Sonno, i fattori di stile di vita influenzano il rischio di concussione, il recupero

Dollar Photo Club
Fonte: Dollar Photo Club

Una vecchia scuola di pensiero una volta suggeriva di tenere sveglia una persona con una commozione cerebrale, temendo che il cervello potesse decidere di smettere durante il sonno. Ma in realtà è tutto il contrario.

Ricercatori della Scuola di Medicina dell'Università del Maryland credono di aver trovato modi per sviluppare trattamenti correlati al sonno per migliorare l'esito di una lesione cerebrale traumatica lieve (TBI). Le raccomandazioni appaiono online nella rivista Neurotherapeutics e indicano il mio miglior consiglio per chi ha una commozione cerebrale.

Dormi, o quello che chiamo "riposo relativo".

In genere, la metà degli individui che hanno una concussione soffriranno per l'interruzione del sonno a causa della lesione, quindi è un sintomo comune che non ottiene abbastanza tempo d'aria nei media. Inoltre vale la pena ricordare che l'insonnia può essere una conseguenza di commozione cerebrale. Questo potrebbe richiedere un intervento da parte del medico, che è meglio che usare i rimedi da banco che potrebbero peggiorare la nebbia del cervello.

Quindi, ecco cosa devi sapere sul sonno durante il periodo di recupero della commozione cerebrale.

In primo luogo, possiamo dissipare il mito sul risveglio di un individuo interessato. In effetti, la cosa migliore e la prima cosa da fare è dare il resto cerebrale cerebrale. Il sonno è un attributo, insieme ad altri riposo mentale da includere nel protocollo di recupero. Ridurre al minimo la stimolazione mentale e fisica fino a quando l'atleta non è privo di sintomi. Il concetto è relativo riposo, cioè l'evitamento di qualsiasi attività mentale o fisica che provoca i sintomi correlati alla concussione dell'atleta. Una volta che il giocatore infortunato è privo di sintomi a riposo, ho incluso una "Guida progressiva per il recupero dello sforzo progressivo" incorporata nel mio protocollo che monitora i sintomi e guida la tempistica per un ritorno alla pratica o anche alle attività in classe.

Tuttavia, consiglio vivamente di monitorare le prime 24 ore di sonno. Osservare il peggioramento dei sintomi come interruzione della respirazione, vomito e confusione prolungata e amnesia. Questi potrebbero essere segni di qualcosa di diverso dalla commozione cerebrale da solo. Strumenti come questi aiutano a tracciare i sintomi, segnalandoli automaticamente al personale medico giusto in caso di allarme.

L'unico momento in cui si sveglia un paziente affetto da trauma è se la ferita ha causato una perdita di coscienza. In questo caso, sveglia l'individuo durante la notte per controllare se vi sono segni di deterioramento dello stato mentale, come amnesia prolungata, presenza di mal di testa ed evidenti cambiamenti emotivi.

Ausili del sonno

L'insonnia è un sintomo comune post-infortunio. Raccomando un aiuto temporaneo per dormire. I rimedi da banco di solito sono fatti di antistaminici che stanno sedando per la maggior parte delle persone e aiutano a migliorare la qualità del sonno. Tuttavia, non è raro che alcune persone diventino più vigili con gli antistaminici che peggiorano l'insonnia. L'uso a breve termine dei tradizionali ausili per dormire è appropriato in questa impostazione. Un medico può anche raccomandare l'assunzione di imipramina, un antidepressivo triciclico, che non solo aiuta a dormire ma può anche aiutare a proteggere dal mal di testa e migliorare le prestazioni cognitive.

Suggerimenti per il recupero post-concussione

I sintomi post-concussione durano in genere circa 7-10 giorni, a seconda di quanto grave sia la commozione cerebrale e di altri fattori. La maggior parte delle persone migliora in una settimana, tuttavia, che varia in base al modo in cui aderiscono al protocollo di recupero.

Mantenere queste linee guida per il recupero da commozione cerebrale, in gran parte del quale ho estratto dal libro "Concussion-ology" e sono basati sul sistema di gestione della commozione cerebrale XLNTbrain.com.

  • Sonno : cerca di ottenere da 7 a 8 ore di sonno a notte entro la prima settimana di sospensione della concussione.
  • Riposo mentale : il cervello ha bisogno di riposare durante il recupero. Evita attività mentali intense durante i primi giorni dopo aver sostenuto una commozione cerebrale per evitare di provocare sintomi. Limita la lettura, la scrittura, l'invio di SMS, l'uso del computer e la riproduzione di videogiochi. Evita anche altri stimoli visivi e uditivi come luci brillanti e musica ad alto volume.
  • Resto fisico : non fare esercizio fisico fino a quando i sintomi non sono liberi. L'esercizio fisico aggiunge tensione al cervello, ritardando il processo di guarigione.
  • Mangiare sano : il cervello ha bisogno di una dieta nutrizionale e forse di alcuni supplementi nutrizionali, come gli acidi grassi Omega 3, la vitamina B Complex, la vitamina E, il CoQ10 e altri integratori sani del cervello per migliorare il processo di guarigione.
  • Bere acqua : il cervello ha bisogno di acqua per facilitare il ritorno al giusto equilibrio. Rimani ben idratato per tutto il giorno.
  • Evitare le tossine : bere alcolici e fumare non aiutano mai la situazione, ma in questo caso possono davvero ritardare il processo di guarigione, anche se ci si sente rilassati.

Sfortunatamente, quando il cervello è ferito, la lesione causa malfunzionamenti, con molte possibili ripercussioni. Mentre le commozioni cerebrali sono una forma più lieve di lesione cerebrale, una serie di fattori influenzano quanto bene il cervello guarisce e quali funzioni possono essere alterate. Quando il cervello si attacca per tornare alla normalità, spesso costruisce percorsi alternativi per il verificarsi della segnalazione neurale. Ulteriori lesioni da trauma potrebbero solo esacerbare il problema.

Pertanto, l'importanza di ottenere abbastanza "riposo relativo" è la chiave per il recupero. Senza riposo, la salute generale del cervello può essere compromessa, ponendola a un rischio più elevato di ulteriori lesioni da trauma cranico e sintomi correlati alla post-concussione. Altri fattori influenzano la velocità di recupero di una persona e la sua vulnerabilità a ulteriori complicazioni.

Cinque fattori che influenzano il rischio e il recupero della concussione

  1. Eredità : la storia genetica dei disturbi neurologici può essere tramandata. Sebbene questi profili genetici non garantiscano automaticamente un futuro di disordine, possono avere un'influenza. L'ereditarietà può anche influenzare la vulnerabilità o la suscettibilità a sviluppare condizioni neurologiche.
  2. Genere : un numero di studi ha identificato che le donne sono più vulnerabili alle lesioni da concussione rispetto agli uomini. In qualsiasi sport (come il calcio) in cui le donne competono con le stesse regole degli uomini, l'incidenza di trauma cranico è maggiore. Una varietà di fattori è stata postulata come contributore a questo fenomeno. Le donne hanno dimensioni più piccole del collo, rendendo la testa più probabile a "colpo di frusta". Circa il 20% delle donne soffre di emicrania. E le donne sono più propense a esprimere preoccupazioni per la loro salute rispetto agli uomini.
  3. Funzione cerebrale pre-morbica : condizioni come paralisi cerebrale, ADD, difficoltà di apprendimento, ritardo dello sviluppo o trauma cranico precedente influenzano il periodo di rischio e di recupero.
  4. Storia di emicranie : gli individui con una storia di emicrania sono più vulnerabili ai sintomi post-concussione rispetto a quelli senza.
  5. Stile di vita : la salute del cervello è anche fortemente influenzata dalle attuali abitudini di vita dell'individuo. Questo include nutrizione, esercizio fisico, sonno, alcol e droga e fumo, anche le tossine ambientali dall'aria, acqua.

# # #

Harry Kerasidis, MD è il fondatore e direttore medico per la piattaforma di gestione della concussione sportiva XLNTbrain, LLC, con sede nel Maryland. È anche il fondatore di Chesapeake Neurology Associates a Prince Frederick, nel Maryland, e ricopre il ruolo di direttore medico del Center for Neuroscience, Sleep Disorders Center e Stroke Center al Calvert Memorial Hospital.

Solutions Collecting From Web of "Sonno, i fattori di stile di vita influenzano il rischio di concussione, il recupero"