Soddisfazione garantita. . . O rimborsati!

Abbiamo ascoltato e letto quelle parole per così tanti decenni che sembrano inseparabili, uniti da travi d'acciaio. Nel cuore della notte della scorsa settimana ero quasi addormentato, ma non ero riuscito a spegnere la televisione. Ero in quello stato sognante in cui la realtà e la fantasia si sposavano a vicenda e potevano "incasinare la testa". Sullo sfondo c'era la voce di un narratore infomercial che offriva ciò che volevo … o i miei soldi indietro. Ho sobbalzato. Se avessi fatto la chiamata nei prossimi dieci minuti avrei ottenuto più dell'offerta originale e lui mi ha garantito la mia piena soddisfazione. Ero stordito Quando ero completamente sveglio, mi resi conto che era solo un passo per un prodotto e non un messaggio rivolto a me personalmente. L'uomo in televisione non aveva niente a che fare con i miei pensieri segreti o desideri personali. Non è stato il coraggio di chiamare qualcuno con la promessa corazzata di un risultato positivo se l'avessi fatto. Quando ho realizzato l'estensione della mia confusione mentale, ho riso e ho fatto una risoluzione per l'anno nuovo per spegnere il televisore prima.

Al mattino, ho considerato quanto fosse onnipresente la nostra cultura del consumatore "soddisfatta", e abbiamo fatto un altro passo avanti. È quello che ci aspettiamo anche nella vita? Credo che tutto ciò che voglio diventerà realtà e, in caso contrario, qualcuno mi dirà come richiedere un rimborso completo? Posso riscattare i miei coupon deluxe extended-life e riprovare? Quale rimborso dovrei richiedere? Sarebbe vivere per più settimane o mesi o anni? Ho diritto a ricevere pedine per avere maggiori possibilità di prendere decisioni e scelte migliori nelle carriere, nelle amicizie e nelle relazioni personali? Credo, da qualche parte nel profondo, che mi meriti almeno una piccola ricompensa a causa di una malattia che dura tutta la vita? Sto aspettando scuse con risarcimento da parte di qualcuno che mi ha ferito, deluso o tradito?

La tecnologia offre gratificazione personale e risultati professionali in modo rapido o immediato. Effettuiamo acquisti online; alcuni di noi cercano un coniuge o un compagno online. Scriviamo messaggi intimi online; seguiamo ciò che i nostri amici stanno facendo su Facebook o leggiamo su emozioni o azioni fugaci su Twitter. Come scrittore, posso fare ricerche online grazie all'accesso alle librerie digitali, che è ciò che rende ancora possibile una carriera professionale quando non ci si sente bene. Non so se il banchetto virtuale del XXI secolo di soddisfazione e ricompensa istantanea ci abbia reso più impazienti l'uno con l'altro e con noi stessi – forse siamo più esigenti della perfezione in tutte le nostre interazioni? Quello che sospetto è che vale la pena il tempo necessario per contemplare le domande. Siamo una civiltà in cerca di realizzazione irrealistica, personale, economica e professionale? Fissiamo la barra delle aspettative così in alto che molti di noi non saranno mai in grado di cavarsela?

Il dott. Michael Gutstadt, uno psicologo (e amico d'infanzia) è preoccupato per una maggiore spinta comunitaria per ottenere soddisfazione o gratificazione immediata e quale potrebbe essere la crescente incapacità psichica e spirituale di valutare pienamente ciò che accade nel presente. Lo ha articolato in poche parole. "Sempre la caccia ardente per il domani perfetto, ma quasi mai il pieno apprezzamento del significato del bene oggi." La sua osservazione è stata fatta nel contesto di comprendere i diversi modi in cui le persone definiscono la contentezza. Cosa significa essere contenti nelle nostre vite, nei nostri luoghi di lavoro, nelle nostre case, nei nostri corpi, nelle nostre relazioni? Tendiamo ad equiparare la contentezza con la noia o la paralisi psicologica?

Non conosco le risposte a queste domande ma mi affliggono durante le festività natalizie. A causa della mia salute imprevedibile, spesso non riesco a partecipare a feste "normali". Quest'anno non ha fatto eccezione. Sono contento di ciò che posso fare invece di essere irritabile e infelice su ciò che non sono in grado di fare? No non sono. È una confessione difficile da scrivere qui, quando insisto che è possibile vivere al di sopra, al di là e nonostante le malattie croniche o le sfide fisiche. Credo ancora che sia, e provo a praticare quel modo di essere, di esistere. Tuttavia, le vacanze sono difficili e stressanti con o senza limitazioni fisiche o mediche. Appaiono così tante aspettative e richieste percepite. Ci sono infiniti compiti e obblighi pronti e desiderosi di schiaffeggiarli mentre galleggiano nell'aria sopra di noi sotto forma di richieste e commenti da parte di amici, colleghi, familiari e il rumore incessante del clamore mediatico. È facile cadere nella trappola di cercare di fare tutto in modo impeccabile, in modo da non deludere nessuno durante quello che dovrebbe essere un momento gioioso. Quando raggiungiamo la metà di Capodanno, molti di noi sono convinti che nessuno riuscirà mai a ottenere ciò che lui o lei desidera veramente o sarà mai soddisfatto. – Meno di tutti quelli di noi che si sono assunti troppo e poi non sono riusciti a trovare un modo per uscire prima che l'esaurimento e il risentimento ci sommergessero e spirassero gli spiriti. Se parliamo sinceramente: "Mi dispiace non sono in grado di farlo", può essere interpretato erroneamente come fallito o essere egoista e / o pigro

La frase consumata e stanca Soddisfazione completamente garantita è solo una mitologia e lo sappiamo, la maggior parte delle volte. Tranne che nel mezzo della notte che vive nella nostra televisione, la maggior parte di noi non pretende che possiamo fornirlo, almeno non quando siamo riposati e lucidi. Tuttavia, se non ascoltiamo la nostra voce interiore, creiamo situazioni in cui è probabile che si verifichi un errore interpersonale. Una garanzia certificata non viene spillata ai nostri certificati di nascita. Quando troviamo il modo in cui comporre gli anni che ci vengono dati, apprendiamo abbastanza velocemente che la vita che abbiamo programmato o immaginato spesso è molto lontana da ciò che avevamo sperato o ipotizzato.

A volte ci comportiamo come se fossimo stati truffati o truffati. Dentro siamo agitati e agitati che non ha funzionato nel modo in cui funziona nei film di Hollywood sempre felici e in eterno. La conversazione interna scherma la realtà: cosa sta succedendo qui? Ci deve essere un errore; qualcosa è andato storto. Perché non ho capito tutto? I miei sogni e le mie fantasie non passavano dalla porta principale e si presentavano. Quando colpiamo una brutta zona di disperazione e scendiamo nell'autocommiserazione, non siamo diversi dai personaggi delle favole di serie – aspettando che la scarpetta di vetro si adatti solo al nostro piede o al genio di saltare dalla bottiglia per esaudire i nostri precisi desideri. Possiamo essere indignati per la nozione stessa di far fronte alle delusioni, come se non fossero eventi naturali nel ciclo di vita. E francamente, dubito che ogni richiesta di rimborso fatta in televisione sia vera o facile da attuare.

Il compianto John Wallowitch era un vicino e un amico, ma più precisamente, era un cantautore e un cabarettista. Ha scritto migliaia di canzoni (letteralmente). Ma è uno in particolare che mi ferma completamente. C'è una semplicità ingannevole nei testi. Questa canzone racconta la pura verità sulle garanzie. – È importante imparare a ricevere e riconoscere la soddisfazione nel tempo presente. – È l'unica garanzia che solo noi abbiamo il pieno potere di emettere. Non posso fare a meno di chiedermi cosa succederebbe alla nostra cultura e al mondo se volessimo astenerci dal tenere i registri mentali delle nostre delusioni e aspettative ridotte e invece lavorassimo ad apprezzare quel bene oggi – invece di ossessionare l'idealizzato (e romanticizzato) inafferrabile futuro siamo convinti che dobbiamo assolutamente raggiungere – o altro.

Questo momento

Parole e musica di John Wallowitch

Ci vuole una vita per capire cos'è la vita

E la vita è tutto, questo momento.
Sono qui con te, prima che finiamo

Quale segreto diremo?

Imparo a conoscerti bene, questo momento.
Quanto presto, troppo presto, le ore volano.

Sento che il tempo passa tra-

Non farò finta che il tempo sia stato mio amico.
Porto la mia canzone per cantare la mia canzone per te

Fino alla fine.

E mentre vivo le mie giornate,

Conterò i modi meravigliosi

Questo mi ha portato qui per lodare

Questo momento.
Sento che il tempo passa,

Spero solo che il tempo sia tuo amico.
Vivo la mia vita per dare la mia vita con amore,

Oh, non capisci?

Se solo tu sarai d'accordo, per favore,

Vieni con me.

Io garantisco solo

Questo momento.

(© John Wallowitch)

Solutions Collecting From Web of "Soddisfazione garantita. . . O rimborsati!"