Solitudine, malattia cronica e crescente età

"Prega che la tua solitudine possa spronarti a trovare qualcosa per cui vivere, abbastanza grande da morire." Dag Hammarskjold

Il peso mentale e fisico della solitudine può essere estremo, specialmente per gli anziani. Solitamente definita come la percezione di essere isolati da altri significativi, siano essi amici o familiari, le persone si sentono sole a causa del divario tra il tipo di relazioni sociali che vorrebbero avere e quelle che vedono di avere. Dal momento che la vita di nessuno è mai veramente perfetta, di tanto in tanto ci sentiamo soli, anche se il sentimento è solitamente gestibile e temporaneo.

Tuttavia, ci sono numerosi studi che mostrano il legame tra solitudine e sviluppo di problemi di salute, oltre ad avere una vita più breve. Insieme alla depressione e ad altri problemi psicologici, la solitudine cronica può anche portare a problemi di sonno, ipertensione, un sistema immunitario compromesso e la rottura del sistema endocrino del corpo.

I problemi associati alla solitudine spesso peggiorano col tempo a causa dei problemi di salute naturali che si verificano con l'età. Di conseguenza, la solitudine è spesso un problema cronico negli anziani a causa di crescenti problemi di salute che possono rendere più difficile per loro rimanere socialmente attivi. Anche le questioni mediche legate all'età possono portare a un maggiore disagio psicologico, inclusa la depressione, e questo può portare a sentirsi ancora più soli. Problemi medici come l'artrite, le malattie cardiovascolari o il cancro possono rendere molti anziani più disabili e inermi.

Invecchiando può anche portare a una riduzione delle reti di supporto sociale, sia attraverso la morte o la malattia di amici e familiari, o attraverso importanti cambiamenti della vita come il divorzio o la pensione. Perdere questo tipo di supporto emotivo può avere un impatto devastante sulla capacità degli anziani di far fronte allo stress. In molte teorie sullo sviluppo della durata della vita, la vecchiaia è spesso il momento in cui gli anziani sono particolarmente vulnerabili alla solitudine che, insieme alla fatica di far fronte alle malattie croniche, potrebbe farli sprofondare in una spirale discendente di depressione e disperazione dalla quale potrebbe non riprendersi mai.

Oltre alle sfide che si presentano con l'età, esistono anche efficaci strategie di coping che possono aiutare a proteggere gli anziani e impedir loro di sprofondare in questa spirale discendente. Secondo la teoria motivazionale dello sviluppo della durata della vita proposta da Jutta Heckhausen e dai suoi colleghi, le persone possono affrontare i cambiamenti della vita dello stress impegnandosi in strategie di coinvolgimento degli obiettivi o strategie di autoprotezione per sviluppare un senso di controllo sulle loro vite.

Il coinvolgimento in un obiettivo implica la necessità di impiegare tempo ed energia per raggiungere obiettivi specifici, sia attraverso l'apprendimento di nuove competenze o l'apprendimento per compensare i problemi di salute che potrebbero impedirgli di svolgere attività familiari. Utilizzare strategie di coinvolgimento degli obiettivi significa anche trovare la motivazione per superare gli ostacoli invece di sprofondare nell'apatia o sentirsi impotenti.

Questo a sua volta porta alla necessità di strategie di autoprotezione per far fronte allo stress che può venire con i cambiamenti della vita. Riconoscendo la differenza tra obiettivi raggiungibili e irraggiungibili, gli adulti più anziani possono prepararsi mentalmente a gestire il disagio emotivo, sia rassicurandosi sulla propria capacità di raggiungere obiettivi realistici o "liberandosi" da obiettivi che non sono più raggiungibili. Man mano che le persone invecchiano, accettare limitazioni fisiche e imparare a compensarle può essere una parte importante del vivere bene, anche con malattie croniche.

Ad esempio, gli anziani che sviluppano gravi problemi cardiaci possono avere paura di impegnarsi in qualsiasi tipo di sforzo fisico, compreso il sesso, per paura che ciò accada. Imparare ad accettare questi limiti e trovare modi per aggirarli, sia che si tratti di iniziare nuovi hobby meno faticosi o di trovare nuovi modi per fare attività divertenti può essere una parte importante del rimanere attivi. Insieme all'apprendimento per raggiungere gli obiettivi relativi alla salute, è anche essenziale superare la bassa autostima e le sensazioni di depressione che possono portare a diventare più isolati.

Nel complesso, il tipo di strategie di controllo che utilizziamo cambierà nel tempo e la nostra capacità fisica di gestire ciò che ci sta accadendo. Può anche significare la differenza tra una vita attiva e l'affondamento in isolamento. Ma come saranno queste strategie? Un nuovo studio di ricerca pubblicato sulla rivista Health Psychology presenta i risultati di uno studio longitudinale di otto anni che esamina il legame tra malattia cronica e sentimenti di solitudine negli anziani. Condotto da Carsten Wrosch della Concordia University e da un gruppo di colleghi ricercatori, lo studio ha utilizzato le informazioni tratte dallo studio di invecchiamento e salute di Montreal (MAHS).

A partire dal 2004, il MAHS ha studiato duecentoquindici adulti, di età superiore ai sessant'anni, per apprendere come affrontano i problemi comuni legati all'età. Lo studio è stato condotto con valutazioni ripetute ogni due anni, dal 2004 al 2012. A causa dell'abbandono di persone a causa di problemi di salute o per altri motivi, solo centoventuno partecipanti sono stati inclusi nell'analisi finale. In media, i partecipanti avevano settantun anni quando è iniziato lo studio. I partecipanti hanno completato questionari sulla solitudine, la salute, i fattori demografici e le scelte di vita. Sono stati misurati anche fattori di personalità come l'autostima, il nevroticismo e l'ottimismo.

Per misurare le strategie di controllo dell'impegno sanitario, i partecipanti hanno compilato un questionario con elementi quali: "Investisco il maggior tempo possibile per migliorare la mia salute"; "Quando decido di fare qualcosa per un problema di salute, sono fiducioso che lo raggiungerò ; "E" Quando un trattamento non funziona per un problema di salute che ho, mi sforzo di scoprire altri trattamenti. "Le strategie di autoprotezione relative alla salute sono state misurate attraverso articoli come" Anche se la mia salute è molto condizione difficile, posso trovare qualcosa di positivo nella vita; "" Quando mi trovo di fronte a un brutto problema di salute, cerco di guardare il lato positivo delle cose "e" Quando trovo impossibile superare un problema di salute, provo non dare la colpa a me stesso. "

Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che la percezione della solitudine è aumentata costantemente nel tempo e la maggior parte dei partecipanti ha riferito di avere almeno una malattia cronica. Entrambi questi risultati corrispondono a quanto riportato in precedenti studi di ricerca e suggeriscono che esiste una relazione diretta tra invecchiamento, solitudine e malattia cronica. Non sorprendentemente, la solitudine cronica era più alta per gli anziani con una storia di problemi di salute.

Anche se la tendenza verso una maggiore sensazione di solitudine quando invecchiamo sembra forte, specialmente se sviluppiamo anche problemi di salute cronici, è ancora possibile proteggerci. Sulla base dei risultati di questo studio, l'utilizzo di strategie di autoprotezione per far fronte ai problemi di salute sembra aiutare le persone con malattie croniche ad affrontare il disagio emotivo legato alla solitudine. Rivalppando le loro vite in modo positivo e riconoscendo di non essere responsabili della loro malattia, gli anziani possono adattarsi alle nuove minacce per la salute man mano che si presentano.

La rivalutazione positiva è particolarmente efficace nell'aiutare le persone a riconoscere di essere ancora in grado di godersi la vita nonostante i problemi di salute. Fornisce anche la fiducia necessaria per provare nuove cose e sviluppare nuovi hobby che possano aiutarli a rimanere socialmente attivi. Evitando di auto-incolpare, gli anziani possono anche proteggersi dalla depressione e dai sentimenti di impotenza che si vedono spesso nelle malattie croniche.

Mentre le strategie di autoprotezione sembrano efficaci nell'affrontare la solitudine, le strategie di impegno per la salute potrebbero non essere altrettanto utili. Tuttavia, le strategie di impegno per la salute possono anche svolgere un ruolo importante nella gestione della salute, anche se questo può cambiare nel tempo in quanto i problemi di salute diventano più gravi.

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che le strategie di autoprotezione possono funzionare bene nel frenare la solitudine anche quando sono state prese in considerazione le differenze di personalità, l'entità della disabilità effettiva o la depressione. Questi risultati dello studio possono avere importanti implicazioni sul modo in cui gli anziani con problemi di salute possono gestire la solitudine e la depressione. Dimostra inoltre la necessità di insegnare tecniche di coping efficaci per gestire i problemi psicologici legati alla convivenza con malattie croniche. Mentre molti anziani avvertono maggiori problemi nel benessere emotivo mentre invecchiano, imparare a vivere con inevitabili problemi di salute è la chiave per una vita lunga e produttiva.

Attualmente stiamo esaminando uno dei più grandi cambiamenti demografici della storia, con un americano su tre che ha cinquant'anni o più. Uno su otto americani ora è considerato "vecchio" e costituisce il 12,9 percento della popolazione totale. Entro il 2030, una persona su cinque avrà sessantacinque anni o più e il nostro sistema sanitario sarà teso al punto di rottura (e oltre) per prendersi cura di loro.

Con il crescente numero di adulti più anziani che vivono nella comunità, è più essenziale che mai esplorare diverse forme di allenamento psicologico per aiutarli a rimanere attivi il più a lungo possibile. Aiutare gli anziani a gestire la propria salute fisica ed emotiva rappresenta un investimento fondamentale per il futuro.

Solutions Collecting From Web of "Solitudine, malattia cronica e crescente età"