Sogni e narrativa

Molti di noi vivono i sogni come storie. In un sogno noi (i sognatori) facciamo tipicamente qualcosa con qualcuno per raggiungere un obiettivo desiderato ma inafferrabile. C'è uno sforzo per raggiungere l'obiettivo, c'è un cast di personaggi che interagiscono rispetto all'obiettivo, ci sono eventi che accadono, ci sono ostacoli che impediscono il raggiungimento degli obiettivi e c'è spesso un punto culminante quando gli ostacoli vengono superati e quindi la storia raggiunge la risoluzione o una fine. I sogni sono molto simili alle storie – o almeno i resoconti dei sogni sono molto simili alle storie.

Gli scettici riguardo al contenuto dei sogni sembrano sostenere che la struttura della trama che vediamo associata ai sogni proviene dalla memoria su cui si basa il rapporto onirico e non dall'esperienza del sogno stesso (eg Dennett, 1981). Ma i dati empirici riguardanti i modelli ricorrenti del contenuto del sogno suggeriscono che questo non può essere il caso. Ad esempio, uno studio empirico su migliaia di resoconti dei sogni mostra che quando nel rapporto si presentano estranei, è molto più probabile che l'aggressività fisica compaia nel rapporto. Può un modello del genere venire dalla segnalazione dei sogni? Dovremmo postulare che la memoria stessa abbia questo tipo di schema immaginario? Perché questo schema si verifica solo quando la memoria riporta un sogno? Se il modello è intrinseco alla memoria, perché non si verifica quando la memoria riporta gli eventi di risveglio di ieri? La spiegazione più ragionevole per la comparsa di modelli di contenuto ricorrenti nei sogni è che il rapporto riflette fedelmente il sogno e che i sogni sono in realtà esperienze reali. Anche studi di neuroimaging del cervello del sogno supportano questa conclusione. Sarebbe davvero sorprendente se l'individuo non sperimentasse nulla in associazione con i pattern di attivazione cerebrale diffusi che vediamo associati a REM. Concludiamo che i sogni sono esperienze che molto spesso appaiono sotto forma di storie. Quindi possiamo imparare qualcosa sui sogni esaminando la natura delle storie.

Molte migliaia di indagini empiriche sul contenuto dei sogni in genere supportano la struttura narrativa dei resoconti dei sogni, sebbene la struttura della storia non sia sempre lineare o incontaminata o progressista. Metalepses (dove si ottiene un'interruzione di una storia per iniziare un'altra storia, una storia all'interno di una storia) abbondano; anche le trasformazioni dei personaggi sono comuni e così via. Ma, curiosamente, tutti questi bizzarri fenomeni borderline nei sogni sono ben noti fenomeni nella letteratura e nei generi narrativi (ad es. Film, fumetti, romanzi, ecc.).

Molti teorici dei sogni e molti teorici della narrativa hanno sottolineato che sia i sogni che le narrazioni mostrano la logica peculiare in cui l'ascoltatore del sogno o di una narrazione assume una posizione interpretativa verso il "testo". C'è l'anticipazione paradossale di un sentimento di retrospezione / ricordo dopo aver ascoltato la storia. C'è sia prolepsis nella forma di anticipazione di riflettere in seguito sulla storia e un analepsis nella forma di revisione retrospettiva della storia … in realtà l'interprete anticipa quella revisione retrospettiva o posizione interpretativa verso il sogno.

Questa posizione interpretativa nei confronti dei sogni non è solo dovuta a Freud. Le culture di tutto il mondo sono impegnate nell'interpretazione dei sogni. È un fenomeno molto comune. Quando le persone ascoltano i sogni sentono narrazioni che "vogliono" o hanno bisogno di essere interpretate.

La struttura narrativa dei sogni può anche conferire ai sogni molte delle caratteristiche comuni dei sogni. Le storie richiedono uno svolgimento temporale dell'azione, un eroe in una fessura "agente", personaggi interagenti che subiscono la trasformazione in altri personaggi e tutti hanno relazioni asimmetriche con l'eroe. C'è un inizio, un climax e una risoluzione. Date tutte queste caratteristiche derivate dalla storia dei sogni, forse gli scienziati interessati ai sogni dovrebbero studiare i fenomeni narrativi prima di tentare di comprendere i sogni!

Ma anche se concedessimo che molti sogni mostrassero la struttura narrativa e che a causa di quella struttura i sogni gridassero per l'interpretazione … cosa ci dice della natura e della funzione dei sogni? Penso che il minimo suggerisca che i sogni debbano portare dentro di sé una spinta a essere interpretati sia dal sognatore stesso che dagli altri. Pertanto, i sogni sono spesso condivisi con altri nelle culture tribali pre-moderne. In virtù della loro struttura narrativa, i sogni devono essere dispositivi o segnali comunicativi i cui obiettivi sono il sé di veglia e gli altri membri del gruppo sociale. Questa natura sociale dei sogni è stata spesso notata ma raramente studiata. È tempo di inserire la natura sociale dei sogni nell'agenda della ricerca.

Dennett, Daniel (1981). "Sono esperienze di sogni?" Brainstorms: saggi filosofici su mente e psicologia. Brighton: Harvester P, 129-48.

Kilroe, Patricia (2000). "Il sogno come testo, il sogno come narrativa". Sognando 10.3, 125-37.

Montangero, Jacques, Dreams sono simulazioni narrative di episodi autobiografici, non di storie o copioni: una recensione. Dreaming, Vol 22 (3), Sep 2012, 157-172.

Stati, Bert O. (1993). Sognare e Storytelling. Itaca e Londra: Cornell UP.

Walsh, Richard (2010). "Teoria del sogno e della narrativa". FL Aldama et al. (a cura di). Verso una teoria cognitiva degli atti narrativi. Austin: U of Texas P, 141-57.

Solutions Collecting From Web of "Sogni e narrativa"