Sparatutto scolastico: non c'è suono morso

Quando le persone mi chiedono una spiegazione mordace delle sparatorie a scuola, la mia risposta standard è: "il morso del suono è che non vi è alcun suono". Lo scorso autunno, quando Jaylen Fryberg ha commesso un attacco poco dopo essere stato nominato il Principe Homecoming, la gente ha commentato che lui "non si adattava al profilo" di uno sparatutto scolastico. La verità è che non esiste un profilo. I tiratori di scuola non sono tutti vittime di bullismo, non sono tutti solitari e non sono tutti ossessionati da videogiochi violenti o armi da fuoco. A volte commettono attacchi casuali contro estranei, a volte conducono attacchi focalizzati su persone specifiche e talvolta ci sono vittime sia casuali che mirate.

Le dozzine di tiratori inclusi sul mio sito web, schoolshooters.info, hanno un'età compresa tra gli 11 e i 62 anni. Hanno attaccato i contesti educativi dalle scuole elementari alle università. La maggior parte erano studenti attuali o ex, ma alcuni erano in realtà impiegati scolastici. Altri tiratori erano adulti che attaccavano le scuole che avevano frequentato molti anni prima, e altri ancora sparavano a persone a scuole a cui non avevano mai partecipato.

Dare un senso a questo gruppo eterogeneo di perpetratori è impegnativo, per non dire altro. Nel mio primo libro sull'argomento (Why Kids Kill: Dentro la mente dei tiri della scuola), ho presentato una tipologia psicologica di perpetratori, osservando che tipicamente rientrano in una delle tre categorie: psicopatica, psicotica e traumatizzata. Nel mio nuovo libro (School Shooters: Understanding High School, College, and Perpetrators per adulti), continuo a classificare i tiratori per tipo psicologico, ma guardo anche ad altre dimensioni. Quando gli esecutori sono divisi in vari gruppi, emergono modelli interessanti.

Ad esempio, i tiratori traumatizzati erano i più comuni tra i tre tipi psicologici tra i tiratori secondari, ma completamente assenti tra i tiratori del college. Inoltre, nessuno dei tiratori della scuola secondaria era immigrato, ma oltre la metà dei tiratori del college erano immigrati o studenti internazionali. Pertanto, le diverse popolazioni (scuola secondaria vs. college) hanno affrontato diversi stress. Molti dei più giovani perpetratori provenivano da case povere, caotiche e violente dove hanno subito diversi tipi di abusi. Al contrario, nessuno dei tiratori del college proveniva da questi sfondi; il loro stress ha coinvolto le pressioni del mondo accademico, le difficoltà di acculturazione e la sfida di gestire le responsabilità degli adulti come ottenere lavoro e sostenersi.

Dividere gli autori di college per il tipo di attacco (casuale o mirato) si è dimostrato un importante angolo di analisi. I tiratori che si sono impegnati in attacchi mirati hanno lamentato per lungo tempo le loro università e hanno rilasciato importanti segnali di allarme di imminente violenza. Al contrario, coloro che si sono impegnati in attacchi casuali non hanno avuto conflitti a lungo termine con le loro scuole e hanno dato meno segnali di allarme. I tiratori casuali, tuttavia, erano molto più letali, con oltre cinque volte il numero di persone uccise e ferite rispetto ai tiratori scelti (27 contro 5). In altre parole, gli attacchi che erano più difficili da prevedere erano i più devastanti.

Uno dei risultati più rivelatori riguarda la cosiddetta "selezione delle vittime". Si riferisce agli obiettivi specifici degli aggressori. Sebbene molti autori abbiano commesso attacchi casuali, più della metà dei perpetratori inclusi nel mio libro aveva almeno una persona specifica come vittima designata. Chi erano queste vittime? Più comunemente erano il personale scolastico, inclusi insegnanti e amministratori. Le prossime vittime più frequentemente prese di mira erano ragazze o donne. Solo uno dei 48 perpetratori ha preso di mira un pari che lo aveva scelto. Queste statistiche sono importanti per comprendere le motivazioni degli sparatutto. I dati sulla selezione delle vittime suggeriscono che la rabbia sui fallimenti accademici e romantici era più un fattore che il desiderio di vendetta contro i bulli.

In effetti, il fallimento e il vergogna che è spesso associato a esso, si è verificato in più domini. Molti tiratori sembrano aver sofferto di un "fallimento della virilità" a causa del fatto di essere scarsi campioni fisici con significative sfide biologiche al loro senso di mascolinità. Inoltre, molti aspiravano a servire nelle forze armate, con la maggior parte di loro fallendo nelle loro aspirazioni. Questo presumibilmente è stato un ulteriore colpo alla loro mascolinità.

Molti tiratori hanno avuto significativi fallimenti accademici e problemi disciplinari nelle loro scuole che hanno alimentato la loro rabbia. I tiratori adulti hanno spesso sperimentato ripetuti fallimenti lavorativi e affrontato gravi tensioni finanziarie che sono state una causa significativa della loro rabbia. Il fallimento romantico era comune a quasi tutti i colpevoli. I giovani tiratori tipicamente fallivano miseramente nella ricerca dell'amore. Tra i dieci tiratori adulti sposati, l'80% si è concluso con separazione, divorzio e / o violenza domestica.

Come notato nei lavori precedenti, semplicemente identificando i perpetratori come psicopatici, psicotici o traumatizzati, non spiega perché hanno commesso attacchi violenti; la maggior parte delle persone in queste categorie non commette mai omicidio. La ricerca presentata nel mio libro favorisce la nostra comprensione del motivo per cui alcune persone hanno effettuato sparatorie a scuola. Non solo erano psicopatici, psicotici o traumatizzati, ma sperimentavano ripetuti fallimenti su più domini: educazione, aspirazioni militari, lavoro, relazioni intime, stabilità finanziaria e senso della mascolinità. Spesso sentivano di non avere nulla per cui vivere, e spesso volevano vendicarsi di coloro che incolpavano delle loro difficoltà. Questi fattori, combinati con tratti psicopatici, sintomi psicotici o storie di traumi, hanno portato alla violenza.

Solutions Collecting From Web of "Sparatutto scolastico: non c'è suono morso"