Sopraffatto molto?

CollegeDegrees360/Flickr, Creative Commons 2.0
Fonte: CollegeDegrees360 / Flickr, Creative Commons 2.0

Due scenari:

Scenario n. 1: ti svegli al cinguettio degli uccelli e al sole del mattino sul tuo viso. Esci dalla tua capanna e saluti alcuni mattinieri. I tuoi figli sono ancora profondamente addormentati. Allunga le gambe e gira per il villaggio, socializzando e discutendo i piani per il giorno.

Dopo un po 'metti insieme alcune persone e parti per raccogliere radici, noci e bacche, cantando, parlando e giocando mentre vai. Due ore dopo (anche se non parleresti mai in termini così precisi), la tua festa di cacciatori tornerà con abbondanza di cibo e legna da ardere per l'intera tribù. Lo metti giù e giochi un po 'con i bambini. Dopo un breve pisolino fai un po 'di tempo e poi aiuti a preparare il grande pasto. Dopo cena, le persone si riuniscono attorno al fuoco per cantare, ballare, suonare e parlare dei piani per il giorno successivo.

Quanto suona incredibile?

Lo scenario n. 2 è la tua vita. Dovrai descriverlo a te stesso. E quando lo fai, assicurati di includere più dettagli possibili.

Includere tutte le commissioni che devi eseguire, tutte le cose che devi fare per lavoro o scuola, tutti i passaggi di igiene che devi fare per essere minimamente presentabile, tutte le faccende che devi fare per rendere la tua casa minimamente presentabile all'interno e all'esterno, tutte le attività a cui devi guidare i bambini, tutti i regolamenti da seguire, tutte le bollette da pagare, tutti gli spettacoli televisivi da tenere d'occhio, tutti gli amici da vedere, tutti i problemi globali di cui preoccuparsi , tutte le tragedie di cui essere tristi, tutti i Jones con cui stare al passo, tutte le tentazioni di resistere, tutte le cattive abitudini che hai problemi a calciare, tutte le buone abitudini che hai problemi ad iniziare, tutte le decisioni da prendere , tutte le parti del tuo corpo di cui sentirti inferiore, tutti gli articoli sulla tua lista dei secchi che temono non riuscirai mai a raggiungere.

Quanto sopraffare ti fa sentire la tua vita?

Un disadattamento culturale / biologico

Le basi biologiche delle nostre menti (sia il corpo che il cervello) sono state costruite per gestire la vita nel primo scenario, non nel secondo. Questo perché, quando si formava l'hardware delle nostre menti, la vita era molto più simile al primo scenario che al secondo.

Questo non vuol dire che le nostre menti siano solo hardware. Le innovazioni culturali e concettuali hanno ampiamente ampliato il potere e la funzione delle nostre menti. Ma questo è parte del problema. L'innovazione culturale incessante, pur promettendo di darci più potere e libertà, sta anche spingendo il nostro hardware al limite. Abbiamo solo così tanta attenzione da dare, solo così tanti neurotrasmettitori e ormoni dello stress da bruciare in un giorno, e solo così tanta memoria disponibile per gestire diverse relazioni e contesti. E le richieste su questi sistemi sono aumentate.

Di solito possiamo cavarcela, ma spesso a malapena. Anche così, è tutt'altro che ottimale, e ci lascia sentirsi sopraffatti, stressati e insoddisfatti. È un po 'come provare a giocare a un videogioco su un sistema che riesce a malapena a gestirlo. Il gioco funziona, ma ci sono troppi difetti, ritardi e arresti anomali per renderlo molto divertente.

Diamo un'occhiata ad alcuni dei modi in cui la società è cambiata dai nostri giorni più lenti sulla savana. E poi considereremo cosa si può fare per la discrepanza tra la nostra biologia e la nostra cultura.

9 motivi per cui siamo più sopraffatti di come eravamo prima

1. Ci confrontiamo con più persone.

Nella savana i nostri antenati cacciatori-raccoglitori avrebbero potuto vivere in tribù di 50-150 persone. E potrebbero aver incontrato solo 1000 persone nella loro intera vita. [1]

Quando si paragonavano agli altri, c'erano molte ragioni per sentirsi bene con se stessi. Con migliaia di cose per essere bravi, era anche probabile che fossero i migliori in tutto il mondo conosciuto a qualcosa. Erano la persona giusta per qualche abilità, o l'esemplare ideale per qualche attributo. Potevano anche essere la persona più bella o più bella del "mondo".

Il problema di voler essere il migliore in qualcosa nel mondo moderno è che, nel mondo moderno, siamo collegati a 7 miliardi di persone. E i mass media sono sempre lì per mostrarci il meglio del meglio. Invece di confrontare i nostri attributi fisici con quelli delle 150 persone della nostra tribù, confrontiamo i nostri attributi fisici con le prime 150 persone su 7 miliardi di persone. Indipendentemente dall'attributo che scegliamo, ci ritroviamo sempre in ritardo. Scegli le abilità in cui siamo bravi e, probabilmente, possiamo trovare qualcuno su YouTube che esegua questa abilità molto meglio di noi.

Tutto questo ci lascia sopraffatti da sentimenti di inadeguatezza e ossessionati dal trovare modi per aumentare la nostra autostima.

Notevoli colpevoli: Youtube, film, copertine di riviste.

2. Abbiamo più ansia per ciò che sta accadendo nel mondo.

Nella savana, se fosse successo qualcosa di brutto a uno dei membri della tua tribù, ne avresti sentito parlare. La maggior parte dei giorni, però, non è accaduto molto male.

Nel mondo moderno ci sono 7 miliardi di possibilità che qualcosa di brutto possa accadere a qualcuno. E i nostri sistemi di comunicazione assicurano che, ovunque accada quella brutta notizia, ne sentiremo parlare. Una tragedia che potrebbe accadere una volta all'anno in una tribù di 150 si verificherà molte volte al minuto in una tribù di 7 miliardi.

L'ironia è che, mentre il mondo è più sicuro che mai, sentiamo che è più pericoloso che mai. I nostri antenati avevano molte più probabilità di morire di violenza o di infezione, rispetto a oggi. Ma la nostra percezione è il contrario.

Ciò si aggiunge al nostro sopraffare in due modi. Innanzitutto, ci fa sopravvalutare il pericolo che si annida nei nostri stessi quartieri. Secondo, mentre le nostre psicologie sono costruite per elaborare il trauma forse un paio di volte l'anno, ora dobbiamo farlo più volte al giorno.

Notevoli colpevoli: le notizie notturne; feed di notizie online.

3. La comunicazione personale è più complicata.

La comunicazione personale richiede più lavoro in questi giorni. Ma non è perché abbiamo più relazioni da gestire rispetto ai nostri antenati (in realtà non abbiamo molte più relazioni personali). Invece è il modo in cui dobbiamo gestire quelle relazioni che rendono le cose più difficili.

Il problema è che dobbiamo compartimentare di più. Nella savana tutti si conoscevano e tutti condividevano lo stesso contesto. Oggi viaggiamo in diversi ambienti. Abbiamo amici di lavoro, amici di scuola, famiglia, amici di chiesa e così via.

La maggior parte delle persone in una cerchia non conosce la gente negli altri ambienti. E questo ci presenta una sfida di comunicazione. I fatti dati per scontati in un cerchio devono essere spiegati in un altro. E a volte può essere molto difficile. Ad esempio, coloro che lavorano in campi specializzati potrebbero trovare molto difficile spiegare ad amici e parenti ciò che stanno studiando a scuola o facendo per vivere.

Quella sfida di comunicazione è parte di ciò che ci porta a sviluppare personaggi diversi per interagire in diversi ambienti. I personaggi ci aiutano a mantenere per sempre quali fatti possono essere dati per scontati in una determinata situazione e quali devono essere spiegati. Ma più persone abbiamo, più disgiunti possiamo sentire, e più lavoro dobbiamo fare per mantenere le cose dritte.

Questa non è necessariamente una brutta cosa. Ma contribuisce un po 'del peso alle nostre menti sopraffatte.

Notevoli colpevoli: città cosmopolite, specializzazione, università.

4. Gestire i valori è più complicato.

Mentre discutere dei fatti è diventato un po 'più complicato, discutere dei valori è diventato molto più complicato.

Nella savana tutti condividevano la stessa religione, e non c'erano ideologie politiche. Oggi la maggior parte di noi ha amici e conoscenti che rappresentano molti punti di vista religiosi diversi, molte ideologie politiche diverse e molte idee diverse su ciò che rende una buona società e una vita ben vissuta.

La diversità porta molti vantaggi. Le diverse società sono più inventive. E le persone che abbracciano la diversità possono imparare a vedere la vita da molte prospettive diverse. Ma la diversità impone anche costi psicologici.

Se cresci in una famiglia religiosa, vai al college e poi perdi la religione, potresti sentirti costretto a scegliere tra nascondere le tue opinioni e affrontare conflitti di basso livello per anni. E potresti finire col fare entrambe le cose. Se sei un conservatore che lavora tra i progressisti (o viceversa), dovrai probabilmente scegliere più volte al mese se sei in vena di conflitto o preferisci morderti la lingua quando vengono sollevati argomenti politici.

Oggi le nostre menti sono molto più occupate da questioni normative. Dobbiamo dedicare più tempo a elaborare le nostre opinioni e dobbiamo dedicare più tempo a capire come affronteremo le persone nelle nostre vite con le quali non siamo d'accordo. Viviamo nell'armadio, viviamo in una bolla, cerchiamo di rendere felici tutti, di evitare determinati argomenti o di indossare la nostra attrezzatura da combattimento?

Colpevoli colpevoli: società cosmopolite, Internet.

5. Abbiamo più aspirazioni e liste ben più grandi.

A cosa aspiravano le persone nella savana? Non lo so. Speculiamo Alcuni potrebbero aspirare a guidare la tribù, o avere dieci figli, o diventare il miglior raccoglitore di bacche, un fabbricante di vestiti o un produttore di spade nella tribù. Alcuni potrebbero aspirare a scalare "quella montagna", o essere uno dei pochi coraggiosi abbastanza da lottare contro un coccodrillo. Chissà?

È una buona ipotesi, tuttavia, che siano stati esposti a un numero minore di aspirazioni lunghe e dispendiose in termini di tempo rispetto alla maggior parte di noi. Avevano meno aspirazioni perché erano possibili meno cose.

Non aspiravano a visitare tutti i 50 stati, o tutte le 7 meraviglie del mondo. Non aspiravano a imparare 7 lingue diverse o a padroneggiare 5 diversi strumenti. Non aspiravano a fondare 3 diverse aziende tecnologiche, a fare dieci milioni di dollari, oa finire la cucina "perfetta" con ripiani in granito.

Ma aspiriamo a cose come queste. Questi elementi della "lista della benna" tendono ad essere progetti molto grandi e sono spesso messi nelle nostre teste da altre persone quasi a caso. Leggiamo un articolo intitolato: "100 film che devi vedere prima di morire" e ci obbligiamo a vederli tutti. E poi soffriamo attraverso 70 film noiosi per vederne 30 buoni, o ci sentiamo colpevoli per non farlo. Ad ogni modo, si aggiunge al nostro fardello.

La tecnologia ci ha procurato un imbarazzo per le ricchezze. Ci sono troppi posti puliti da visitare e cose interessanti che possiamo realizzare. E le nostre menti sono costruite per volerle fare tutte. Ma cercare di farli tutti è una commissione schiacciante.

Colpevoli colpevoli: la tecnologia (dandoci più cose cui aspirare), il marketing (facendoci sentire che dovremmo aspirare a loro).

6. Abbiamo più tentazioni.

Per avere la tentazione hai bisogno di due cose. Una parte della tua mente vuole seguire una regola (conscia o inconsciamente), e un'altra parte della tua mente vuole infrangere la regola.

La vita moderna ci colpisce da entrambe le parti. I media moderni ci danno più istruzioni per resistere ai nostri impulsi biologici, e ci dà anche più inviti per soddisfare i nostri impulsi biologici. Il risultato è che dobbiamo lottare contro più tentazioni.

I media moderni ci ripetono che abbiamo bisogno di guardare ciò che mangiamo, così possiamo avere un corpo perfetto. E il marketing moderno ci rafforza anche con immagini e video accuratamente elaborati di pizza calda, torta di formaggio decadente e hamburger succulenti.

I media moderni ci insegnano l'importanza di essere industriosi e produttivi, così possiamo guadagnare di più. E il marketing moderno ci mostra anche mille cose divertenti che potremmo fare invece di lavorare.

Notevoli colpevoli: marketing, tecnologia.

7. Abbiamo più distrazioni.

Gli smartphone e i social media sono fantastici. Aggiungono molto valore alla vita di molte persone. Ma qualcosa non sembra un po 'fuori quando le persone non possono guidare le loro macchine per dieci minuti senza cercare messaggi di testo?

Ci stiamo costantemente mettendo in commercio sui social media e controlliamo se i nostri sforzi stanno funzionando. Mandiamo messaggi ad altri e poi controlliamo ossessivamente per vedere se hanno risposto di nuovo.

È difficile concentrarsi su compiti importanti perché ci siamo aperti a più interruzioni che mai. E queste interruzioni provengono sia dall'interno che dall'esterno, dalle nostre stesse menti e dalle altre persone.

E non stiamo permettendo solo più interruzioni durante il nostro tempo libero. Sta accadendo anche al lavoro. In uno studio condotto da Gloria Mark, le persone sono state interrotte al lavoro diverse volte al giorno e ci sono voluti in media 23 minuti per riprendere il lavoro dopo un'interruzione completa. Eppure le persone continuavano a fare la maggior parte (ma non tutte) del loro lavoro. Come? Hanno lavorato sempre più a lungo per compensare le interruzioni. [2]

Questa è una buona indicazione che il lavoro di conoscenza, almeno, è molto più stressante di un tempo.

Notevoli colpevoli: smart phone, social media, aspettative sociali.

8. Abbiamo più aspettative sociali.

I genitori della savana lasciano correre i loro bambini in giro per il villaggio e potrebbero averli addestrati nella loro area di competenza relativa. Oggi i genitori spendono i bambini per tutto il weekend, si preoccupano del loro successo accademico, creano conflitti con gli allenatori oltre il tempo di gioco e li aiutano con progetti scolastici per assicurarsi che il lavoro del bambino sia abbastanza buono da competere con gli altri bambini (i cui genitori li stanno aiutando ).

Sulla savana potremmo essere stati presi in giro per aver lasciato i nostri strumenti artigianali sdraiarsi all'ingresso della nostra capanna. Oggi riceviamo (o temiamo) degli sguardi sporchi dei vicini se non passiamo ore ogni settimana ad annaffiare, falciare, concimare, tagliare, lavare, soffiare e irrorare i nostri cortili (o pagare qualcun altro per farlo ).

Nella savana abbiamo esposto oggetti artigianali fatti a mano nelle nostre capanne e avremmo potuto spendere 5 minuti a settimana per riordinare un po 'le cose. Oggi dobbiamo assicurarci che l'arredamento corrisponda alla vernice, che le 12 stanze della casa siano un tema coerente, che possiamo aggiornare agli elettrodomestici e ai ripiani in granito quando siamo in grado, e che la casa (tutte le 12 stanze) è sempre pulita e span.

Sulla savana facevamo il bagno una volta ogni tanto e di tanto in tanto avremmo potuto fare qualcosa di stravagante con i nostri capelli. Oggi passiamo un'ora o più a prepararci ogni mattina. Dobbiamo fare una doccia, lavarci i denti, prendere le nostre vitamine, applicare il nostro trucco, esfoliare la nostra pelle, mettere su crema idratante, radersi e mettere insieme un vestito sbalorditivo.

E così via. Ci sono semplicemente troppe aspettative in questi giorni per chiunque di soddisfarle tutte. E questo significa che la maggior parte della gente cammina oggi, sia sopraffatta sia sentendosi in qualche modo sottrarsi al proprio dovere.

Notevoli colpevoli: norme sociali, HGTV, troppi modi per "tenere il passo con i Jones".

9. Abbiamo più cose.

Hai sentito quello sul cacciatore-raccoglitore che ha chiesto alla sua amica di aiutarla a spostare le sue cose in una capanna attraverso il villaggio? La sua amica ha detto "certo" e sono stati fatti in dieci minuti.

Abbiamo più cose che mai. I nostri bambini piccoli ottengono qualcosa come 75 nuovi giocattoli ogni anno. Abbiamo vecchi computer e telefoni che si accumulano sugli scaffali e nei cassetti e parcheggiamo auto per strada perché il nostro garage per 3 auto ha spazio solo per una macchina.

Ci sono molte statistiche su quanta roba abbiamo fluttuante su internet. Alcuni sembrano esagerati (come l'affermazione secondo cui la famiglia media ne ha 300.000), ma molti sembrano abbastanza plausibili (come l'affermazione che i bambini statunitensi possiedono il 40% dei giocattoli del mondo). [3]

Indipendentemente da quali siano i numeri esatti, molti di noi sanno di avere troppe cose. E più cose abbiamo, più cose possiamo perdere di vista, più cose dobbiamo tenere pulite, più cose dobbiamo proteggere, e più difficile è far sì che gli amici ci aiutino a muoversi.

Notevoli colpevoli: consumismo, abbondanza, marketing, norme sociali.

E adesso?

Quindi cosa possiamo fare per tutto questo? Dobbiamo solo cedere alla disperazione e prepararci per un'eventuale rottura?

Prima di farlo, prima ricordiamo a noi stessi che la vita nel mondo moderno non è tutta rovina e tristezza. Di tutte le volte in cui avremmo potuto essere vivi, ora non è così male come credono molte persone. Abbiamo molti vantaggi Abbiamo vaccini, antibiotici, servizi igienici, vasche idromassaggio, videogiochi e molta più conoscenza di noi stessi e del mondo che ci circonda. Abbiamo una minore possibilità di morire di violenza o di infezione rispetto al passato. E ci sono alcune entusiasmanti tecnologie in arrivo che dovrebbero rendere la vita ancora più interessante e abbondante.

Anche le parti che complicano le nostre vite non sono tutte cattive. La diversità normativa è spesso una buona cosa. La specializzazione può essere una buona cosa. Vivere in una società cosmopolita è una buona cosa. Ed è divertente vedere le persone fare cose interessanti su Youtube, anche se a volte ci lasciano inadeguati.

Detto questo, il mondo è più opprimente di quanto dovrebbe essere.

E qui ci sono i tre approcci per affrontarlo che ritengo abbiano qualche promessa:

In primo luogo, possiamo lavorarci dall'interno. Possiamo fare l'inventario di tutte le cose che ingombrano le nostre menti, sbarazzarci di molto e trovare modi migliori per organizzare il resto. Questo corso gratuito ti guiderà attraverso questo processo.

Secondo, possiamo lavorare all'esterno. Possiamo fare l'inventario di tutte le cose che ingombrano le nostre case e aree di lavoro, sbarazzarci di gran parte di esso e trovare modi migliori per organizzare il resto. Ecco una buona guida per farlo.

Terzo, possiamo cambiare le nostre abitudini, obiettivi e stile di vita in modo da non accumulare tanto materiale e bagaglio mentale.

Viviamo in tempi eccitanti. Se riusciamo a capire come gestire gli aspetti negativi dei nostri progressi, potremmo essere in grado di avere la nostra torta e mangiarla anche noi.

GLI APPUNTI:

[1] Questo è un numero di back-of-the-envelope arrivato all'utilizzo del numero di Dunbar.

[2] Queste cifre provengono dall'intervista di Gloria Mark con Fastcompany.

[3] Questa è un'interessante raccolta di statistiche sulle cose. (anche se ho avuto problemi a trovare fonti primarie per molte delle statistiche)

Solutions Collecting From Web of "Sopraffatto molto?"