Spiegare agli amici che cosa è il dolore

Il libro Milo dovrebbe essere letto da ogni genitore che alza un bambino in lutto. È un libro scritto per bambini che sono all'inizio dell'adolescenza, anche quelli un po 'più giovani o un po' più grandi. Gli adulti, a giudicare dalla mia esperienza, possono imparare molto da questo. Il libro, di Alan Silberberg, racconta la sua esperienza a scuola l'anno dopo la morte di sua madre all'età di 11 anni. Silberberg è un disegnatore di talento e usa questo talento per raccontare la sua storia.

Silberberg descrive la difficoltà di Milo nell'affrontare il mondo senza sua madre mentre vive in modo magro con quello che vede come uno spazio vuoto nella sua famiglia. Scrive di come i bambini affrontano, è così che i suoi amici a scuola lottano per affrontare la realtà della morte di sua madre. Alla fine, il libro parla di legami continui, poiché Milo si rende conto di avere una madre, ma non è nella sua vita allo stesso modo. Tutte le cose a casa che gli ricordavano di lei venivano abbattute da suo padre; questo era un modo in cui suo padre si occupava del suo stesso dolore. Alla fine Milo ripone sua madre nella sua vita, inventandole foto e utilizzando alcune delle cose che ha usato in casa. Termina il libro dicendo che è felice di essere in una famiglia di tre e nel ricordare che erano una volta quattro.

Mentre leggevo il libro mi è tornata in mente una discussione che ho avuto diverse settimane fa sui legami continui. Era un incontro di colleghi che stavano facendo ricerche sul lutto. Il tema delle obbligazioni continue si avvicinò. Il punto focale della discussione era: per quanto tempo le persone in lutto parlano al defunto, e quali sarebbero le conseguenze psicologiche di questo tipo di connessione continua. Sono stato sorpreso di sentire questo tipo di comportamento utilizzato come indicatore principale di una connessione al defunto. Mi sembra che stiamo ancora imparando come vengono mantenute queste connessioni. Non è un fenomeno semplice. Ho ricordato la mia esperienza accendendo candele commemorative per quelli della nostra famiglia che sono morti; questa è una tradizione ebraica che facciamo in diverse occasioni durante tutto l'anno. Ho ricordato ai miei colleghi che ricordo, in quei momenti, quelli che sono morti, ma non necessariamente parlo loro. Fanno parte di ciò che sono e sono confortato nel ricordarli.

Ho visto Milo come un meraviglioso esempio di aiutare il lettore a capire quanto siano importanti queste connessioni, a vivere con il nostro dolore e anche attraverso di esso. Vorrei aver saputo del libro quando ero alla riunione. Avrei potuto usarlo per rafforzare il mio modo di pensare che impariamo non solo dalla nostra ricerca, ma dall'esperienza delle persone che ci sono passate attraverso. Dobbiamo imparare ad ascoltare quello che ci stanno dicendo. A volte questo corregge la nostra ricerca e talvolta la supporta; ma non lo sapremo a meno che non ascoltiamo.

Un'altra cosa che Milo mi ha insegnato è quanto sia difficile per i bambini affrontare la morte del genitore di un amico. Questo arriva alla testa in un ambiente scolastico. I loro pari vogliono aiutare ma non sanno come. Non esiste una formula che renderà tutto più facile, e non c'è certezza che ogni bambino in lutto abbia la stessa esperienza. Mi viene sempre in mente una madre con cui ho parlato di un periodo della vita di suo figlio quando non voleva andare a scuola. Aveva 8 anni quando suo padre morì. Alla fine le ha detto cosa è successo. Il suo migliore amico ha detto che se il "suo" padre fosse morto, avrebbe pianto tutto il tempo e dal momento che il suo amico non stava piangendo tutto il tempo, non doveva mancare a suo padre. La madre ascoltò e si rese conto che nessuno di questi ragazzi aveva idea di cosa fosse il lutto. Spiegò a suo figlio che il suo amico stava cercando di capire come doveva sentirsi, l'amico sapeva che le persone in lutto piangono e questo è quello che dovrebbe succedere. Il figlio andò a scuola e fu in grado di dire al suo amico che non poteva andare intorno a piangere tutto il tempo. Questo ha aperto una nuova conversazione e le cose tra di loro sono migliorate da questa nuova comprensione.

Solutions Collecting From Web of "Spiegare agli amici che cosa è il dolore"