Social Media Shaming: A Call to Conscience o Mob Madness?

Pixabay
Fonte: Pixabay

12 ottobre 2015

Qualche anno fa, ho scritto il mio primo post sul blog virale ("Sì, Performance Was Racist di Katy Perry. Ecco perché".) Mi è capitato di guardare gli American Music Awards e la vampira Katy Perry in un costume da semi-geisha " Incondizionato". Molti hanno avuto reazioni viscerali all'esempio di appropriazione culturale di Perry, e l'abbiamo chiamata per la sua routine di dress-up. Era, per noi, una persona al potere che dominava le preoccupazioni delle minoranze per far avanzare la sua agenda di intrattenimento. Per le minoranze, spesso ci sembra di essere maturi per l'utilizzo da parte della cultura maggioritaria, senza inclusione compensativa. Le nostre culture vengono raccolte, sfruttate e poi messe da parte, per dirla senza mezzi termini. Quindi la performance di Perry ha toccato un accordo, e lo è ancora. Ma era la prima volta che mi dedicavo a chiamare, o a vergognare, chiunque fosse online. I post del mio blog e quelli di altri hanno iniziato conversazioni, lanciato un'ondata di supporto (come ricordo, ho avuto più di 17K like su quel primo post) innescato un contraccolpo contro di noi, e chissà, potrebbe aver fatto pensare alle pop star due volte di usare e abuso di icone culturali.

Avevo partecipato alla vergogna di Katy Perry. Sfortunatamente, non ci sono state scuse (per quanto ne so) e nessuna auto-riflessione pubblica. Ma era chiaro che gli americani asiatici non sarebbero stati una minoranza silenziosa. L'uso improprio di Perry è stato visto come la punta dell'iceberg del razzismo, della mancanza di rispetto e delle aggressioni affrontate dagli americani asiatici e da altre minoranze.

Ora, invece della palizzata pubblica, abbiamo le tendenze degli hashtag e i blog virali per dare forma al mondo. Due libri recenti parlano di questo fenomeno, So You Have Been Publicly Shamed di Jon Ronson, e Jennifer Jacquet's Is Shame Necessary? Nuovi usi per un vecchio strumento .

Ronson è un grande narratore, descrivendo in dettaglio come persone come Justine Sacco, Lindsey Stone, Mike Daisey e Adria Richards hanno catturato l'ira dei mob con i tweetforks, con grande sofferenza e dispiacere. Le persone vengono "scoperte" per quello che qualcuno o una folla considerano una trasgressione, si sentono imbarazzati, o hanno le loro vite completamente distrutte o trovano una via attraverso tutto. È interessante notare che non molti sembravano preoccuparsi degli scandali sessuali consensuali (anche se l'incidente di Ashley Madison doveva ancora verificarsi). Gli esempi che erano più famosi di Internet e che innesca la rabbia hanno dovuto fare i conti con il presunto razzismo, misoginia o malignità del gruppo di identità. Walter Palmer, il dentista del Minnesota / cacciatore di trofei è l'ultimo esempio di diffrazione e vergogna diffusa. Svergogniamo coloro che vogliamo denunciare, al fine di elevare la riserva di presunta virtù nel mondo e tracciare linee rosse attorno a comportamenti inaccettabili, sia che si tratti di uno scherzo off-color o dell'uccisione di un leone amato. Ronson conclude: " Penso che tutto ciò stia creando un'epoca più conformista e conservatrice … stiamo definendo i confini della normalità lacerando le persone al di fuori di essa".

Mentre penso che sia orribile che le persone vengano fraintese e capro espiatorie, e non la supportano, è chiaro che i social media hanno reso possibile a coloro che hanno problemi di risentimento trovare un pubblico ricettivo. Il punto che ho scritto nel mio ultimo post sul blog è che i problemi reali spesso vengono banalizzati quando le persone si vergognano. Inoltre, se il nostro obiettivo è una società più compassionevole e inclusiva, è difficile vedere come l'alimentazione dell'amigdala a reazione rapida ci aiuterà. Le questioni su come andare d'accordo e andare d'accordo con il pianeta sono estremamente importanti. Ma non sono sicuro che allargare le nostre reti neurali Righteous Rage ci aiuterà alla fine. La rabbia può essere inevitabile, ma dovremmo provare, credo, a chiudere il ciclo con compassione.

Jacquet, tuttavia, cerca di dimostrare la vergogna come un utile agente del cambiamento sociale. Mentre il suo resoconto ben studiato è a volte confuso (salta da esempi di vergogna individuale a vergogna di corporazioni, con quasi nessuna differenziazione morale tra i due), il suo punto è utile: mettere a nudo i cattivi attori, in particolare i cattivi attori taccagno che mettono in pericolo la comunità o l'ambiente, è uno strumento necessario.

Quando abitavo in uno dei dormitori degli studenti universitari a Stanford, qualcuno ha scritto uno scherzo di stupro su una petizione di qualche tipo fuori dalla porta principale. Fresco della Brown University, dove queste cose non volavano senza commenti, ho fatto esplodere lo scrittore e ho chiarito che le battute sugli stupri non erano appropriate. Ho firmato il mio nome. Più tardi ho sentito che lo scrittore anonimo era piuttosto imbarazzato. Almeno alcune persone mi hanno ringraziato per essermi alzato in piedi, e alcuni altri mi hanno detto che ero troppo serio. "Vivi e lascia vivere", qualcuno ha scritto. Il problema è che incidenti come questo creano un ambiente di vita ostile. Almeno nella nostra comunità dormitorio, l'incidente e la risposta sono diventati un mezzo di connessione e discussione. Online, in gran parte diventa un modo per punire ed escludere un presunto colpevole. Non esiste una "riabilitazione della comunità" di per sé.

La vergogna e la coscienza sono dette "guardiane del sentiero" nel pensiero buddhista. In altre parole, dovremmo preoccuparci di come le nostre parole e azioni influenzano gli altri, a sostegno dell'ideale di non-danno. A volte, quando alcune parti non portano la stessa coscienza di quanto gli altri vorrebbero, la rabbia o la rabbia giusta diventano importanti forme di comunicazione per stabilire una norma per il comportamento comune.

Ma dove si ferma? E qual è la riparazione? Potremmo accettare di svergognare una figura "potente", ma troppo spesso, si tratta di bullismo di un estraneo. Vorrei schierarmi sia con Ronson che con Jacquet che far vergognare gli individui su tweet, foto, ecc. Sembra del tutto inappropriato. La libertà di parola è un ideale importante per la società. Le incomprensioni possono causare gravi danni a persone e cause. Quindi suggerirei di fare una pausa e di essere consapevole prima di unirmi alla folla della vergogna. Un momento non fa un individuo. Nessuno di noi vorrebbe essere giudicato dal nostro momento peggiore, o il nostro momento più incompreso.

La vergogna stessa è un'emozione orribile, perniciosa e mutante implicata nel suicidio e nella violenza. Pronunciare qualcuno (o se stessi) come indegno o inaccettabile, separandosi dall'esperienza di appartenenza – queste sono probabilmente le peggiori punizioni possibili per gli animali sociali. Vediamo prove per questo nel sinonimo "mortificato". Quando qualcuno si vergogna, sono i più vicini alla morte e alla tragedia (dal francese mort).

La vergogna può essere inevitabile in quanto gli umani si sforzano per la perfezione e la connessione e si "umiliano" se sentono di non essere all'altezza. Intere religioni hanno la vergogna come base per comprendere il comportamento umano e giustificare il nostro destino mortale. Il peccato originale è la vergogna originale e la disconnessione della tradizione giudaico-cristiana. Quindi la riparazione della vergogna è vitale , data sia la coscienza umana che le credenze religiose. Forse la più grande prova di compassione è nel prendersi cura dell'individuo vergognoso, o anche delle parti vergognose della nostra stessa personalità, costretto a nascondersi nelle tenebre per paura di un insensato giudizio, visibile solo a noi stessi mentre setacciamo le macerie del nostro passato. L'opposto della sofferenza è l'appartenenza – e la vergogna ci allontana in modo drastico dall'appartenenza.

La vergogna innesca le difese e le offese e deve essere soddisfatta con empatia, accettazione e persino amore. L'orgoglio è un'utile riparazione della vergogna, ma penso che dobbiamo andare più in profondità per essere veramente liberi.

Per ulteriori letture sulla vergogna e sulla guarigione della indegnità, potresti apprezzare l'accettazione radicale di Tara Brach (collegata al mio sito web). La rabbia e la vergogna americana asiatica sono trattate nei miei saggi, disponibili gratuitamente su www.RaviChandraMD.com

(c) 2015, Ravi Chandra, MDFAPA

Newsletter occasionale per scoprire il mio libro-in-progresso sulla psicologia dei social network attraverso un obiettivo buddhista, Facebuddha: Trascendence in the Age of Social Networks: www.RaviChandraMD.com
Pratica privata: www.sfpsychiatry.com
Twitter: @ going2peace
Facebook: Sangha Francisco-The Pacific Heart
Per informazioni su libri e libri in corso, vedere qui https://www.psychologytoday.com/experts/ravi-chandra-md e www.RaviChandraMD.com

Solutions Collecting From Web of "Social Media Shaming: A Call to Conscience o Mob Madness?"