Sono il più bizzarro del mondo

Nelle scorse settimane ho ascoltato un pontificato formatore in adozione, una lettrice di tarocchi sul trattamento delle infezioni batteriche e un ginecologo che si occupa delle scansioni cerebrali. In tutti e tre i casi, ho preso ciò che la persona stava dicendo come un vero vangelo. Ognuno di loro ha parlato con grande sicurezza di sé e così ho immediatamente pensato che ciò che sapevo di questi argomenti era completamente sbagliato e che la persona che faceva tutto il discorso era l'esperto in carica in materia.

Tutte e tre le volte, non mi ero nemmeno reso conto che stavo comprando tutto ciò che queste persone stavano dicendo come l'inarruabile verità fino a quando non ho parlato con qualcun altro; in ogni caso, la seconda persona con cui ho parlato ha sottolineato quante persone parlano di cose che non conoscono, cosa che ovviamente conosco già, ma che avevo completamente dimenticato di fronte a queste stridule conversazioni. Una volta parlando al secondo turno di persone, tutta l'ansia di quelle chiacchiere iniziali si era completamente dissipata.

Tutte e tre le volte, non potevo aggrapparmi a ciò che sapevo essere vero finché qualcuno non l'avesse confermato.

Quando stavo parlando con un altro amico di questo-una di quelle tipiche conversazioni di sobrietà in cui diagnostichi e spesso patologizzi cose su te stesso che una persona non-sobria o non avrebbe un'etichetta per o addirittura si accorga che lo hanno fatto – ho accennato a come codipendente Ero. Sembrava scioccata e mi ha detto che ero la persona meno codipendente che conoscesse.

Ho discusso con lei, spiegando che ho fatto ogni sorta di cose in cui ho messo le opinioni e le esigenze di altre persone davanti al mio e dove mi piaceva la gente per evitare che qualcuno avesse potenzialmente un problema con qualcosa che ho fatto. Non era convinta e disse che non aveva quasi mai visto qualcuno che fosse così … Confesserò che ha iniziato a dire la parola "conflittuale" ma poi si è fermata e l'ha descritta come "non ha paura di dire alla gente" come mi sentivo. (La giuria continua a sapere se la parola sostituzione ha a che fare con la sua codipendenza.)

Quello che ha detto non mi è mai accaduto veramente. Quindi, come chiunque eternamente affascinato da se stessa che si diverte ad essere il "più" qualsiasi cosa, anche quando la cosa non è positiva, mi sono diagnosticato di nuovo: sono il più bizzarro del mondo.

Il modo migliore in cui posso abbatterlo è che non mi preoccupo affatto di dire qualcosa che potrebbe essere percepito come duro se sono a) infastidito o b) sento assolutamente necessario nella situazione (questi sono connessi; Sono seccato, cambiando le circostanze mi sembra necessario). A si presenta più frequentemente di B, semplicemente perché mi infastidisce facilmente (fischiettando, cantando, parlando a voce alta, masticando gomma, fumando – tutti questi e altri sono nella mia lista di intolleranza). In quelle situazioni, farò, in un modo che è quasi sempre incredibilmente inappropriato, non esitare a chiedere alla persona di fermarsi o semplicemente ad abbagliare finché non lo fanno. (Come fumatore di pacco per 13 anni che è stato – perdonami – fumatore negli ultimi 14 anni, sono il più ipocrita possibile.) Nel mio ufficio, dove molte aziende condividono lo stesso spazio, una volta mi sono avvicinato a qualcuno che aveva costantemente conversazioni telefoniche forti con un nemico, "Ti rendi conto che possiamo sentire tutto quello che stai dicendo" prima che io mi presentassi. (Ora siamo amici perché, beh, lui è più tollerante di me, ha anche conversazioni telefoniche molto più silenziose.)

Quando si tratta di dare agli scrittori delle note sulle loro storie, ci riesco direttamente senza esitare (anche se sono perfettamente consapevole che lo scrittore + sobrio drogato = le persone più sensibili sulla terra, quindi sono sempre attento a come lo dico). Ma il punto è che non ho assolutamente paura di alcun potenziale confronto in quelle situazioni. Allo stesso modo, in riunioni di 12 passi, condividerò tutto ciò che sento di dover uscire senza considerare il fatto che le persone potrebbero avere un problema o giudicarlo.

Ma poi vado verso le persone di massa gradite. Dovresti sentire quanto mi scuso quando penso che potrei essere fastidioso a qualcuno. In realtà, quasi sempre finisco per infastidirmi in questi casi, ma il bisogno di farlo spesso mi sembra una compulsione.

Più codipendenza: quando scrivevo profili su celebrità e altre persone per riviste, ho sempre avuto trepidazione quando scrivevo qualcosa di negativo. Cosa succede se la persona mi ha mandato un'e-mail arrabbiata o, ancora peggio, mi sono imbattuto in loro e ho dovuto gestire una reazione negativa di persona? Ho un amico, un giornalista di gran lunga più di successo di sempre, che scrive sulle persone più potenti e conosciute del mondo e non ha problemi a esprimere le sue opinioni più forti su di loro, anche quando quelle opinioni avrebbero sicuramente causato l'argomento da qualche parte tra una seria agita e una grave rabbia. È una delle persone più simpatiche che conosca, quindi non è un'ostilità sbagliata, solo una valutazione onesta di chi è la persona di cui sta scrivendo. Le ho chiesto come è in grado di gestire sapendo che queste persone estremamente potenti la risentiranno sicuramente e che altro potrebbe incorrere in esse, e lei si stringe nelle spalle, non capendo che non potrei scrivere come lei, anche se la persona lo meritava indiscutibilmente. (Osserviamo tutti un momento di ringraziamento per il fatto che non ho definito i serial killer.)

Ma poi, quando si tratta di scrivere di me stesso, mi impegnerò a scrivere su carta (e rivista di pagina e su Internet) alcune delle rivelazioni meno allettanti immaginabili senza nemmeno considerare ciò che la gente potrebbe pensare. In qualche modo ritengo che sia assolutamente mio diritto e quasi doveroso essere un confessionale cronico e compulsivamente onesto nei miei scritti. Sto anche bene con i commenti che assassinano i personaggi che possono accompagnare questa abitudine alla scrittura.

Oh, ma poi torniamo alla terra della codipendenza. Sono mai stato in grado di dire a un ragazzo che ho iniziato ad uscire che non sono interessato a lui? Ehm, non proprio. Il mio obiettivo è che "non sono disponibile in questo momento". Non riesco letteralmente a ottenere le parole "Non sono interessato a te" dalla mia bocca. La conclusione che tendo ad attirare su questo è che mi fa male quando gli uomini mi hanno detto che non sono interessati a me e non voglio far sentire a qualcuno come mi sento. Ma sono così gentile? Questo non sembra che provenga necessariamente da un luogo altruistico. Tutto quello che so è che ho detto, "Non sei tu-sono io" più volte di quanto possa contare.

E non farmi nemmeno iniziare sull'argomento di portare un amico che non conoscerà nessuno a una festa come il mio più uno. Ack, l'ansia e la pressione che sento per assicurarmi che stiano bene! Ogni volta che faccio una cena di compleanno, riunendo tutti gli amici disparati insieme per una situazione in cui sono l'unica cosa che possono avere in comune, sono in un panico codipendente quasi tutto il tempo. Il mio collega trova abbastanza per parlare con il mio amico del liceo? Le persone sobrie parlano di difetti di carattere e Dio e fanno fuori tutti gli altri? Niente di tutto questo mi impedisce di averle, naturalmente; come un altro esempio di me patologizzare me stesso, sono un masochista occasionale.

Oh e poi ci sono quelle situazioni in cui posso dire che qualcuno non è a mio agio con me; nei miei sforzi per mettere queste persone a loro agio, mi renderò più a disagio di quanto non siano mai state. Su quella nota, quelle persone che possono sedere in silenzio o avere lunghi periodi di silenzio mentre con altre persone? Mi siederò lì disorientato da loro mentre il mio cervello quasi esclama: "Il silenzio deve essere riempito dall'intrattenere!"

Allora, dove mi lascia? Non sono veramente sicuro. Non mi sono mai riferito in alcun modo quando ho controllato le riunioni di CODA, in realtà non riguardavo Codependent No More . Posso sicuramente concentrarmi di più sul vedere "fuori piuttosto che dentro", come la chiama il mio terapeuta, o posso semplicemente accettare che ci sono volte in cui metto le esigenze degli altri davanti ai miei, anche se sto immaginando i loro bisogni, e altri volte non lo faccio. E posso continuare a essere orgoglioso di definirmi il più codipendente del mondo.

Questa storia è stata originariamente pubblicata su AfterPartyMagazine

Solutions Collecting From Web of "Sono il più bizzarro del mondo"