Spanking e altre punizioni fisiche rivisitate

La legislazione è stata introdotta nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti per vietare la punizione fisica nelle scuole (HR 5628). Molte organizzazioni mediche e psicologiche sostengono questo divieto e hanno dichiarazioni di posizione che condannano la punizione fisica e offrono soluzioni. Questi includono l'American Academy of Pediatrics (www.aap.org), l'Associazione Nazionale dei Lavoratori Sociali (www.nasw.org), l'Alleanza Nazionale delle Organizzazioni di Servizi per Alunni (www.napso.org) e l'Associazione Psicoanalitica Americana ( www.apsa.org).

Questo problema riguarda gli esseri umani in tutto il mondo. La dichiarazione di posizione dell'American Psychoanalytic Association è abbastanza completa. Sottolinea la recente ricerca, le questioni nazionali e internazionali coinvolte, le alternative e le soluzioni. Questa dichiarazione di posizione è presentata di seguito.

http://apsa.org/About_APsaA/Position_Statements/Physical_Punishment.aspx

Dichiarazione di posizione dell'Associazione psicoanalitica americana:
Punizione fisica

L'American Psychoanalytic Association condanna l'uso di punizioni corporali (punizioni corporali) nella disciplina dei bambini e raccomanda metodi alternativi che migliorano le capacità dei bambini di sviluppare una vita emotiva sana, tollerare la frustrazione, regolare le tensioni e comportarsi in modi socialmente accettabili.

Un problema sociale
La punizione fisica è un serio problema di salute pubblica negli Stati Uniti e influisce profondamente sulla salute mentale dei bambini e della società in cui viviamo. Gli studi dimostrano che oltre il 60% delle famiglie usa la punizione fisica per disciplinare i bambini. Tuttavia, la ricerca mostra che la punizione fisica è associata ad un aumento della delinquenza, comportamento antisociale e aggressività nei bambini, e una diminuzione della qualità della relazione genitore-figlio, della salute mentale e della capacità del bambino di interiorizzare comportamenti socialmente accettabili. Gli adulti che sono stati soggetti a punizioni fisiche da bambini hanno maggiori probabilità di abusare del proprio figlio o del proprio coniuge e di manifestare comportamenti criminali (1).

Spanking è un eufemismo per colpire. Non è permesso colpire il coniuge o un estraneo; queste azioni sono considerate violenza domestica e / o aggressione. Né dovrebbe essere permesso di colpire un bambino più piccolo e ancora più vulnerabile. Colpire un bambino suscita esattamente i sentimenti che non si vogliono generare in un bambino: angoscia, rabbia, paura, vergogna e disgusto. Gli studi dimostrano che i bambini colpiti si identificano con l'aggressore e hanno maggiori probabilità di diventare loro stessi picchiatori, cioè bulli e futuri molestatori dei loro figli e dei loro coniugi. Tendono ad imparare a usare comportamenti violenti come modo per affrontare le controversie.

A livello internazionale, vi è un crescente consenso sul fatto che la punizione fisica dei minori viola la legge internazionale sui diritti umani. Significativamente, 24 paesi hanno proibito la punizione fisica in tutti i contesti, compresa la casa. Tra questi paesi vi sono Svezia, Germania, Spagna, Grecia e Venezuela. Più di 100 paesi hanno bandito le punizioni corporali nelle scuole. Gli Stati Uniti non hanno vietato la punizione fisica, ma l'approvazione della punizione fisica negli Stati Uniti è diminuita gradualmente e costantemente negli ultimi 40 anni. Gli Stati Uniti hanno firmato, ma non ratificato, la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (CRC), un trattato internazionale che proibisce espressamente ogni forma di violenza fisica o mentale (1).

Esistono alternative efficaci alla punizione fisica per aiutare i bambini a tollerare frustrazioni, regolare la tensione, comportarsi in modi socialmente accettabili, sviluppare standard etici e morali appropriati e migliorare l'autostima.
L'American Psychoanalytic Association si unisce ad altre organizzazioni di salute mentale e mediche condannando fortemente l'uso della punizione fisica con i bambini.

L'American Academy of Pediatrics conclude: "La punizione corporale ha una efficacia limitata e ha effetti collaterali potenzialmente deleteri. L'American Academy of Pediatrics raccomanda che i genitori siano incoraggiati e assistiti nello sviluppo di metodi diversi dalla sculacciata per la gestione del comportamento indesiderato "(2, 723).

Definizione di punizione fisica
La punizione fisica è stata definita come "l'uso della forza fisica con l'intenzione di indurre un bambino a provare dolore o disagio fisico in modo da correggere o punire il comportamento del bambino" (1, 9). Ciò include: sculacciare, colpire, pizzicare, stringere, remare, frustare, battere, schiaffeggiare, schiaffeggiare, lavare la bocca di un bambino con sapone, far inginocchiare un bambino su oggetti dolorosi e costringere un bambino a stare in piedi o sedersi in posizioni dolorose per lunghi periodi di tempo. L'abuso fisico può essere caratterizzato da "l'inflizione di lesioni fisiche come risultato di pugni, percosse, calci, mordere, bruciare, scuotere o danneggiare in altro modo un bambino" (5, come citato in 4, p 540). I comportamenti che causano dolore ma non danno fisico sono considerati punizioni fisiche, mentre i comportamenti che rischiano lesioni fisiche sono definiti abuso fisico. Sia la punizione fisica che l'abuso fisico devono essere condannati. Esistono alternative che sono più efficaci nel migliorare lo sviluppo sano dei bambini.

Alternative efficaci
Queste alternative suggerite forniscono ai genitori una maggiore comprensione dello sviluppo dei loro figli, strategie presenti che possono portare a comportamenti meno violenti nei bambini e negli adulti, e diminuire la frustrazione e l'impotenza nei genitori che spesso portano a punizioni fisiche (vedi anche riferimento 2).

1. Uno dei modi più utili per raggiungere uno sviluppo sano del bambino è quello di promuovere parole anziché azioni. * Aumentare la capacità del bambino di tradurre le parole in sentimenti e azioni porta ad un aumento della regolazione della tensione, dell'auto-consapevolezza e del processo decisionale ponderato. Questo processo è realizzato da:
un. Parlare e usare parole anziché azioni – parlare piuttosto che colpire. Parla con il bambino di quali comportamenti sono accettabili o meno, cosa è sicuro o pericoloso e perché.
b. Ascoltando il bambino: scopri perché ha fatto o non ha fatto qualcosa.
c. Spiegando le tue ragioni – questo migliorerà le capacità decisionali del bambino.

2. La parola "disciplina" deriva dalla parola latina che significa "insegnamento" o "apprendimento". I comportamenti dei bambini hanno un significato, ei comportamenti sono direttamente collegati ai sentimenti interiori. Pertanto, la disciplina è un processo che affronta i comportamenti e i sentimenti che li causano.

3. Aiuta il bambino a etichettare i propri sentimenti con le parole il prima possibile. I nove sentimenti innati (interesse, divertimento, sorpresa, angoscia, rabbia, paura, vergogna, disgusto e dissimulazione [reazione agli odori nocivi]) dovrebbero essere etichettati con le parole. Ciò faciliterà la regolazione della tensione e favorirà la transizione verso modalità più mature di gestione delle emozioni.

4. Il rinforzo positivo – premi e lodi – migliorerà l'autostima del bambino quando saranno soddisfatti gli standard appropriati. Il rafforzamento positivo è più efficace nell'ottenere la conformità comportamentale a lungo termine rispetto alle punizioni spaventose e vergognose.

5. Imposta un buon esempio per il bambino. Il bambino vuole essere come i genitori. I bambini si identificano con i loro genitori e metteranno in parole sentimenti e azioni quando vedranno i loro genitori fare questo. Chi sono i genitori e come si comportano avranno un profondo impatto sullo sviluppo dei loro figli. Il tuo bambino seguirà il tuo esempio.

Riferimenti

1. Gershoff ET (2008). Relazione sulla punizione fisica negli Stati Uniti: quali ricerche ci parlano dei suoi effetti sui bambini. Columbus OH: Center for Effective Discipline.
2. American Academy of Pediatrics – Commissione per gli aspetti psicosociali della salute dei bambini e della famiglia (1998). Guida per una disciplina efficace. Pediatrics 101: 723-728.
3. Strauss MA (2001). Beating the Devil Out of Them: Punizione fisica nelle famiglie americane (2a edizione). Piscataway NJ: Transaction Publishers.
4. Gershoff ET (2002). Punizioni fisiche da parte dei genitori e comportamenti ed esperienze infantili associati: una revisione meta-analitica e teorica. Psychological Bulletin 128: 539-579.
5. National Clearinghouse on Child Abuse and Neglect Information (2000). Cos'è il maltrattamento sui minori?
6. Katan A (1961). Alcune riflessioni sul ruolo della verbalizzazione nella prima infanzia. Studio psicoanalitico del bambino 16: 184-188.

Ricerca di supporto
Gershoff (1,4) ha esaminato centinaia di studi e ha presentato i risultati delle meta-analisi dell'associazione tra punizione fisica dei genitori e esiti di bambini e adulti. Ha scoperto che durante l'infanzia la punizione fisica era positivamente associata all'aggressività, al comportamento delinquente e antisociale e alla vittima di abusi fisici; era associato negativamente alla qualità della relazione genitore-figlio, alla salute mentale e all'internalizzazione morale (interiorizzazione del bambino di un comportamento socialmente accettabile); e le associazioni con conformità immediata erano miste. Quando misurato in età adulta, la punizione fisica era positivamente associata all'aggressività, al comportamento criminale e antisociale e all'abuso di adulti del proprio figlio o del proprio coniuge; la punizione fisica era negativamente associata alla salute mentale.

Gershoff (1,4) ha anche riassunto i vari fattori demografici e di rischio che sono più probabili essere associati all'uso di punizioni fisiche: essere single, separati o divorziati; stress eccessivo da eventi di vita negativi; depressione materna; reddito più basso, istruzione e condizione lavorativa; parte meridionale degli Stati Uniti; e credenze religiose conservatrici e affiliazione.

  • Le 5 idee sbagliate più comuni sulla malattia mentale
  • La rabbia basata sulla paura è il motivo principale per la violenza
  • Rilasciati 40.000 prigionieri: perché questa è una buona notizia per la salute mentale
  • Quando qualcuno che ami è un alcolizzato o un drogato
  • Perché accusiamo le vittime?
  • Fare il voto: prendersi cura dei nostri bambini nelle scuole
  • Alienazione dei genitori: qual è la soluzione?
  • Strangolamento e omicidi di violenza domestica
  • L'ansia del terrore e la paura dei ragni
  • La vera ragione che ammettiamo violenza domestica
  • Una soluzione per la solitudine: Guest Post di Olivia Kate Cerrone
  • Creare una pratica di auto-incoraggiamento per il 2019
  • Polizia della comunità e sviluppo del bambino
  • Insegna ai tuoi giovani atleti Valori sportivi salutari: Parte II
  • Variabili dipendenti
  • I professionisti se ne vanno, ma l'abuso e il controllo continuano
  • Sindrome del cuore spezzato
  • L'abuso emotivo dei membri della famiglia dovrebbe essere legale?
  • Il razzismo può causare PTSD? Implicazioni per DSM-5
  • Vivi in ​​un ghetto emotivo?
  • Sparatutto scolastico: non c'è suono morso
  • Insegnare ai bambini della Nuova Zelanda a uccidere gli animali è molto preoccupante
  • Sfuggire attraverso il confine attraverso l'arte
  • Profiling Terrorist Leaders
  • Tragedia spettacolare in un mondo giusto: la forza di "Perché?"
  • Vivi in ​​un ghetto emotivo?
  • Strangolamento e omicidi di violenza domestica
  • Passi che chiunque può prendere per aiutare a fermare la violenza interpersonale
  • Giornata internazionale della donna
  • La rabbia basata sulla paura è il motivo principale per la violenza
  • La vittima così chiamata è sempre male?
  • Pistole o niente pistole per quelli con malattie mentali?
  • Polizia della comunità e sviluppo del bambino
  • Ancora misesry, parte 2
  • Gun Control e Culture of Violence
  • Wired to Connect: il nostro sistema nervoso avvisa prima Harm