Sognando nella terra dei morti

È possibile interagire con i propri cari persi nei sogni?

Mentre nel mio post precedente (letto su Lucid Nightmares qui) ho discusso l'argomento di affrontare la morte in un incubo da una prospettiva psicoanalitica, in questo post, vorrei esplorare se i sogni di morte potrebbero essere qualcosa di più di una semplice proiezione di profondità paure Ci sono stati casi in cui l'evidenza suggerisce che i sognatori hanno veramente contattato il defunto nei loro sogni, una scoperta che potrebbe costringerci a riconsiderare le attuali concezioni della coscienza e i confini tra la vita e la morte.

Devo innanzitutto riconoscere che molte relazioni sull'incontro con persone amate perse nei sogni suggeriscono un'interpretazione più convenzionale, che queste figure oniriche sono solo proiezioni, rappresentazioni lanciate dalla mente subconscia che può servire a uno scopo come quello di fornirci conforto o chiusura. Infatti, sognare una persona amata dopo la morte porta quasi sempre a una sensazione di pace o chiusura dopo l'esperienza (Wagoner, 2008, Capitolo 17, "Interagire con i defunti").

Nondimeno, altre consistenze tra le relazioni sono piuttosto sconcertanti da comprendere da un punto di vista psicoanalitico. Per esempio, in molti casi la figura del sogno si rivela essere molto più giovane e più sana di quando è morta, e può fornire consigli o avvertimenti al sognatore che preannuncia e assiste nei guai in arrivo. A volte il sognatore vede una versione del defunto che non avevano mai conosciuto nella vita reale, forse la figura del sogno indossa una pettinatura o un vestito insolito, che il sognatore più tardi trova per riflettere il loro vero carattere in giovane età.

È persino possibile raccogliere ricordi indiscutibili o dettagli della loro vita che non potrebbero altrimenti essere conosciuti (Wagoner, 2008). Tali resoconti mettono veramente in discussione la possibilità che qualche forma di vita, o coscienza, continui dopo la morte.

Una mia conoscente ha ricordato una serie di sogni che aveva avuto da bambina, in cui sua nonna (che morì prima di nascere) la visitò nel corso di diversi sogni. In ogni sogno, la nonna mostrava sempre la ragazza intorno alla casa di famiglia in cui era cresciuta sua madre (una casa che la ragazza non aveva mai visto), rivelando ogni stanza, i corridoi, gli armadi, tutte le camere da letto, persino gli armadietti sotto il lavandino. Inizialmente, la ragazza era troppo timida per portare questi sogni a sua madre, nonostante provasse un forte sentimento nei loro confronti. Tuttavia, qualche tempo dopo questa serie di sogni, la ragazza visitò la casa di famiglia e fu scioccata nello scoprire che molti dei dettagli dei suoi sogni corrispondevano perfettamente alla realtà della casa.

Quando ha raccontato questi sogni da allora in poi a sua madre, ha incontrato lacrime di gioia e calore. Sua nonna desiderava più di ogni altra cosa vivere abbastanza a lungo da incontrarsi e passare il tempo con i suoi nipoti. Forse questi sogni hanno fornito un modo per condividere i ricordi con la sua bambina anche dopo la morte.

Come outsider, è tentato di razionalizzare questa esperienza. Forse la ragazza aveva semplicemente costruito le immagini di sua nonna e della loro casa semplicemente dalle foto che aveva visto, o storie che aveva sentito da sua madre. Forse è stato solo dopo aver visto la casa nella vita reale che ha ricordato falsamente di sognare la stessa casa. Forse i sogni erano solo una proiezione delle ragazze che desiderano conoscere sua nonna. È possibile anche una visione epigenetica, che il reale trasferimento genetico della memoria sia passato di madre in figlia e riapparso nei suoi sogni. Tutte queste spiegazioni resistono e si contrappongono alla nostra opzione finale: che ha davvero incontrato la sua defunta nonna in un sogno. Inoltre, lo spazio del sogno è stato in qualche modo co-creato e condiviso da sua nonna.

Nelle mie osservazioni, ho scoperto che anche le persone più scettiche, una volta che hanno avuto tali esperienze, possono accettarle come vere interazioni con il defunto. La chiarezza emotiva e il senso di connessione nel sogno sembrano troppo reali per essere ignorati. Tuttavia, le implicazioni più ampie di tali esperienze sono raramente affrontate. La coscienza umana rimane in vita un "dove" dopo che il corpo è morto? È possibile che qualcuno di noi interagisca con il defunto? Potremmo visitare quelli che sono morti molto tempo fa?

In molte altre tradizioni culturali, la relazione tra i sogni e la morte è abbastanza comune. Ad esempio, il concetto tibetano di "bardo" è usato per definire sia il sogno che lo stato di coscienza dopo la morte. È descritto come uno "stato di esistenza" intermedio … dopo la morte e prima della prossima nascita, quando la coscienza di una persona non è connessa con un corpo fisico "(" Bardo ", Wikipedia). La pratica dello yoga del sogno, che è simile al sogno lucido e focalizzata sul mantenimento della consapevolezza durante lo stato di sogno, è quindi un mezzo per preparare allo stato transitorio che la coscienza entrerà dopo la morte.

Che i sogni siano simili alla morte è anche intrinseco alle pratiche dei sogni taoisti, che sono anche usati per prepararsi alla morte.

"Quando ti addormenti ogni notte, infatti, hai una piccola morte … Possiamo accogliere il sonno come un ritmo alternato con la veglia, e possiamo, in un certo senso, accogliere la morte come un ritmo alternato con la vita. La pratica della meditazione, il sonno e la morte hanno molto in comune. "(Charles Belyea, citato in Ochiogrosso, P., 1997)

Inoltre, sia ai praticanti tibetani sia a quelli taoisti viene insegnato a cercare vecchi maestri e buddha per insegnamenti mentre si trovano nello stato del bardo, interagendo nello spazio condiviso dai bardi dei sogni e della morte. Questo potenziale per i sogni di visita è spiegato come una questione di viaggiare nel tempo invece che attraverso lo spazio, come facciamo nella vita di veglia.

"[Là] sono posti nei sogni proprio come ci sono posti nella vita di veglia. La differenza è che quando arrivi sveglio, devi attraversare lo spazio, ma per arrivarci mentre dormi devi attraversare il tempo. "(Charles Belyea, citato in Ochiogrosso, P., 1997)

Mentre questi concetti possono sembrare estranei alla mente occidentale, è in corso una ricerca scientifica per esplorare idee più flessibili di coscienza; entrambi i legami temporali e fisici della coscienza con il corpo vivente e se qualche forma di consapevolezza continua dopo la vita sono stati messi in discussione (ne parlerò più in un prossimo post). Tale ricerca riflette un continuo cambiamento nella medicina occidentale da una visione della morte come improvvisa e definitiva, a quella della morte come processo graduale e fluido (Parnia, S., & Young, J., 2013).

Alla fine, indipendentemente dal fatto che ci avviciniamo a queste esperienze come sottoprodotti fenomenali di desideri subconsci, o veri viaggi nella terra dei morti, le profondità della mente e i limiti della coscienza sono a dir poco affascinante.

Riferimenti:

Ochiogrosso, P. (1997). Yoga da sogno. Nella rivista Yoga Journal.

Parnia, S., & Young, J. (2013). Cancellare la morte: la scienza che sta riscrivendo i confini tra la vita e la morte. Harper Collins.

Wagoner, R. (2008). Sognare lucido: porta verso l'io interiore. Red Wheel / Weiser.

Solutions Collecting From Web of "Sognando nella terra dei morti"