Sollecitato sulla gravidanza? Non essere!

Una nuova ricerca mostra come lo stress prenatale modella la salute e lo sviluppo dei bambini.

Alyssa Morris, used with permission

Fonte: Alyssa Morris, usata con permesso

Questo post per gli ospiti è stato fornito da Alyssa Morris, una studentessa laureata nel programma di Scienze Cliniche del Dipartimento di Psicologia dell’USC.

Dopo tutto il brusio della gravidanza segreta di Kylie Jenner, Kylie ha spiegato di averlo tenuto nascosto perché sapeva che il suo “bambino avrebbe provato ogni stress ed emozione”. Voleva mantenersi positiva e libera dallo stress durante la gravidanza. Che tu sia un fan del clan Kardashian, sembra che Kylie abbia fatto qualcosa. A quanto pare, lo stress di una madre durante la gravidanza può avere effetti duraturi sul suo bambino in crescita. Non solo i livelli di stress di una madre durante la gravidanza sono correlati agli esiti della nascita, ma lo stress della gravidanza è stato anche collegato a sfide evolutive che possono estendersi durante l’infanzia e l’adolescenza.

Prima di parlare di tutte le cose brutte che possono accadere quando le madri incinte sono stressate, lascia che allevi le tue preoccupazioni facendoti sapere che – allerta dello spoiler – molti tipi di stress sono gestibili. Quindi, per quelli di voi madri incinte che leggono questo articolo, non stressatevi troppo per lo stress. Parleremo di cosa puoi fare per mantenere bassi i livelli di stress. E per quelli di voi papà / partner in attesa con noi, rimanete sintonizzati; anche tu hai un ruolo importante.

Pixabay, Creative Commons

Fonte: Pixabay, Creative Commons

Innanzitutto, è utile capire come lo stress della mamma influisce sulla biologia del suo bambino. Immagina di essere nell’ufficio del medico e hai appena scoperto che diventerai un genitore. Senti un’ondata di eccitazione, quindi, un’ondata di paura. Come gestirò il lavoro e un neonato? Quanto costa allevare un bambino? Sarò un buon genitore? E, per quelli di voi mamme in attesa che dipendono dal caffè quanto me: come diamine ho intenzione di ridurre l’assunzione di caffè per i prossimi nove mesi e di essere ancora funzionale? Tutti questi pensieri hanno appena scatenato la tua risposta allo stress e il tuo corpo inizia a pompare un ormone dello stress chiamato cortisolo. Nelle donne incinte, questo ormone è condiviso con il suo bambino attraverso la placenta. E mentre alti livelli di cortisolo possono influenzare negativamente tutti noi, un feto in crescita è particolarmente vulnerabile. Mentre i sistemi corporei del feto si stanno sviluppando, sono più suscettibili ai cambiamenti nell’ambiente. Le preoccupazioni per il caffè e la genitorialità probabilmente non generano abbastanza una risposta allo stress da influenzare il bambino. In effetti, le donne in gravidanza mostrano in genere risposte fisiologiche più basse allo stress, probabilmente come modo naturale di proteggere il feto. Ma l’esposizione ad alti livelli di cortisolo da stress grave e cronico può far uscire il sistema di stress in evoluzione del bambino, cambiando la sua sensibilità allo stress.

Uno studio che ha esplorato i risultati dei bambini nati da madri incinte durante gli attacchi terroristici dell’11 settembre evidenzia l’impatto dello stress durante la gravidanza. Le donne che erano incinte durante questo evento e avevano sviluppato disturbo da stress post-traumatico (PTSD), avevano bambini i cui livelli di cortisolo erano alterati durante il primo anno di vita rispetto a quelli che non sviluppavano PTSD dopo gli attacchi. Ciò indica che le donne che hanno sperimentato lo stress più estremo durante la gravidanza hanno avuto prole con reattività allo stress biologicamente alterata. Tuttavia, le madri che erano in grado di gestire i loro livelli di stress durante questo orribile evento hanno dato alla luce bambini che non mostravano schemi di reattività allo stress alterati.

Le differenze nei neonati nati da madri stressate estendono i cambiamenti precedenti a livello ormonale e possono essere osservati fin dal primo giorno di vita. Questi bambini tendono ad essere nati con minor peso alla nascita e, a differenza di quelli di noi che cercano di perdere qualche chilo, questa non è una buona cosa per il bambino. Il basso peso alla nascita è stato collegato a rischi per la salute più tardi nella vita. Allo stesso modo, hanno maggiori probabilità di avere una circonferenza della testa più piccola, indicando una minore crescita del cervello. Mentre questi bambini crescono, le preoccupazioni persistono. Un gruppo di ricercatori del Behavioural Science Institute della Radboud University, nei Paesi Bassi, ha recentemente pubblicato una recensione completa su come l’esposizione ad alti livelli di stress nell’utero influenza lo sviluppo. Hanno scoperto che entro il primo anno di vita, i bambini esposti allo stress in utero tendono ad essere più pignoli, hanno temperamenti più difficili e sono i dormienti peggiori. Durante l’infanzia, questi kiddos hanno più problemi di autoregolazione e sono più frequentemente diagnosticati con l’ADHD. Inoltre, i ricercatori che studiano gli effetti dello stress in utero hanno riscontrato più volte problemi con lo sviluppo motorio. Ma questo è solo grattando la superficie. Anche se non abbiamo molte informazioni sulle sfide associate nell’età adulta, i ricercatori stanno iniziando a trovare legami tra lo stress materno in gravidanza e la depressione nei giovani adulti.

Stressante, giusto? Lo so, piuttosto ironico. Ma per quelli di voi che vi aspettate, non preoccupatevi ancora (dopo tutto, non va bene per il vostro bambino in crescita). E per quelli di voi che non si aspettano ancora, non lasciarmi spaventare dall’idea di avere figli. È importante riconoscere che è normale avere ondate di ansia riguardo alla genitorialità. Un po ‘di stress quotidiano qui e non sta per danneggiare il tuo bambino. In effetti, è stato dimostrato che piccole quantità di stress hanno un impatto positivo sullo sviluppo. È solo quando sei stressato cronicamente (ad esempio, vivendo un conflitto tossico con il tuo partner, discriminazione quotidiana o molestie sul lavoro, preoccupazione eccessiva e persistente) o hai vissuto un evento intensamente stressante (come un parente stretto o un disastro naturale nella tua città natale) che i livelli di stress diventano preoccupanti.

Detto questo, ci sono diversi modi per mantenere i livelli di stress in linea. Pratiche come la meditazione e lo yoga hanno dimostrato di aiutare le future mamme a gestire i livelli di stress. La terapia verbale può anche essere utile per le mamme che lottano con la depressione o l’ansia. Inoltre, il sostegno sociale, in particolare quando si tratta del partner della madre, ha dimostrato di svolgere un ruolo chiave nello stress materno durante la gravidanza. Papà / partner, è qui che entri! La relazione madre-partner è essenziale durante la gravidanza. Un partner di supporto durante tutta la gravidanza è la chiave per crescere un bambino sano. In effetti, vi è evidenza che il supporto sociale durante la gravidanza può aiutare a ridurre il rischio di alcuni dei risultati della nascita negativi che sono stati collegati con lo stress. Riconoscere anche che lo stress all’interno di una coppia è contagioso. Quindi, papà / partner, non solo è importante essere di supporto e consolidare il rapporto con mamma, ma è anche importante tenere sotto controllo i propri livelli di stress. Oltre agli sforzi a livello familiare per promuovere la salute di un feto in crescita, il potenziale impatto dello stress sul benessere dei bambini aiuta a illustrare l’importanza del supporto a livello sociale. Proteggere la salute mentale e fisica delle mamme in attesa fornendo cure prenatali a prezzi accessibili, compresa la psicoterapia, ha il potenziale per un ampio effetto a catena sulla salute delle generazioni successive.

Morale della trama: tutti ci preoccupiamo di cosa possiamo fare per crescere il bambino più felice e più sano. Ma potrebbe anche essere che una delle cose migliori che puoi fare per tuo figlio sia smettere di stressare. Vacanze, chiunque?

Riferimenti

Lipkind, HS, Curry, AE, Huynh, M., Thorpe, LE, e Matte, T. (2010). Risultati di nascita tra la prole di donne esposte all’11 settembre 2001, attacchi terroristici. Ostetricia e ginecologia, 116 (4), 917-925.

Mina, TH e Reynolds, RM (2014). Meccanismi che collegano lo stress utero al comportamento alterato della prole. Neurobiologia comportamentale dei disturbi legati allo stress (pagine 93-122). Springer Berlin Heidelberg.

Van den Bergh, BR, van den Heuvel, MI, Lahti, M., Braeken, M., de Rooij, SR, Entringer, S., Hoyer, D., Roseboom, T., Räikkönen, K., Re, S . e Schwab, M. (2017). Origini evolutive prenatali del comportamento e della salute mentale: l’influenza dello stress materno in gravidanza. Neuroscienze e recensioni bio-comportamentali.

Zijlmans, MA, Riksen-Walraven, JM, e de Weerth, C. (2015). Associazioni tra le concentrazioni di cortisolo prenatale materno e gli esiti del bambino: una revisione sistematica. Neuroscienze e recensioni Biobehavioral, 53, 1-24.

Solutions Collecting From Web of "Sollecitato sulla gravidanza? Non essere!"