Soia e convulsioni

Il consumo eccessivo di soia è stato a lungo associato a ADD / ADHD, depressione, ansia, demenza e altri problemi di salute mentale. 1 Ora sembra che possa aggravare anche le crisi. Cara J. Westmark, PhD, e il suo team al Waisman Center for Developmental Disabilities presso l'Università del Wisconsin, Madison, non prendono pugni quando intitolano un articolo sul Journal of Alzheimer's Disease "La soia esacerba le crisi in modelli murini di malattia neurologica" e avvertire , "Questi risultati hanno importanti implicazioni per le persone con diete a base di soia." 2

L'americano medio, naturalmente, non descrive la sua dieta come "a base di soia", ma gli ingredienti di soia si trovano in oltre il 60% di alimenti confezionati e lavorati e quasi il 100% di alimenti veloci. 3 La moda vegetale basata sulla dieta ha inoltre incoraggiato molti americani attenti alla salute a sostituire i prodotti a base di soia sia per la carne che per i latticini. Sebbene i prodotti animali sembrino essere "senza soia", la maggior parte delle uova commerciali, alimentari e di alimenti per la salute contengono uova di isoflavoni residui provenienti da alimenti a base di soia. 4

I neonati con la formula di soia – attualmente circa il 25% dei bambini nutriti in bottiglia secondo l'American Academy of Pediatrics – sono a dieta a base di soia perché raramente ricevono qualcos'altro da mangiare, un fatto che ha portato il ministero israeliano della sanità, l'Agenzia francese per i prodotti alimentari, Istituto tedesco di valutazione del rischio e Associazione dietetica britannica per avvertire genitori e pediatri che la formula di soia potrebbe mettere a repentaglio lo sviluppo del cervello e del corpo e dovrebbe essere utilizzata solo come ultima risorsa. 5,6

Un'altra popolazione prigioniera è prigioniera. La Weston A. Price Foundation sta facendo causa allo stato dell'Illinois a nome di prigionieri che hanno subito danni devastanti ai loro tratti digestivi e tiroide a causa di una dieta a base di soia in media di 100 g di prodotti a base di soia al giorno, con un contenuto di fitoestrogeni di circa 100 mg. 7

Il livello di convulsioni si verifica tra l'attuale popolazione carceraria dell'Illinois è sconosciuta. Tuttavia, uno studio del 1978 in JAMA ha riportato disturbi convulsivi all'1,9% tra i prigionieri dell'Illinois, tre volte il livello riscontrato nella popolazione generale. 8 Sebbene i prigionieri negli anni '70 potessero essere risparmiati dagli estremamente elevati 100 grammi di proteine ​​di soia servite oggi, hanno probabilmente sopportato alimenti economici come hamburger e altre razioni con granella di soia, proteine ​​di soia testurizzate e farina di soia. Non è noto se la soia sul menu abbia causato una percentuale così alta di crisi. Prigionieri, dopo tutto, potrebbero aver sofferto per anni di danni neurologici che hanno portato a tendenze violente, crimine e incarcerazione. Indipendentemente dal fatto che fossero già individui predisposti al sequestro o meno, la ricerca di Westmark e altri suggerisce che la loro dieta a base di soia avrebbe potuto solo peggiorare le cose.

Coloro che pensano che le convulsioni siano rare e accadano solo ad altre persone, devono ripensarci. Secondo il dott. Westmark, un americano su dieci sperimenterà un attacco durante la loro vita. 9 Secondo la Mayo Clinic, le convulsioni possono derivare da molti disturbi che interessano il cervello. Il più noto è l'epilessia, una malattia caratterizzata da convulsioni, ma le convulsioni possono significare disturbi metabolici come l'ipoglicemia o livelli pericolosamente alti o bassi di sodio, calcio, magnesio o acqua. Le convulsioni possono anche essere scatenate da lesioni cerebrali, infezioni come meningite, tumori, lupus, ictus e febbre alta. 10 In molti casi, la causa dei sequestri è sconosciuta e i meccanismi molecolari sottostanti che avviano e propagano le crisi non sono ben compresi. " 11

I pazienti con malattia di Alzheimer, sindrome di X fragile, sindrome di Down e autismo sono particolarmente suscettibili alle crisi, 12 e il focus di molte ricerche al Waisman Center of Developmental Disabilities è stato sulla miriade di modi in cui la droga, la dieta e la manipolazione genetica possono influenzare la beta amiloide livelli, soglia convulsiva e fenotipi comportamentali. 13 In un editoriale intitolato "Elaborare la giusta dieta per la salute del cervello", pubblicato lo scorso dicembre in Translational Medicine, il dott. Westmark ha espresso preoccupazione per i rischi della soia: "L'opinione prevalente è che la soia è sana, ma resta ancora molto da imparare sui suoi effetti sullo sviluppo e sulla funzione del cervello. "Ha inoltre avvertito:

"C'è una scarsità di studi sugli effetti dei fitoestrogeni sullo sviluppo fetale e della prima infanzia; tuttavia, il venticinque per cento delle formule per lattanti si basa sulla proteina di soia. Considerando il peso corporeo, questi bambini ricevono 6-11 volte la dose di fitoestrogeni necessaria per esercitare effetti simili agli ormoni negli adulti. Ci sono cambiamenti epigenetici associati a una dieta a base di soia nelle scimmie che suggeriscono il potenziale di alterare notevolmente l'espressione genica. Abbiamo osservato tassi di crisi significativamente più elevati nei modelli murini di malattia di Alzheimer, sindrome dell'X fragile e sindrome di Down quando i topi giovani sono nutriti con una dieta a base di soia. I nostri dati suggeriscono che le formule per lattanti a base di soia possono abbassare la soglia delle crisi, in particolare nei bambini geneticamente predisposti ai disturbi dello sviluppo. Quindi, comprendere gli effetti negativi dei fitoestrogeni di soia e l'assunzione modulante durante la gravidanza e l'infanzia potrebbe prevenire il danno neurologico durante i periodi critici dello sviluppo sensoriale. " 14

La cosa più sorprendente di questa ricerca è che i topi nutriti con una dieta raffinata a base di caseina mostravano "diminuzione della beta amiloide e tassi di crisi attenuati". La caseina è una proteina del latte frazionata che è elevata nella metionina aminoacidica e gravemente deficitaria in cisteina. Ha un profilo nutrizionale così basso che l'industria della soia lo ha trovato un "controllo" affidabile da utilizzare negli studi in cui l'intento è quello di rendere la soia bella. Infatti la ricerca giapponese presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Shizuoka in Giappone ha dimostrato che la caseina aumenta significativamente i livelli di colesterolo totale e abbassa i livelli di HDL rispetto ad altre proteine. 15,16 Di conseguenza, la maggior parte degli studi utilizzati a sostegno della dichiarazione di salute della soia / malattia cardiaca 1999 della FDA sono profondamente errati a causa dell'uso routinario della caseina come controllo. 17 Nel caso della ricerca fatta al Waisman Center, i ratti nutriti con un chow composto da caseina, zucchero e amido di mais ne uscivano in cima, ei dati indicavano chiaramente che "gli isoflavoni di soia sono associati a una minore soglia di crisi". Diete ridotte convulsioni in più linee di topi allevati per malattie in cui sarebbero soggetti a convulsioni.

Per verificare l'ipotesi che gli isoflavoni della soia promuovessero le convulsioni, i ricercatori hanno deciso di dar da mangiare ad alcuni dei topi che erano integrati con genisteina e / o daidzeina, i due isoflavoni trovati nella più alta quantità di soia.

Dopo soli tre giorni di trattamento con lo standard di proteine ​​di soia, il gruppo di topi "Alzheimer's disease" allevati appositamente ha risposto con "corsa selvaggia" e convulsioni audiogeniche. 18

In parole povere, le convulsioni audiogeniche sono convulsioni provocate dal suono di un allarme. "Wild running" si riferisce a uno stile di controllo fuori controllo che progredisce fino alla perdita del riflesso di raddrizzamento, all'estensione degli arti posteriori tonica e ad altri segni di sequestro, spesso seguita dalla morte. I "riflessi raddrizzanti" portano il corpo in una posizione normale nello spazio e resistono alle forze che agiscono per sostituirlo. Permettono all'animale di orientarsi e riacquistare il suo equilibrio. I topi che non muoiono a causa delle convulsioni riguadagnano il riflesso radicale e appaiono normali entro pochi minuti.

I ricercatori hanno identificato la daidzeina come componente della proteina di soia che ha provocato un forte fenotipo selvaggio nei topi wild type – cioè topi normali come si trovano in natura. Tre giorni di consumo di cibo arricchiti con daidzeina hanno causato un sacco di corsa selvaggia, ma nessun aumento statisticamente significativo delle crisi. Al momento, i ricercatori non hanno identificato altri componenti trovati nella proteina di soia che lavorano in tandem con la daidzeina per innescare la progressione in crisi e morte. Per quanto riguarda i topi di Alzheimer, le proteine ​​della soia aumentavano le convulsioni, ma la daidzeina no, anche se c'era una forte tendenza ad aumentare la corsa selvaggia nelle femmine. 19

È interessante notare che la daidzeina, ma non la genisteina, ha portato ad un aumento della "corsa selvaggia". I cheat non soia arricchiti con genisteina o la combinazione di genisteina e daidzeina, non sono riusciti a provocare crisi nel topo selvatico o nei topi della malattia di Alzheimer. In effetti la genisteina potrebbe aver contrapposto ciò, 20 una scoperta che sicuramente porterà l'industria della soia a dare una svolta positiva allo studio con un titolo come "la genisteina della soia blocca le convulsioni".

Per comprendere il meccanismo alla base dell'attività della soia isoflavone daidzeina, i ricercatori hanno eseguito esperimenti in vitro in cui "hanno valutato l'espressione di AβPP dendritica in neuroni di tipo primario, coltivato, selvatico trattati con daidzeina o genisteina" e "hanno trovato alterata espressione di AβPP". ha concluso che sia i risultati in vivo sia quelli in vitro "hanno importanti implicazioni per gli individui su stampi a base di soia e per il modello di roditore." 21

È anche estremamente interessante il fatto che daidzein da solo sembra aver causato i sequestri e aumentato l'elaborazione di Aß. Secondo il neurochirurgo e esperto di eccitotossina Russell Blaylock, MD, "questo è un meccanismo non correlato all'eccitossicità"   sebbene sia possibile "la daidzeina può innescare l'eccitotossicità indirettamente, ad esempio attivando la microglia". 22 Gran parte della ricerca mostra che le convulsioni sono generate da MSG e altre eccitotossine, che sono ampiamente presenti nei moderni prodotti a base di soia. Il glutammato, ad esempio, è stato creato come sottoprodotto dei metodi di lavorazione industriale utilizzati per produrre isolati proteici di soia e altri prodotti proteici frazionati. Inoltre, i produttori di alimenti spesso aggiungono MSG – spesso nascosto sotto lo pseudonimo di "aroma naturale" – per migliorare il gusto e l'olfatto. 23 Tuttavia, ciò vale anche per i metodi di produzione utilizzati per produrre prodotti caseinati di degustazione accettabili.

In termini di controllo delle crisi, sembrerebbe utile ottimizzare il rapporto daidzeina a genisteina nei mangimi di soia e negli alimenti a base di soia, ma è più facile a dirsi che a farsi. Il contenuto di isoflavoni varia molto da un gruppo di semi di soia a un altro, con grande disappunto dell'industria della soia, che ritiene che non sia in grado di minimizzare i rischi o massimizzare i presunti benefici. La previsione del contenuto di isoflavoni rimane inafferrabile perché i livelli sono influenzati da molti fattori, tra cui l'anno raccolto, la posizione geografica, il numero di ore di luce, temperatura, umidità, pioggia, fertilizzanti, tipi di agenti patogeni e la risposta della pianta all'attacco o alla malattia. 24

L'importanza della ricerca sulla dieta e le convulsioni non può essere sopravvalutata. Westmark ed altri forniscono figure che fanno riflettere: le convulsioni si verificano insieme al morbo di Alzheimer nel 10-22% dei pazienti; Sindrome X fragile, dal 18 al 23 percento; Sindrome di Down, 8 percento; autismo, dal 21 al 38 per cento; e trauma cranico, 53 percento. " 25

Ampliando l'avvertimento del Dr. Westmark in Translational Medicine sui rischi di diete ad alto contenuto di soia durante la gravidanza, l'infanzia e la prima infanzia, lo studio attuale include questo avvertimento:

"L'elevata esposizione ai composti estrogenici durante lo sviluppo fetale e della prima infanzia attraverso prodotti alimentari a base di soia potrebbe interrompere la funzione degli ormoni steroidei naturali e contribuire all'elevata incidenza di convulsioni associate a molti disturbi neurologici dell'infanzia, inclusi autismo e FXS (sindrome dell'X fragile ). Comprendere il ruolo dei costituenti della soia, come la daidzeina, sulla sintesi di AβPP (precursore della proteina amiloide-β) e sul metabolismo e la modulazione dell'assunzione durante la gravidanza e l'infanzia potrebbe ridurre l'incidenza delle crisi e prevenire il danno neurologico. " 26

Westmark e altri segnalano inoltre lavori in corso in cui i dati – ancora non pubblicati – indicano una maggiore incidenza di convulsioni febbrili in bambini autistici alimentati con la formula a base di soia. 27

L'attuale studio indica che sono necessarie ulteriori ricerche e conclude con "Così, una comprensione più chiara dei fattori ambientali, come la soia, che modulano i livelli di AβPP sinaptici può fornire un intervento dietetico per ridurre i livelli di Aβ e le convulsioni." 27

Cosa fare nel frattempo? Quelli abbastanza intelligenti da valutare la salute del loro cervello diranno "meglio prevenire che curare" e taglieranno la via alla soia!

* * * * *

Grazie a Sylvia Onusic PhD per l'assistenza alla ricerca.

Note finali

1. Daniel, Kaayla T. The Whole Soy Story: Il lato oscuro del cibo salutare preferito in America (Washington DC, New Trends, 2005) 251-258, 307-308, 355, 371-372.

2. Westmark CJ, Westmark PR, Malter JS. La dieta a base di soia esacerba le convulsioni nei modelli murini di malattie neurologiche. J Alzeimers Dis. 3 ottobre 2012 [Epub ahead of print]

3. Daniel 287-292.

4. Daniel, Kaayla T. The Soy-ling of America: soia di seconda mano nei mangimi per animali

http://www.wholesoystory.com/soy-ling-of-america-second-hand-soy-from-animal-feeds/

Questo articolo può essere trovato anche su www.westonaprice.org e www.farmtoconsumer.org.

5. Per ulteriori informazioni sugli avvertimenti di Israele, Francia e Germania:

http://www.wholesoystory.com/israeli-health-ministry-issues-soy-warning/

http://www.wholesoystory.com/french-government-to-require-warning-labels-on-soy-foods/

http://www.wholesoystory.com/german-consumer-watchdog-organization-warns-citizens-about-the-dangers-of-soy-infant-formula-and-soy-isoflavone-supplements/

6. Daniel, Kaayla T. The Whole Soy Story , 353-354.

7. Per ulteriori informazioni sulla causa:

http://www.westonaprice.org/press/experts-denounce-high-soy-diet-of-illinois-prisoners

www.westonaprice.org/press/soy-in-illinois-prisons-case

www.westonaprice.org/press/press-release-2008nov18]

www.westonaprice.org/press/press-release-2009jul13

www.westonaprice.org/press/judge-gives-green-light-to-soy-lawsuit.

8. Lambert NK, Young QD. Aumento della prevalenza di disturbi convulsivi tra i detenuti. JAMA , 1978; 239 (25); 2674-2675. doi: 10.1001 / jama.1978.03280520046016.

9. Westmark et al.

10. www.mayoclinic.com/health/epilepsy/DS00342?

11. Westmark et al.

12. Westmark et al.

13. http://www.waisman.wisc.edu/people/pi/Westmark_Cara.html

14. Westmark, Cara J. Editoriale: Elaborazione della giusta dieta per la salute del cervello. Translational Medicine, 2011, 1: 3. http://dx.doi.org/10.4172/2161-1025.1000106e

15. Sugiyama K, Ohkawa S, Muramatsu K. Rapporto tra la composizione di aminoacidi della dieta e il livello di colesterolo plasmatico nei ratti in crescita alimentati con una dieta ricca di colesterolo. J Nutri Vitaminol (Tokyo), 1986, 2, 4, 413-433.

16. Sugiyama K, Muramatsu KJ Significato della composizione aminoacidica delle proteine ​​alimentari nella regolazione del colesterolo plasmatico. Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 1990, 36 Suppl 2: S105-10.

17. La Weston A. Price ha presentato una petizione di 65 pagine alla FDA, chiedendo all'agenzia di ritirare la dichiarazione di soia / salute cardiaca del 1999, scritta da Kaayla T. Daniel, PhD, e firmata da Kilmer S. McCully MD, Mary G Enig, PhD, Galen D. Knight PhD e Sally Fallon Morell, presidente della Weston A. Price Foundation. È disponibile online all'indirizzo: www.westonaprice.org/soy-alert/soy-heart-health-claim.

18. Westmark et al.

19. Westmark et al.

20. Westmark et al.

21. Westmark et al.

22. Email da Russell Blaylock, MD, a Kaayla T. Daniel, PhD, 7 ottobre 2012.

23. Daniel, l' intera storia della soia, 128.

24. Daniel, The Whole Soy Story, 295-299.

25. Westmark et al.

26. Westmark.

27. Westmark et al.

Solutions Collecting From Web of "Soia e convulsioni"