perché? L'argomento va così. Dio è sostanza infinita, la causa di se stessa, che opera liberamente secondo le leggi della sua natura, che, per Spinoza, sono le leggi eterne della natura. Dio è un essere pensante, la cui sostanza appare anche nella modalità di estensione. L'intelletto di Dio è quindi la causa immanente di ogni cosa finita e sfuggente.

Data questa scena, anche gli umani esistono in Dio come parte della natura, come un tipo di corpo tra molti altri, che costantemente influenza e viene influenzato da altri corpi. Tuttavia, gli esseri umani sono la parte della natura che è in grado di comprendere tutti i corpi, compresi i loro, come le stesse modalità di Dio, cioè "sotto la specie dell'eterno". E capire i corpi in questo modo, secondo Spinoza, produce gioia massima.

Perché? Per due ragioni. Primo, anche se la mente e il corpo condividono una sola sostanza (Dio o Natura), Spinoza insiste che la conoscenza che la nostra mente riceve sul mondo attraverso i nostri sensi corporei è "mutilata e confusa". È distorta dalla nostra posizione corporea e dalla nostra sensibilità limiti. Secondo, per Spinoza, tutti i cosiddetti piaceri associati al mondo materiale non lo sono. I piaceri sensoriali vanno e vengono, lasciando sulla loro scia una tristezza che confonde e offusca la mente.

La ragione, tuttavia, può affrontare entrambe le fonti di disagio. Usando la ragione, possiamo "purificare" e "sanare" la nostra conoscenza sensoriale formando "idee adeguate". Usando la ragione, possiamo anche coltivare una capacità di non essere influenzati da cause esterne, materiali o naturali che potrebbero distrarci da tale comprensione . In entrambi i casi, quindi, usare la nostra ragione risponde al nostro sforzo di perseverare, e quindi produce la gioia promessa.

Non è esattamente quello che cercano gli ambientalisti. Dov'è la cura e la compassione per il benessere del mondo naturale?

Considero il problema mentre contemplo la mia prossima mossa con i manzi. Sono veramente enormi. In piedi accanto a loro, mi sento piccolo e debole. So che non mi farebbero del male intenzionalmente – mio figlio li ha addestrati bene – ma semplicemente non c'è motivo per cui debbano fare ciò che voglio che facciano. Potrebbero sopraffarmi con un colpo di testa. Non lo fanno.

Guardo mentre si litigano tra loro, vagano tra le balle di riserva ammucchiate nell'aia e vanno via ogni volta che mi avvicino. I manzi vogliono essere fuori. È come se sentissero odore di primavera. Sentono qualcosa di nuovo e vogliono parteciparvi facendo nuove mosse. Vogliono liberare le capacità di cavitazione che giacciono dormienti sotto la loro scopata invernale. Non li biasimo.

Decido di sbarazzarmi delle cavezze e provare un bastone sottile. Toccando delicatamente da dietro, sterzo i timoni verso la loro penna. Al cancello, virano e tornano indietro attraverso la strada alle balle di fieno di ricambio. Mi muovo con loro e li tocco indietro verso la penna. Avanti e indietro andiamo. Mi muovo con loro ancora un po ', fino a che, finalmente, si muovono con me, di nuovo nella loro penna, dove fanno cerchio attorno alla loro balla in attesa.

Rientro a Spinoza e gli sterzi trascinano i miei pensieri in una direzione che è sia nuova che familiare. Anche Spinoza potrebbe fare un'altra mossa. Quando si confronta con la selettività dei nostri sensi e con la breve durata dei piaceri sensoriali, Spinoza non deve aggiogare la sua ragione ad un amore intellettuale di un Dio eterno.

E se, invece di cercare rifugio in un'idea di verità eterna, abbiamo scelto di coltivare la capacità di muoversi con i ritmi del mondo materiale? E con i ritmi dei nostri stessi desideri?

Come ammette Spinoza, i corpi umani sono profondamente impressionabili, colpiti a tutti i livelli in una miriade di modi da una vasta schiera di umani, non umani ed elementali. Questa sensibilità, aggiungerei, non è semplicemente passiva. Mentre i nostri corpi sono mossi da persone, luoghi e cose, impariamo come muoverci per noi stessi. Impariamo a conoscere il potere del nostro movimento corporeo per connetterci con altri corpi e forze che sostengono la nostra vita in corso. Questo potere consiste in una capacità di creare e diventare nuovi modelli di sensazioni e risposte che allineano il nostro benessere con le sfide e le opportunità del momento.

E se la nostra peculiare umanità risiedesse in questa capacità di imparare dagli altri corpi terrestri, dai ritmi, dai cicli e dalle stagioni della natura corporea, dalla nostra capacità di fare i movimenti che ci rendono ciò che siamo, in grado di connetterci, capaci di amare ?

Gli umani hanno bisogno di un'idea della Natura come divina, intera e degna di devozione, ma abbiamo anche bisogno di più. Abbiamo bisogno di sottometterci a forze e movimenti più grandi di noi stessi, ai quali dobbiamo rispondere, e così catalizzare una consapevolezza sensoriale del nostro movimento corporeo e di come ci rende capaci di pensare, sentire e agire come facciamo noi.

Quando lo faremo, avremo ciò di cui abbiamo bisogno per ricreare la nostra relazione con il mondo "più che umano" (Abram). Avremo la capacità di sentire il dolore e la tristezza del mondo naturale come una chiamata a muoversi in modo diverso – per trovare modi di pensare, sentire e agire che ci connettono in modi mutuamente compatibili con il corpo della terra e i corpi della terra, compreso il nostro.

È quello che sa un corpo.

È quello che mi sta insegnando il mio tempo con Spinoza e i manzi.
*
Più tardi nel giorno vado in cucina e vedo Blaze che mi scruta attraverso la finestra. Ancora?!

Questa volta, i manzi non mi permettono di chiudere abbastanza per toccare. Kyra si offre volontario per aiutare. Ha nove anni, tutti alti quattro piedi e settanta chili. Si avvicina a Blaze delicatamente, la cavezza dietro la schiena. Lei lo gratta sotto il mento, e mentre io sbatto le palpebre, infila la cavezza sulle sue corna uncinate. Lei fa lo stesso con Bright. Ipnotizzato, l'aiuto a guidarli nella loro penna. Io seguo. Seguono. Questa volta li leghiamo.

Sarà meglio per loro, ragionerò. Saranno al sicuro dalle macchine di passaggio, a portata di mano di cibo e acqua. Dipendono da me per prendersi cura di loro. Eppure, il mio cuore quail. Sono legati, contro la loro volontà. Sento il loro dolore. Così commosso, le forme pensiero. Giuro di costruire una nuova recinzione non appena il terreno si scongela: una staccionata di legno solida che sarà abbastanza forte da tenerli dentro e abbastanza grande da dare loro spazio per scherzare.

Ne ho bisogno.

Solutions Collecting From Web of "Spinoza e Steers"