Sono più della somma delle mie gengive

Sono appena tornato dal dentista, e ho il lato destro gonfio della mia bocca per dimostrarlo, che, grazie a Dio, non puoi vedere. Sono stata una cattiva ragazza dal punto di vista del filo interdentale e avevo bisogno di sottopormi a ridimensionamento, altrimenti noto come terapia parodontale convenzionale. Si tratta di ottenere l'anestesia a metà bocca, poi di avere un medico che sonda il lato intorpidito, rimuovendo ciò che causa un'infiammazione. Generando così un bagno di sangue che dovrebbe farti stare meglio.

La cosa è che posso sopportare il dolore. Chiudo gli occhi per non vedere gli aghi di anestesia (tutti e tre), riesco a respirare attraverso la procedura e tornerò persino ad avere il lato sinistro della bocca scalato. Quello che non riesco a gestire è il modo in cui il ragazzo che ha eseguito il ridimensionamento mi ha gestito. Lo chiamerò Dr. C., perché è quello che penso che il suo cognome inizi con. Come lo saprei? Non si è mai presentato. Il dott. C. si reca nel mio studio dentistico regolare per eseguire il ridimensionamento e simili, e questo è tutto ciò a cui sembra interessarsi. Il ridimensionamento, vedi, inizia e finisce nelle gengive, mentre la cura del paziente è un concetto un po 'più completo, che coinvolge in realtà la cura del paziente come persona. Neanche un desiderio egoistico. Gli studi dimostrano che il principale motivo per cui i pazienti lasciano i medici, persino gli ospedali, è che sentono di non essere trattati con rispetto.

Se la cura è troppo, mi accontenterò che i miei operatori sanitari fingano di prendersi cura di loro. Come il mio dentista regolare, che mi chiama "dolcezza" e posa la sua mano sempre così leggera sulla mia spalla. È una moto ben provata, me ne rendo conto, ma mi calma e appoggia un sorriso sulla mia faccia da gatto. Quando qualcuno sta per attaccare un oggetto appuntito nel mio morbido tessuto orale, è meglio che non mi aghi.

E il dottor C. mi ha aggredito bene. L'infermiera gli disse che avevo ricevuto un'anestesia, ma non le stava nemmeno prestando attenzione. "Ti intorpidirò," dice, al che dovevo borbottare tra le mie fauci assopite "Sono stato intorpidito". Oh bene, ha proceduto a inclinare il mio posto in modo che stavo sdraiato, la testa più bassa delle mie gambe. In questi momenti ho sempre pensieri contrastanti. Uno è che questa è una buona forma di tortura, che manda la mia mente fuori da ogni sorta di direzione sbagliata. Un altro è che, come yogi, dovrei fare respiri profondi e pensare, ad esempio, alle imminenti feste di compleanno di Sri Dharma Mittra.

C'era solo un respiro profondo che potevo fare con le mie fauci elefantina, gli strani fluidi che mi scendevano in gola. Mi strozzai, emettendo un suono soffocato che doveva essere riverberato fino all'addetto alla reception, poi mi colpì sul sedile. Ciò ha reso il dott. C. fermo e inclinato di nuovo il sedile. Grazie a Dio l'ha fatto, ma è stato tutto ciò che ha fatto. Che ne dici di "stai bene?" "Hai bisogno di aiuto?" "Posso portarti qualcosa?" Oh, no. Vedi, non sono stato io, Talya, il dottore stava curando, erano le mie gengive, e lui ha aspettato che tornassero in posizione così da poter scalare.

Una volta che ebbe finito di scavare attraverso la mia carne, il Dr. C. sollevò la sedia e se ne andò. Cos'altro c'era da fare ora che le gengive erano state curate? Sicuramente non c'è bisogno di indagare come mi sentivo, di suggerire qualcosa per alleviare il dolore una volta che i colpi si sono esauriti, o per chiedere se volevo risciacquare il maledetto casino dalla mia bocca? La procedura è stata completata, e questo è tutto ciò che importava. Per il dottor C., se quello era il suo nome.

Lo yoga è l'unità della mente, corpo e respiro. Scaling, Dr. C., mi ha insegnato oggi, è l'atto di decostruire. Separare le gengive dalla mente, dall'anima, dalla persona che soffoca sulla propria saliva. È una lezione che vorrei non aver imparato.

Solutions Collecting From Web of "Sono più della somma delle mie gengive"