Sottovalutare quanto siamo morali

Se tu avessi l'opportunità di imbrogliare in un test ed eri sicuro che nessuno lo scoprisse, lo faresti? Se ti viene chiesto questo ipoteticamente, probabilmente credi di avere abbastanza autointuizione da ammettere che, almeno in un certo periodo, potresti andare avanti e imbrogliare. Ma cosa succede se invece di fare una previsione in astratto, tu fossi effettivamente messo in quella situazione? Veramente barare?

Recenti ricerche degli psicologi sociali dell'Università di Toronto, Rimma Teper, Michael Inzlicht ed Elizabeth Page-Gould, suggeriscono che, in alcuni casi, le persone si comportano in modo più moralmente di quanto predicono.

Ecco cosa hanno fatto Teper e colleghi. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a una delle tre condizioni. Nella condizione di Matematica, dovevano completare 15 noiosi problemi aritmetici (per esempio, 45 + 679 + 8 + 11 + 234 + 50-71-1-524-25 =) presentati sullo schermo del computer. Gli è stato detto che avrebbero vinto $ 5 se avessero avuto 10 o più domande corrette. Questo è dove le cose si fanno interessanti. Ai partecipanti è stato inoltre detto che c'era un "problema tecnico" nel programma in modo tale che la risposta ad ogni domanda sarebbe apparsa sullo schermo se avessero premuto la barra spaziatrice. Inoltre è stato detto che gli sperimentatori non avrebbero avuto modo di sapere se hanno premuto o meno la barra spaziatrice.

Quelli assegnati a una seconda condizione, la condizione di Previsione, sono stati presentati con gli stessi problemi matematici uno per uno. Dopo ognuno di loro, è stato chiesto loro di non rispondere, ma se avrebbero premuto o meno la barra spaziatrice per rivelare la risposta. In una terza condizione, la condizione di controllo, i partecipanti hanno semplicemente completato i problemi senza alcuna possibilità di imbrogliare.

Mentre tutto questo andava avanti, i partecipanti erano collegati a una misura dell'attività fisiologica automatica, vale a dire l'aritmia del seno respiratorio (RSA). La RSA è stata associata al coordinamento di comportamenti sociali complessi, tra cui azioni prosociali. Gli autori hanno predetto che a causa della vividezza e dell'impegno del vero dilemma, quelli nella condizione di compito Math mostrerebbero un RSA più alto di quelli nella condizione di Previsione. Hanno anche previsto che più alto è il RSA, minore è il cheating. In altre parole, qualcosa su RSA più alto aiuterebbe le persone a superare la tentazione di imbrogliare.

Teper et al. constatato che, in effetti, i partecipanti alla condizione di previsione prevedevano che avrebbero imbrogliato in media 5 volte, ma il tasso effettivo di inganno era una media di una sola volta. In altre parole, l'imbroglio ipotetico era maggiore del vero imbroglio. Inoltre, la previsione dei ricercatori su RSA è stata confermata: RSA era più alto per quelli che affrontano il dilemma attuale, rispetto a quelli che affrontano il dilemma ipotetico. Inoltre, come ipotizzato, un RSA più alto prevedeva meno imbrogli.

In apparenza, questi risultati sembrano volare di fronte a numerosi studi di psicologia sociale che dimostrano che le persone tendono a sopravvalutare, non sottovalutare, le loro qualità desiderabili. La stragrande maggioranza delle persone pensa di essere "sopra la media" su una serie di caratteristiche tra cui l'intelligenza e la gentilezza – il che è, ovviamente, statisticamente impossibile.

Quindi, cosa sta succedendo nel Teper et al. dati? I dati fisiologici suggeriscono che quando le persone sottovalutano la loro moralità non è perché sono modeste. In realtà, stanno semplicemente commettendo un errore nel ragionamento: non riescono a prendere in considerazione i cordoli naturali su comportamenti indisciplinati che sono spesso forniti dalle nostre emozioni. Quando ti trovi ai bordi del trampolino, guardando verso il basso verso l'acqua, il tuo corpo produce forti risposte fisiologiche (aumento della frequenza cardiaca, mani sudate). Queste esperienze somatiche vengono inviate al tuo cervello e diventano parte del calcolo sul fatto che saltare sia una buona idea. Questo concetto è noto nella ricerca psicologica come "sentimenti come informazione". In altre parole, le emozioni aiutano a guidare le nostre decisioni.

Il problema è che le persone generalmente non riescono ad apprezzare quanto le loro decisioni siano guidate dalle loro emozioni. Questo può portare al tipo di errata interpretazione che Teper et al. scoperto. Si potrebbe supporre che nel loro compito di imbroglio, sentimenti morali come la colpa siano più forti nella situazione reale che nella situazione immaginata. Quindi, quando gli viene chiesto di prevedere come agiranno in astratto, i partecipanti potrebbero immaginare di sentirsi in qualche modo colpevoli. Sottovalutano, tuttavia, quanto sia potente questa esperienza di colpa quando si è alle prese con il dilemma. Poiché stanno dando un peso insufficiente al freno emotivo sul barare, sono più propensi a prevedere che imbrogliano.

Ora, questo probabilmente non si applica a tutti i tipi di dilemmi morali o persino a tutti i livelli di estremità all'interno dello stesso dilemma morale (ad esempio, guidando un miglio oltre il limite di velocità contro cinquanta miglia). Inoltre, si potrebbe facilmente immaginare casi di maggiore imbroglio nella situazione reale perché la vividezza della tentazione supera la vividezza della colpa. Ma l'esistenza stessa di questo tipo di errore logico suggerisce due cose: 1) Le persone hanno una visione abbastanza imperfetta delle proprie capacità morali e 2) Quelli di noi che studiano il ragionamento morale devono stare attenti a se chiediamo ai nostri partecipanti di ipotetici dilemmi o effettivamente farli affrontare la situazione da soli.

Riferimento:
Teper, R., Inzlicht, M., & Page-Gould, E. (in corso di stampa). Siamo più morali di quanto pensiamo? Esplorare il ruolo dell'affetto nel comportamento morale e nelle previsioni morali. Scienza psicologica.

Solutions Collecting From Web of "Sottovalutare quanto siamo morali"