Sogni e memoria

Perché sogniamo? Nella ricerca scientifica per comprendere le potenziali funzioni dei sogni, molti ricercatori hanno proposto che i sogni possano essere importanti per la memoria, ma pochi hanno presentato prove empiriche convincenti per tale legame. Mi sembra ragionevole supporre che esista un collegamento dato che entrambi gli stati di sonno principali partecipano all'elaborazione della memoria. È del tutto possibile che i meccanismi cerebrali che mediano l'elaborazione della memoria possano anche produrre contenuti cognitivi che riflettono o partecipano a quell'elaborazione della memoria. Ma ancora una volta i dati che parlano direttamente della questione non sono ancora li per quanto posso dire.

Alcuni team investigativi hanno dimostrato che è possibile identificare vari tipi di frammenti di memoria in entrambi i sogni REM e NREM, ma dimostrare che i contenuti del sogno contengono frammenti di memoria è ben lontano dalla dimostrazione di un ruolo funzionale per i sogni nell'elaborazione della memoria. Non abbiamo modo di dire se la dimostrazione che i frammenti di memoria si verificano nei sogni sia una scoperta banale o meno. Dopo che tutti i frammenti di memoria si sono verificati anche nella coscienza di veglia, quindi trovare frammenti di memoria nei sogni potrebbe non dirci niente di speciale sui sogni di per sé.

Inoltre, è difficile dire se i sogni possano usare qualsiasi altro tipo di contenuto mentale oltre ai ricordi per "comporre" una narrazione onirica. Sarebbe quindi sorprendente se non trovassimo frammenti di memoria nei sogni. La loro presenza nei sogni è una semplice conseguenza del fatto che i frammenti di memoria devono essere onnipresenti in tutte le forme di elaborazione cognitiva. Dove può andare il sistema cognitivo per ottenere contenuti mentali se non immagazzina memoria? Anche se i sogni fossero, come sosteneva Freud, i desideri / desideri futuri (non passati), i sogni avrebbero ancora bisogno di attingere ai depositi di memoria per costruire contenuti mentali. Quindi il fatto che i frammenti di memoria si verifichino nei sogni potrebbe essere solo un banale prerequisito per la costruzione di qualsiasi contenuto mentale.

Nello sforzo di chiarire il ruolo, se esiste, dei sogni nell'elaborazione della memoria, sarebbe d'aiuto se il campo degli studi sui sogni avesse una teoria sui ruoli logicamente possibili che i sogni potrebbero svolgere nell'elaborazione della memoria. Una tale teoria ci permetterebbe di valutare meglio il ruolo dei frammenti di memoria nel sistema dei sogni e nei sistemi di memoria. Con una tale teoria potremmo valutare i dati disponibili sul problema e identificare quale tipo di dati abbiamo bisogno per far avanzare l'intero campo.

Nel numero di dicembre della rivista Behavioral and Brain Sciences (Behav Brain Sci. 2013 Dec; 36 (6): 589-607. doi: 10.1017 / S0140525X12003135), Professor Sue Llewellyn della Facoltà di Lettere e Filosofia, Università di Manchester, Regno Unito , ha proposto proprio una teoria del genere. Lei deve essere elogiata per lo sforzo ed è un peccato che nessuno scienziato (me compreso) specializzato nello studio dei sogni abbia proposto una teoria del genere. Spesso ci vogliono "estranei" per spingere in avanti un'intera disciplina e spero che gli sforzi del Professor Llewellyn facciano proprio questo.

Llewellyn ha proposto un ruolo chiave per i sogni nella codifica elaborativa dei ricordi episodici durante il sogno di movimenti oculari rapidi (REM). Ha proposto che il sistema cognitivo in REM può essere proficuamente inteso come utilizzando i principi di arte antica della memoria (AAOM) per migliorare la memoria. Gli antichi usavano la visualizzazione, l'associazione bizzarra, il metodo di loci / organizzazione, la narrazione, l'incarnazione e altre tecniche associative per migliorare le loro memorie. Queste tecniche funzionarono certamente come gli studiosi concordano sul fatto che gli antichi esibivano prodigiose imprese di memoria. Operano nel sogno REM? Llewellyn la pensa così.

È plausibile che le reti di memoria episodiche interconnettano profusamente all'interno della corteccia creando così reti semantiche che operano su principi associativi. Llewellyn propone che questi creino giunzioni "punti di riferimento" omnidirezionali. Una scena di sogno REM viene trattenuta dall'ippocampo come indice e istanziata come giunzione nelle reti corticali nel sonno NREM di fase 2, impostando così piattaforme cognitive per la codifica della memoria durante i cicli di sonno REM-NREM. C'è molto di più alla teoria di quanto non suggerisca questo frammento, ma lo spazio preclude una dicussione dettagliata.

Quello che mi piace della teoria è che implicitamente sostiene che la codifica della memoria episodica deve in un certo senso dipendere dai sogni. Ma come hanno sottolineato diversi commentatori del documento di Llewellyn, non vi è alcuna chiara evidenza che la perdita di sogni si traduca in deficit di memoria. Il problema con le posizioni di questi critici è che è davvero difficile trovare persone che hanno perso completamente la capacità di sognare.

D'altra parte ora ci sono prove abbastanza buone che alcune persone che affermano di non aver mai sperimentato sogni, eppure i loro ricordi sono intatti. Allo stesso modo quando il sogno viene soppresso tramite l'uso cronico di alcuni antidepressivi, non c'è alcun effetto visibile sulla codifica della memoria. Quindi la giuria è ancora fuori sui legami tra memoria e sogni, ma la teoria di Llewellyn mette almeno la discussione di questi complessi argomenti saldamente sul tavolo degli scienziati dei sogni di tutto il mondo.

Solutions Collecting From Web of "Sogni e memoria"