Sono fatto con il mio lavoro personale?

Risposta breve: No.

Risposta sfumata: Come forse saprai, l'anno scorso ho presentato una serie di interviste online intitolata Insegnare ciò che dovevamo imparare, in cui 46 leader nella crescita personale e spirituale hanno condiviso il proprio "margine di crescita". Durante la serie ho fatto di tutto per condividere la mia stessa umanità. Volevo che fosse abbondantemente chiaro che nessuna quantità di trasformazione spirituale elimina la necessità di una crescita personale continua.

spiral

Ma non ho parlato molto di come, a mio avviso, questo tipo di crescita avvenga al meglio. Credo che non siamo destinati a fare quel lavoro da solo; anche, e forse soprattutto, come insegnanti. Quindi la prima cosa che vorrei condividere a questo proposito è che lavoro regolarmente con qualcuno molto abile nel fare esattamente lo stesso lavoro che faccio con i miei clienti.

La prossima cosa da condividere è che non facciamo nulla di avanzato o di fantasia. Impieghiamo il momento dopo momento il lavoro di Emotional Connection, facendo affidamento sugli stessi principi e pratiche descritti nel mio libro, The One Thing Holding You Back.

Ecco un esempio super-fresco. Recentemente il mio partner per la crescita e ho incontrato Skype. Ho descritto un sentimento molto antico che stava riemergendo ultimamente. Mi fa piegare e arricciare verso l'interno. Mi fa venir voglia di arrendermi e suscita una profonda, antica convinzione che io sia destinato a essere separato, invisibile, non amato, e anche a essere vergognoso e diffamato per le cose che sono le migliori di me.

Non appena ho descritto il sentimento, sapevo che la convinzione ad essa collegata non era vera. Ma era ancora necessario per me permettere che sentissi la mia piena, compassionevole attenzione. Così mi sono rilassato in quell'attenzione e ho lasciato che l'ondata di emozioni mi prendesse in consegna in tempo reale. Ho anche lasciato che si esprimesse ulteriormente nella mia postura. Ho notato che il labbro inferiore inizia a sporgere in un broncio tremante. Non ho solo navigato su questo broncio, ma in aggiunta lo ho esagerato. All'improvviso mi sentivo come se fossi tutto il broncio, come un bambino in una crisi di nervi.

Una volta che ero in modalità bambino, è sorta un'immagine di me stesso intorno a quell'età. Non era esattamente un ricordo, ma proveniva più da una storia che mi era stata raccontata molte volte, da come io, Raffaele extra-verbale, fissavo il mondo cupamente per i miei primi due anni e non dicevo una sola parola .

Non mi importava se l'immagine provenisse da un'esperienza reale perché il sentimento di ciò era così reale. Mentre la sensazione precipitava attraverso di me, e l'immagine rimaneva, mi sono ritrovato a dire, ad alta voce, "Non ho fatto niente di sbagliato!" Ho ripetuto quella frase, ancora e ancora, più forte e più forte, e ho sentito un'ondata corrispondente di energia.

Dissi: "Smettila di ferirmi!" E l'energia crebbe. Mi sentivo più grande, più animato. Poi ho detto, "Lasciami in pace!" E ancora una volta accovacciato. L'energia che era così vividamente presente ora è scomparsa all'istante.

Attraverso questo processo, e la riflessione che seguì, vidi molto chiaramente come il mio schema di ritirarsi in salvo dall'intimità dolorosa sia continuato, in tutti questi anni, e abbia contribuito a una periodica deflazione della mia forza vitale. Ho visto quanto fosse importante per me raddoppiare la mia intenzione di rimanere presente, di continuare a presentarmi, soprattutto quando questo schema si attiva.

Punti chiave:

1) Il più grande dono di questo processo è che è venuto come esperienza diretta. Ho usato Emotional Connection per entrarci e per attraversarlo. L'intuizione sui miei stati energetici e il modo in cui si collegano al dolore, all'intimità e alla sicurezza non erano solo concettuali. Conoscevo più che mai la sua viscerale verità, e sapevo anche esattamente come lavorare con quell'energia allo scopo di continuare la guarigione e l'espansione.

2) Nessuna di queste novità. Era un punto logoro del mio viaggio personale, rivisitato di nuovo su un più profondo gradino della mia spirale della mia vita. Sarebbe stato facile alzare le mani e andarmene, gridare: "Questo ?! Ancora?! Pensavo di averlo fatto anni fa! "Sarebbe stato altrettanto facile vedere questa recidiva come la prova che sono tornato dove ho iniziato, non diverso o migliore di quando ho iniziato a trattare i miei problemi consapevolmente.

Ciò che mi impediva di ritirarmi nella disperazione era il mio senso interiore dell'esatto senso opposto. Ero fidanzato, eccitato, più pienamente vivo di quando ho iniziato la sessione. Il corpo non mente, è vero, ma l'energia è un fornitore di verità ancora più affidabile. All'indomani della sessione la mia energia era composta da parti uguali e vivaci. Ero completamente sveglio per un nuovo potenziale.

E, ero profondamente grato. Sono ancora. E ho offerto questa finestra al mio personale processo nella speranza che possa ispirare anche te a continuare a impegnarti nel tuo lavoro personale, non importa quanto tu sia arrivato nel tuo corrispondente viaggio spirituale.

Il regno emotivo è il nesso tra sé e Spirito. Qualunque sia la via, è la via. Quando rimani con ciò che potrebbe sembrare vecchio, per sempre bloccato, senza speranza, quando lo rivedi con un partner fidato e abile, i miracoli accadono. E il più grande miracolo di tutti, forse, è la profonda consapevolezza che tu hai ragione dove devi essere …

Qui. Adesso. Casa.

Solutions Collecting From Web of "Sono fatto con il mio lavoro personale?"