Sopravvivenza e sesso. Quale guadagna quando questi due fattori determinano il conflitto?

Sei una delle migliaia di persone che, dopo essere sopravvissute a un infarto, compongono le cose a letto, riducendo la tua attività sessuale per paura che il sesso possa scatenare un altro attacco? Un recente sondaggio condotto su 1.760 sopravvissuti ad attacchi cardiaci negli Stati Uniti ha rilevato che è vero che il 30% degli uomini e il 40% delle donne hanno un infarto del miocardio. Che è un sacco di gente, dal momento che ci sono circa 1 milione di attacchi di cuore negli Stati Uniti all'anno.
Mentre l'ipotesi sembra logica … più sforzo = più possibilità di un infarto … in realtà non è vero. Il rischio di avere un attacco di cuore per una persona con qualsiasi tipo di cardiopatia è 1 su 50.000 … piuttosto basso. (Il rischio che il sesso scateni un infarto in una persona senza malattie cardiache è 1 su 500.000.) Ma la paura solleva tre punti interessanti;
• La paura di sopravvivere può battere la libido più sana (anche se non meno sorprendente negli uomini rispetto alle donne)
• Un senso di controllo può aiutare a mantenere quella paura in prospettiva.
• Non sono gli organi sessuali a parlare qui.

Prendiamoli in ordine inverso. La biologia che conta qui è profonda alla base del tuo cervello, non nei tuoi pantaloni. È l'amigdala, la sezione di cellule specializzate delle dimensioni della parte superiore del pollice (le dimensioni non contano qui) nell'area limbica del cervello, responsabile della rilevazione e della risposta al pericolo. È responsabile di uno dei due imperativi genetici di base, la sopravvivenza. L'altro sta facendo copie di te stesso – riproduzione – ma questo studio suggerisce che, almeno in alcune circostanze, quando si tratta dell'una o dell'altra, per alcune persone la sopravvivenza viene prima e l'amigdala chiama la melodia. (La maggior parte dei sopravvissuti all'infarto nello studio avevano circa 60 anni, quindi la riproduzione potrebbe essere stata meno di un guidatore inconscio per il sesso. Inoltre, per essere onesti, se il 30% degli uomini e il 40% delle donne riducessero la frequenza del sesso dopo essere sopravvissuto a un attacco di cuore, 7 su dieci uomini e 6 su dieci donne no.)
Ancora più esplicitamente, lo studio ha scoperto che tra coloro che hanno parlato con i loro medici del sesso dopo un attacco cardiaco, sia in caso di dimissione dall'assistenza medica immediata o durante l'anno successivo, molti meno temevano di ingannare. La cosa interessante di questo, dal punto di vista della percezione del rischio, è che un senso di controllo, basato su una maggiore conoscenza, riduce in genere la paura. In altre parole, la probabilità statistica del sesso di scatenare un attacco cardiaco successivo era la stessa sia per i pazienti informati che per quelli non informati. Ma quelli informati erano meno spaventati perché la conoscenza è potere e il potere dimostra un senso di controllo, e il controllo è un importante fattore psicologico per quanto siamo spaventati o meno.
Un'altra interessante scoperta nello studio, che probabilmente non sarà una sorpresa. Il sesso era una priorità più alta per gli uomini che per le donne. Due volte più sopravvissuti di attacchi cardiaci maschi hanno chiesto ai loro medici cosa significasse l'attacco cardiaco per la loro vita sessuale. Inoltre, le donne temevano più l'attacco del sesso dopo l'infarto rispetto agli uomini. Ciò potrebbe riflettere sugli studi nella letteratura sulla percezione del rischio che identificano "The White Male Effect", in cui gli uomini bianchi tra i 18 e i 59 hanno generalmente meno paura delle stesse cose delle donne bianche o di colore o di entrambi i sessi. (Una spiegazione per questo potrebbe essere il fatto che il controllo è un fattore importante nella percezione del rischio … più si sente, meno si teme. Le donne e le persone di colore potrebbero avere meno controllo sulle cose, in generale, rispetto ai maschi bianchi.) Questo la differenza di genere può anche riflettere sull'interazione tra paura e libido, con molti studi che trovano che le circostanze psicologiche intorno alla sessualità sono più importanti per le donne che per gli uomini. La paura di morire sarebbe un preciso spegnimento. O potrebbe essere più anatomico che psicologico.
Probabilmente è un po 'di tutto quanto sopra. Ma è sicuro di dire che l'amigdala e la paura sono forze potenti, anche abbastanza potenti da sminuire uno degli impulsi più primitivi di tutti.

David Ropeik è un istruttore ad Harvard e autore di How Risky Is It, Really? Perché le nostre paure non corrispondono sempre ai fatti

Solutions Collecting From Web of "Sopravvivenza e sesso. Quale guadagna quando questi due fattori determinano il conflitto?"