Sono il custode del mio amico?

DOMANDA

Ciao Irene,

Spero che tu possa aiutarmi con la mia situazione. Negli ultimi sei mesi sono stato "amico" di una ragazza di 25 anni. Sono una donna di 37 anni. Sì, sai dove sto andando con questo! Lei è dove ho USATO per essere: binging, interpretando il ruolo della vittima, non riesce a trovare l'amore, l'affetto o l'attenzione di cui ha bisogno. Ad ogni modo, è sempre merito di LEI e ho raggiunto il punto in cui non prendo il telefono quando lei chiama o testi.

Oggi, non le ho parlato tra una settimana ed ero di ottimo umore, quindi ho risposto al telefono in un modo molto "alto". Immediatamente ha detto, "Oh, sei di buon umore, questo rende quello che ho da dire anche più forte" e ha continuato a parlare di come lei si è abbuffata perché finalmente ha preso lo stivale dalla sua ex. Ha finito con lei.

Ho ascoltato, dato consigli e lei ha chiesto alla fine come fa sempre, com'ero. Ma potrei dire che a lei non importava davvero. Ho sviluppato un mal di testa durante la conversazione e ho finito per mangiare più di quanto volessi per la frustrazione. La cosa è che voglio essere lì e aiutarla, ma non se mi fa male. Sono l'unica che può girare per aiutarla a costruire la forza per sconfiggere i suoi demoni. Tuttavia, mi sta prosciugando e non sono sicuro di quale sia il modo migliore di agire per me.

Se riesci a far luce su questo, sarei eternamente grato !!

firmato,
Grazia

RISPOSTA

Cara Grace,

Le relazioni sane sono reciproche, con dare e prendere su entrambi i lati. Essendo stato nei panni del tuo amico, sei stato molto empatico, ma sembra che il suo bisogno e l'egocentrismo siano diventati schiaccianti.

Avere solo una persona a cui rivolgersi non è buono per nessuno di voi. Se stai costantemente soffrendo di mal di testa e ti senti frustrato quando parli o trascorri del tempo insieme, devi fare un passo indietro e apportare alcune modifiche. Parla con il tuo amico e dille che mentre tieni a lei e vuoi aiutare, sei una sua amica e non una terapeuta. Forse, potresti tranquillamente aumentare la possibilità che lei parli con un consulente o terapeuta per risolvere alcuni dei problemi irrisolti che la rendono infelice.

Cerca di suggerire di fare le cose insieme che entrambi ti piacciono piuttosto che darle l'opportunità di rimuginare sui suoi problemi. Potresti anche suggerire che lei cerchi di trovare alcuni amici che sono più vicini a lei in età. Mentre la differenza di età tra te non è un problema inerente, sembra che ci sia un divario di maturità. Sta dicendo che la chiami "ragazza" e ti definisci una "donna".

Anche tu hai bisogno di espandere la tua cerchia di amici e trovare altre relazioni che ti aiutano a crescere in modi diversi. So che la tua pazienza si sta esaurendo, ma cerca di essere risoluto ma gentile. Forse, devi permetterle un po 'di tempo per superare il trauma del suo fidanzato perduto prima di fare un passo indietro. Spero che tu possa preservare la tua amicizia, ma cambiare il modello e l'intensità del rapporto reciproco.

Il mio meglio,
Irene

Solutions Collecting From Web of "Sono il custode del mio amico?"