Sono troppo ordinario per entrare al college

Succede ogni autunno. Un diciassettenne dopo l'altro si piega sul divano del mio ufficio e si blocca "Sono così normale ei miei amici sono così eccezionali." Cosa sta succedendo? È tempo di applicazione per il college. Un paziente è preoccupato perché, come molti ragazzi, gli ci è voluto un po 'per scaldarsi alle superiori. Di conseguenza, sentiva di avere la minima possibilità di entrare in un "buon college". Eppure sento la stessa cosa dagli studenti di Straight. Una giovane donna ha paragonato il processo di richiesta del college a un "concorso di bellezza per ragazzi di 17 anni". Mi disse: "Preferirei essere investito da un autobus e in ospedale piuttosto che sperimentare l'ansia che ora provo.

Non sono solo i ragazzi a stressarsi. Anche i genitori sono molto preoccupati di dove atterrano i loro figli e sono sopraffatti dal processo. Alcuni sono stati spinti a misure estreme. Ho sentito un ufficiale di ammissione parlare di un genitore che ha effettivamente preso il posto di suo figlio al colloquio del college, razionalizzando che le sue capacità di colloquio erano migliori di quelle di suo figlio. Ho visto genitori che dicono "Non mi importa dove Johnny va al college" e poi incoraggiarlo a prendere il SAT una quarta o quinta volta. I genitori si preoccupano che dove il figlio frequenta sarà fondamentale per il successo della vita e spesso sente che anche loro sono stati valutati.

Ecco alcuni punti da considerare se e quando tuo figlio si candida al college:

Non devi essere perfetto per entrare : un mio amico è un amato professore universitario e amministratore. Egli avverte gli studenti di non preoccuparsi se "un compagno di classe ha più distintivi, premi o un GPA più alto. Raramente colpisce dove sarai ammesso. "Gli ho chiesto quale consiglio avrebbe dato a un liceo che si iscriveva al college:

"Devi condividere di più ed essere orgoglioso di quanto potresti realizzare. Molte esperienze o risultati contano, sia nella vita che nel processo di ammissione al college. Gli studenti che lavorano fuori dalla scuola, che si prendono cura dei fratelli, dei genitori, dei nonni o di un anziano vicino potrebbero voler condividere queste informazioni. Dimostrare che sei cresciuto, cambiato, imparato qualcosa o superare gli ostacoli dimostra la grinta e la capacità di recupero che le università stanno cercando. "

Dove andate importa meno di quanto pensiate: due ricercatori, Alan Krueger e Stacey Berg Dale, volevano scoprire se i ragazzi che frequentavano college di alto livello (come Ivies, Amherst, Berkley, ecc.) Facevano meglio dei colleghi che è andato a istituzioni meno prestigiose. Il successo è stato misurato in base al reddito. Hanno scoperto che nel 1995 gli studenti entrati all'università nel 1976 guadagnavano il 30% in più degli studenti che frequentavano un college meno selettivo. Tuttavia, la coppia di ricercatori si chiedeva se la vera differenza non fosse il prestigio del college, ma la determinazione dello studente ad arrivarci. Per rispondere a questa domanda hanno guardato i ragazzi che si sono iscritti a un Ivy League College, ma sono andati da qualche altra parte, probabilmente per ragioni finanziarie. Venti anni dopo questi ragazzi guadagnarono tanto quanto i loro colleghi che frequentavano i college d'élite. In altre parole, importava quanto durassero gli studenti, non dove andavano al college. È vero anche il contrario. Ho incontrato molti laureati di Harvard la cui mancanza di guida post-college li ha trattenuti.

Inoltre, in un Op-Ed intitolato "Perché le classifiche dei college sono una barzelletta", l'editorialista del New York Times Frank Bruni ha raccontato quanto sia rimasto impressionato visitando l'Università del Maryland, nella Contea di Balitmore. Mentre lì Bruni ha parlato con un noto matematico e ha incontrato un film major il cui cortometraggio è stato mostrato al Festival di Cannes. Questa scuola offre un'istruzione superiore agli studenti a basso reddito che continuano ad avere una carriera eccezionale. Bruni ha concluso che "le classifiche nutrono il mito secondo cui le università più ricche e selettive hanno un certo grado di istruzione superiore".

Riguarda la forma, non il prestigio : Nicole Oringer gestisce una pratica di consulenza universitaria di prim'ordine. Il suo motto è "abbiniamo i bambini ai college, non i genitori agli adesivi per i paraurti". Troppe volte ho visto gli studenti accettare l'ammissione a una scuola con un nome migliore, piuttosto che a quello in cui potrebbero essere più felici. Ero uno di quei bambini. Nel lontano 1978 ho scelto la Columbia University oltre l'Università del Michigan, solo per avere un misero anno da matricola. C'erano una serie di fattori che hanno contribuito alla mia infelicità, ma fortunatamente il Michigan mi avrebbe comunque trasferito come studente di trasferimento. Mentre mi mancava molto della Columbia, credo di essere cresciuto di più come persona al Michigan, perché era una partita migliore. Per citare di nuovo il mio amico professore "Le istituzioni di marca non sono sempre le migliori e molte istituzioni più piccole o meno conosciute offrono maggiori opportunità di crescita e sviluppo."

Temo che la corsa per produrre studenti con le migliori prestazioni e che raggiungano il loro potenziale a diciotto anni stia rubando loro proprio le cose di cui hanno più bisogno per avere successo: abbastanza spazio per imparare per tentativi ed errori, abbastanza libertà per imparare da soli, e abbastanza tempo per crescere. L'applicazione al college è competitiva, ma non è la singola competizione più importante nella vita di una persona. A differenza di un concorso di bellezza, non c'è solo il vincitore. L'obiettivo è quello di produrre un diciottenne che sia pronto a intraprendere un processo di crescita e miglioramento continuo per tutta la vita e che lavorerà sempre per il suo potenziale.

Solutions Collecting From Web of "Sono troppo ordinario per entrare al college"