Social media in una pratica di successo in psicoterapia

Questo blog cura le voci della Division of Psychoanalysis (39) dell'American Psychological Association. Linda Beeler, LCSW, psicoterapeuta di NY City in uno studio privato, supervisore, consulente per la commercializzazione di uno studio privato presenta questo post.

David/Flickr
Fonte: David / Flickr

La ricerca indica che il 95% dei clienti appare online per gli psicoterapeuti (TherapySites.com). Tuttavia, molti psicoterapeuti sono resistenti alla creazione di una presenza on-line e all'uso dei social media per migliorare le loro pratiche. Creando una presenza online e diventando attivi con i social media, i professionisti della salute mentale possono reenergizzare e sostenere la loro pratica di psicoterapia privata.

Molti psicoterapeuti hanno sviluppato le loro pratiche cliniche prima dell'era dei computer. Erano abituati a ricevere referenze da amici, colleghi della comunità psicoanalitica, da social network "offline" personali, pubblicità nelle pagine gialle o in altro modo dal passaparola. Mentre i potenziali clienti provengono ancora da queste fonti "tradizionali", molti ora ricercano Internet per uno psicoterapeuta, o, come minimo, si mettono in linea per fare un riferimento incrociato con lo sfondo e l'esperienza di un terapeuta a cui sono stati indirizzati. C'è un reale pericolo che senza una presenza on-line, gli psicoterapeuti lotteranno per sviluppare o sostenere la loro pratica; che senza un'impronta digitale la loro pratica si estinguerà.

Ci sono una serie di importanti preoccupazioni che impediscono agli psicoterapeuti di promuovere la loro pratica sul web. Il primo si sente tecnologicamente sfidato e intimidito. Mentre la maggior parte dei terapeuti sono aggiornati sull'e-mailing, non sanno come creare un sito web.

Gli psicoterapeuti possono creare autonomamente un sito web individuando un costruttore di siti Web con un modello o trovando un web designer o un webmaster. Il webmaster può anche fornire informazioni su come funzionano i motori di ricerca. I webmaster sono professionisti informatici qualificati che supervisionano il funzionamento e la manutenzione ottimali di un sito web.

In secondo luogo, gli psicoterapeuti spesso non capiscono l'importanza del contenuto di un sito Web o del design in cui viene presentato il contenuto.

Un sito Web rappresenta un'attività di psicoterapia. Pertanto, deve essere attraente, attraente e coinvolgente. Ha un nome di dominio univoco che stabilisce il suo indirizzo. Un sito Web attrae nuovi clienti creando una nicchia competitiva con contenuti specializzati. Evidenzia l'esperienza del terapeuta e le caratteristiche distintive della pratica. Allo stesso tempo, verifica la credibilità del terapeuta. Una presenza unica con visibilità può distinguere un terapeuta dagli altri terapeuti sul web.

I social media online, come Facebook, Linkin e Twitter sono anche ottimi strumenti per costruire relazioni con i colleghi, condividere informazioni e fornire una risorsa per i potenziali clienti.

I biglietti da visita, insieme a una presenza on-line, sono anche efficaci nel promuovere la pratica di uno psicoterapeuta, specialmente durante eventi di networking offline. Le carte devono essere uniche e alla moda, e includere la specialità del terapeuta, la posta elettronica, il sito Web e persino l'indirizzo di un blog. Mentre suona come un hokey, una carta può anche essere inclusa nella carta come mezzo per scuotere in seguito la memoria del destinatario dopo aver incontrato così tanti professionisti in un evento di networking.

Infine, e forse il più importante ostacolo principale che impedisce agli psicoterapeuti di creare una presenza online riguarda la loro formazione psicoanalitica e clinica. I terapeuti hanno paura di esporre troppo di se stessi su internet. Questo è comprensibile dal momento che sono stati addestrati a mantenere confini chiari; non rivelare troppo del loro sé privato per permettere al transfert di emergere.

Sigmund Freud ha formulato il modello ortodosso classico del terapeuta silenzioso, neutro e non reattivo. Secondo Freud (1912) nel suo "Papers on Technique", il medico dovrebbe essere opaco per i suoi pazienti e, come uno specchio, non dovrebbe mostrare loro altro che ciò che gli viene mostrato. "La rivelazione di dettagli personali inerenti al marketing una pratica on-line è incompatibile con questo modello ortodosso del terapeuta come uno schermo bianco.

Negli ultimi anni, il concetto freudiano di neutralità assoluta è stato sfidato dai teorici psicoanalitici contemporanei. Fairbairn, Winnicott e Guntrip erano dissidenti dalla teoria classica. Come pionieri della teoria delle relazioni oggettuali, erano rivoluzionari nell'introdurre il ruolo dell'interazione tra terapeuta e paziente. In particolare, Winnicott (1960, p.39) teorizzava "non esiste una cosa come un bambino – solo l'unità madre-bambino". Questa drammatica affermazione è stata fondamentale per lo sviluppo del sistema di due persone e l'evoluzione del pensiero relazionale.

Influenzato dalle opere di Mitchell, Greenberg e Aaron, le prospettive relazionali sono diventate più diffuse nel mondo psicoanalitico americano contemporaneo. Lo psicoterapeuta porta la sua soggettività nella stanza, non essendo più semplicemente un osservatore. Il cambiamento terapeutico è considerato come avvenuto all'interno della relazione analitica: non sono solo le intuizioni del paziente, ma l'autenticità della relazione terapeutica che crea il cambiamento.

I pazienti sono alla ricerca di uno psicoterapeuta che sia accessibile e umano. Il paziente può sentirsi più coinvolto con il terapeuta visualizzando qualcosa su internet sul terapeuta che risuona con il paziente. Imparare di più sul terapeuta attraverso internet può rendere la relazione terapeutica più reale e genuina.

In che modo il terapeuta bilancia l'autenticità dell'essere online con la necessità di evitare di rivelare troppe informazioni personali? Questo è un vero dilemma poiché sapere di più sul terapeuta può migliorare l'interazione terapeutica e allo stesso tempo può interferire con esso perché il paziente potrebbe non idealizzare più il terapeuta o vedere il terapeuta in una posizione autorevole.

Uno psicoterapeuta può, ad esempio, creare una pagina facebook professionale a cui il paziente ha accesso mantenendo anche una pagina personale su facebook, accesso al quale viene negato al paziente. Non accettando il paziente come "amico" sulla pagina personale, al paziente viene impedito di partecipare alle relazioni sociali del terapeuta.

Twitter e blog sono piuttosto popolari e possono migliorare il seguito di un terapeuta e generare referral. Il terapeuta dovrebbe fare attenzione a garantire che i blog e i post siano professionali in termini di tono e contenuto. Il terapeuta può anche decidere come indirizzare la risposta di un paziente a un determinato blog. Il terapeuta ha anche il controllo su linkedIn, il sito di social network per professionisti e aziende accettando l'invito di un paziente a partecipare o ignorare l'invito.

Alla fine stabilire un confine tra la personalità professionale e personale di uno psicoterapeuta si riduce alla scelta personale del terapeuta: se il terapeuta si sente a suo agio nell'esporre alla vista pubblica certi dettagli della vita del terapeuta e se consentire al paziente l'accesso a tali informazioni.

Naturalmente, nonostante i migliori sforzi del terapeuta, un paziente può trovare informazioni sul terapeuta sul web da fonti su cui il terapeuta non ha alcun controllo. Come ogni altra cosa che influenza la relazione terapeutica, queste rivelazioni dovrebbero essere portate alla luce e esplorate nel contesto terapeutico per capire quale significato hanno per il paziente.

In sintesi, lavorare con i social media su Internet presenta molte sfide per il terapeuta. Imparare a navigare su questo nuovo terreno in modo professionale sarà parte integrante del successo di una pratica di psicoterapia.

Riferimenti:

Freud, S (1912) Raccomandazioni ai medici che praticano la psicoanalisi. Edizione standard 12: 109-120.

Winnicott, DW (1960), La teoria della relazione genitore-bambino. In: The Maturational Processes and the Press, Facilitating Environment. New York: International Universities1965, pp. 37-55.

Di Linda G. Beeler, LCSW

Solutions Collecting From Web of "Social media in una pratica di successo in psicoterapia"