Sono stato un colpo di crack a vista cieca

Wikimedia commons
Fonte: beni comuni di Wikimedia

Nel post precedente ho descritto una forma insolita di sinestesia che ora ho usato per scrivere blog come questo. Ma non è l'unico esempio. Ce n'era un altro che mi ha fatto fare un crack con un fucile quando ero a scuola. Ma la cosa strana è stata, ha funzionato meglio con alcuni colpi di altri, e mi ha squalificato dalle competizioni, quindi non ho mai vinto un trofeo con esso. Per anni l'ho usato come esempio didattico dell'inconscio freudiano in azione, ma oggi lo so meglio.

Per capire questo, è necessario conoscere una o due cose sulla sparatoria. La prima è che, anche se giace prono e tieni la pistola a terra, trattieni il respiro, e cerca di rimanere assolutamente immobile, non c'è modo di fermare la vista vagando leggermente attorno al bersaglio. In secondo luogo, è necessario apprezzare che quando si tira indietro il grilletto di un fucile si incontra una seconda resistenza oltre la quale è richiesta solo una piccola pressione aggiuntiva per far sparare la pistola. In terzo luogo, dobbiamo distinguere tra tiri diretti rivolti al bersaglio del bersaglio, e colpi raggruppati che mirano a piazzare colpi successivi il più vicino possibile ad un primo possibile in qualsiasi punto del bersaglio – e idealmente tutto nella larghezza di una piccola moneta .

Sono stato un buon tiro dove colpire il centro del bersaglio, ma stranamente ero ancora meglio con i colpi di gruppo. Questo era strano perché potevo vedere l'occhio del bersaglio del bersaglio, ma per sapere dove era atterrato il tuo primo colpo, qualcuno vicino all'obiettivo ha chiamato la sua posizione, perché non lo si poteva vedere da dove stavi sparando … era troppo piccolo

Poiché sapevo che non riuscivo a vedere il primo colpo quando provavo a raggruppare, ho scoperto che se mi sdraiavo il più fermo possibile, ho preso la prima pressione e ho aspettato, una sensazione puramente intuitiva e emotiva mi ha detto quando sparare. Ho scoperto che se aspettavo questo momento – e poteva essere una lunga attesa – potevo essere incredibilmente accurato (e in effetti ho mantenuto gli obiettivi che lo hanno dimostrato per molti anni). Ma ovviamente la mia esitazione ha esasperato i miei compagni nella squadra di tiro e mi ha squalificato dalle competizioni perché la gente non poteva proprio aspettare che io decidessi di sparare.

Come nel caso che ho riportato nel post precedente, ora penso di sapere cosa stava succedendo, e di nuovo penso che potrebbe essere stata una strana forma di sinestesia.

C. Badcock
Fonte: C. Badcock

Come Melvyn Goodale e David Milner spiegano nel loro superbo libro sull'argomento, ora sappiamo che ci sono due percorsi di visione paralleli nel cervello. Questo perché usiamo la visione per due scopi ben distinti. Da un lato, abbiamo bisogno di una visione per guidare le nostre azioni, sia che esse siano coinvolte nello spostamento, nella manipolazione di oggetti, sia che interagiscano in altro modo con il nostro ambiente fisico immediato. Quando si tratta di tale visione per azione, abbiamo bisogno di sapere esattamente fino a che punto raggiungere un oggetto, dove tenerlo in modo da non farlo cadere, che dimensioni è, e così via. Questa è la funzione del cosiddetto percorso "dove" o della via dorsale: un condotto neuronale che parte dall'area visiva primaria nella parte posteriore del cervello attraverso la parte superiore della corteccia cerebrale fino alla regione parietale posteriore. Questo è ciò che potreste considerare l'aspetto "robotico", inconscio, della visione-per-azione (in alto a sinistra).

Christopher Badcock
Fonte: Christopher Badcock

Ma abbiamo anche bisogno di una visione per la percezione: dobbiamo essere in grado di distinguere una tazza dal suo piattino, ad esempio, a seconda che ne stiamo bevendo o portandola in giro. Entrambe le azioni richiederanno simili abilità di presa e presa, ma bere richiederà l'identificazione della maniglia della coppa, mentre il trasporto comporterebbe l'afferrare il piattino. Per fare questo, abbiamo bisogno di percepire la differenza tra tazza e piattino, e di essere in grado di fornire il nostro automatico, "dove" manipolando le abilità con obiettivi scelti consapevolmente. Ciò richiede una visione consapevole e interpretativa di ciò che stiamo vedendo. Questa capacità visiva percettiva è stata identificata con il cosiddetto percorso "cosa" o via ventrale . Come il sistema dorsale, dove il percorso o la visione per l'azione, questo sistema di visione per la comprensione inizia nell'area visiva primaria nella parte posteriore del cervello, ma poi corre lungo il fondo e i lati della corteccia, terminando nella parte inferiore regione temporale (in alto a sinistra).

Il danno a quale percorso provoca l'agnosia visiva , in cui una persona può afferrare e manipolare con competenza gli oggetti, ma non può dirti se l'oggetto giallo che possono vedere è un limone o una banana fino a quando non riescono a sentirlo a mano. Tuttavia, l' atassia ottica descrive un disturbo parallelo che interessa il percorso in cui una persona può riconoscere e nominare correttamente gli oggetti visti, ma non può afferrarli o manipolarli in modo competente, pur non avendo nulla di sbagliato nelle loro mani o nella coordinazione motoria indipendente dalla vista.

Come sottolinea Goodale e Milner, il termine agnosia è stato coniato da Sigmund Freud, e quando ero un freudiano, interpretavo il mio strano comportamento di mira in termini di ciò che è stato chiamato "blindsight" o "mind- blindness " ( Seelenblindheit ). Entrambi hanno lo scopo di ritrarre la vista inconscia: ciò che avrei descritto come "gli occhi dell'inconscio" o "la visione dell'id". Ma oggi, naturalmente, "la cecità mentale" è associata all'autismo, e ciò che io chiamerei ipo-mentalismo . L'inconscio freudiano, al contrario, è ora un paradigma di ciò che definirei iper-mentalismo .

Ora posso spiegare cosa stava succedendo nei termini interamente meccanici dell'anatomia cerebrale, non nelle immagini mentali freudiane. Il motivo per cui ero più bravo a scatti raggruppati era che, a differenza del caso con il mirino del bersaglio, non riuscivo a vedere il punto a cui miravo e quindi disabilitavo quel che , il percorso visivo ventrale e facevo affidamento interamente sul tutto inconscio dove , dorsale uno, che ha una migliore acuità e / o definizione spaziale rispetto al sistema. Quando il mirino sparato oltre il punto giusto sul bersaglio, mi sono reso conto attraverso le mie risposte emotive, non avendo nulla in contrario ad andare avanti.

Non stavo accedendo a una mente inconscia, il mio id non aveva occhi ai quali il mio ego non sapeva nulla, e non dovevo superare la forza della repressione per sapere quando sparare. In qualche modo ho semplicemente intuito ciò che il flusso visivo dorsale aveva visto e l'ho usato per decidere il momento in cui tirare il grilletto. Potrebbe aver esasperato tutti gli altri in quel momento, ma oggi i sistemi visivi paralleli spiegano entrambi il mio comportamento e mi danno motivo di pensare che probabilmente sono in gran parte le basi neurali su cui si basano i nostri sistemi cognitivi mentali e meccanici corrispondenti, come suggerire in The Imprinted Brain .

Solutions Collecting From Web of "Sono stato un colpo di crack a vista cieca"