Social media e solitudine sociale

"Facebook ci sta rendendo soli?", Chiede il romanziere e editorialista Stephen Marche in un eccellente articolo sul prossimo Atlantico del mese . "Da Facebook a Twitter", osserva, "i social media ci hanno reso più densamente collegati in rete che mai. Eppure, nonostante tutta questa connettività, una nuova ricerca suggerisce che non siamo mai stati più soli (o più narcisisti) e che questa solitudine ci sta rendendo mentalmente e fisicamente malati. "

In un'indagine piuttosto sorprendente citata dalle Marche, la dimensione media delle reti di confidenti personali negli Stati Uniti è risultata "diminuita da 2.94 persone nel 1985 a 2.08 nel 2004." Nel 1985, aggiunge, "il 10% degli americani ha dichiarato di avere nessuno con cui discutere questioni importanti, e il 15 per cento ha dichiarato di avere un solo buon amico. Nel 2004, il 25 percento non aveva nessuno con cui parlare, e il 20 percento aveva un solo confidente. "

Troverete l'articolo di Marche qui. Nel frattempo, Sherry Turkle, professoressa di psicologia del MIT e autrice di Alone Together: Why We Expect More from Technology e Less from Each Other, ha un editoriale ponderato e completamente collegato su questo argomento nel New York Times di oggi : "The Flight from Conversation".

christopherlane.org Seguimi su Twitter @christophlane

Solutions Collecting From Web of "Social media e solitudine sociale"