Soccorso e favoreggiamento

Nell'ultimo decennio, il gioco d'azzardo responsabile è diventato uno dei principali problemi per gli operatori di giochi professionali. Anche se l'industria dei giochi tiene conto in modo comprensibile dei loro profitti, vi è una crescente adesione agli standard di responsabilità sociale. La prova di ciò è dimostrata dal fatto che l'industria del gioco ora ha relazioni formali con numerose organizzazioni che si occupano di formazione, conformità, accreditamento e governance. C'è anche una crescente integrazione tra l'industria del gioco e un gruppo eterogeneo di parti interessate, tra cui governo, professionisti e ricercatori.

Ci sono stati alcuni sondaggi recenti sui casinò terrestri che aiutano direttamente i giocatori problematici attraverso l'uso di specialisti del trattamento in loco (ad esempio, i giocatori problematici hanno accesso al trattamento nell'ambiente di gioco stesso). Sebbene ciò sembri una mossa socialmente responsabile da parte degli operatori, è mia opinione che non è responsabilità dell'industria del gioco trattare i giocatori, ma è loro responsabilità fornire referenze per giocatori problematici a agenzie specializzate di assistenza di terzi ( es. servizi di assistenza al problema, servizi di consulenza, ecc.). Si pensa che il numero di giocatori problematici che cercano attivamente un trattamento sia solo una piccola percentuale del numero complessivo di giocatori problematici. Questo perché i giocatori problematici possono sentirsi imbarazzati e / o stigmatizzati attraverso interventi di trattamento faccia a faccia. Ciò suggerisce che uno dei possibili passi avanti potrebbe essere per l'industria indirizzare i propri clienti problematici verso l'aiuto online (piuttosto che offline).

Il dott. Richard Wood e io abbiamo riportato uno dei primi studi in assoluto che ha valutato l'efficacia di un servizio di guida e assistenza online per giocatori problematici (ad es. GamAid ) nel British Journal of Guidance and Counseling. La valutazione ha utilizzato una progettazione di metodi misti al fine di esaminare sia i dati primari che secondari relativi all'esperienza del cliente. GamAid è un servizio di consulenza e orientamento online in base al quale il giocatore problematico può consultare i collegamenti disponibili e le informazioni fornite, oppure parlare con un consulente online (durante gli orari di servizio disponibili) o richiedere informazioni da inviare via e-mail, telefono cellulare (SMS / texting) o post. Se il giocatore problematico si connette a un consulente online, un'immagine in tempo reale dell'advisor viene visualizzata sullo schermo del client in una piccola web-cam box. Accanto alla casella immagine, è presente una finestra di dialogo in cui il client può digitare messaggi all'advisor e in cui l'advisor può digitare una risposta. Sebbene il client possa vedere l'advisor, l'advisor non può vedere il client. L'advisor ha anche la possibilità di fornire collegamenti ad altri servizi online pertinenti, che compaiono sul lato sinistro dello schermo del cliente e rimangono lì dopo che il client si è disconnesso dall'advisor. I collegamenti forniti sono in risposta a dichiarazioni o richieste fatte dal cliente per servizi locali specifici (e ove possibile) (ad esempio, un servizio di consulenza sul debito locale o una riunione locale dei giocatori d'azzardo).

Un totale di 80 giocatori problematici hanno completato un questionario di valutazione online approfondito e sono stati raccolti dati secondari da altri 413 clienti che hanno contattato un consulente GamAid . È stato riferito che la maggior parte dei giocatori problematici che hanno completato il sondaggio di feedback erano soddisfatti del servizio di orientamento e di "consulenza" offerto da GamAid. La maggior parte dei giocatori problematici (i) concordavano sul fatto che GamAid fornisse informazioni per i servizi locali dove potevano ottenere aiuto, (ii) concordavano di avere o avrebbero seguito i collegamenti forniti, (iii) ritenevano che il consulente fosse di supporto e capisse i loro bisogni, (iv) prenderebbe in considerazione l'utilizzo del servizio di nuovo, e (v) raccomanderebbe il servizio agli altri. Essere in grado di vedere il consulente ha permesso al cliente di sentirsi rassicurato, mentre allo stesso tempo, questa funzione unidirezionale ha mantenuto l'anonimato, in quanto l'advisor non può vedere il cliente.

Un'osservazione interessante è stata la misura in cui GamAid ha incontrato un'esigenza non soddisfatta da altri servizi di assistenza al gioco d'azzardo nel Regno Unito. Ciò è stato esaminato esaminando i profili di quei clienti che utilizzano GamAid rispetto al servizio più simile attualmente offerto, che è la linea di assistenza telefonica UK GamCare. I dati registrati dagli advisor GamAid durante il periodo di valutazione hanno rilevato che 413 clienti distinti hanno contattato un consulente. Non sorprendentemente (dato il mezzo dello studio), il gioco d'azzardo online era il luogo più popolare per i clienti di giocare con il 31% dei maschi e il 19% delle donne che riportavano che giocavano in questo modo. In confronto, l'helpline di GamCare (la linea telefonica nazionale per il gioco d'azzardo nel Regno Unito) ha scoperto che solo il 12% del loro maschio e il 7% delle donne che chiamavano giocavano online. Pertanto, si potrebbe sostenere che il servizio GamAid è la modalità preferita per cercare supporto per i giocatori online. Questo forse non è sorprendente dato che i giocatori d'azzardo online hanno probabilmente un maggior grado di competenza generale nell'uso, familiarità e accesso alle strutture Internet. I giocatori d'azzardo problematici possono quindi essere più propensi a cercare aiuto usando i media in cui sono più a loro agio.

GamAid

i consulenti hanno identificato il genere per 304 clienti di cui il 71% erano maschi e il 29% erano donne. In confronto, l'helpline di GamCare ha rilevato che l'89% dei chiamanti era di sesso maschile e l'11% era di sesso femminile. Pertanto, sembrerebbe che il servizio online potrebbe attrarre maggiormente le donne rispetto ad altri servizi comparabili. Ci sono diversi motivi speculativi per cui questo potrebbe essere il caso. Ad esempio, il gioco d'azzardo online è neutrale rispetto al genere e può quindi essere più attraente per le donne rispetto alle forme più tradizionali di gioco d'azzardo, che (nel complesso) sono tradizionalmente orientate all'uomo (ad eccezione del bingo). Le donne potrebbero sentirsi più stigmatizzate come giocatori problematici rispetto ai maschi e / o meno probabilità di avvicinarsi ad altri servizi di assistenza in cui i maschi dominano (ad esempio, i giocatori d'azzardo anonimi ). In tal caso, l'elevato grado di anonimato offerto da GamAid potrebbe essere uno dei motivi per cui è preferibile. La maggior parte di coloro che avevano utilizzato un altro servizio ha riferito di aver preferito GamAid perché desiderava in particolare la guida in linea. Coloro che avevano utilizzato un altro servizio hanno riferito che i vantaggi di GamAid erano che erano più a loro agio a parlare online che al telefono o faccia a faccia. Hanno anche riferito che (a loro parere) GamAid era più facile da accedere, e gli advisor erano più premurosi.

Nella loro revisione della prevenzione del gioco d'azzardo problematico, il professor Robert Williams e colleghi dell'Università di Lethbridge (Canada) fanno diversi punti importanti che devono essere presi in considerazione dall'industria del gioco (e da altre parti interessate) in relazione alla prevenzione del gioco d'azzardo problematico. Queste osservazioni sono importanti anche per gli operatori di gioco quando si considerano le migliori pratiche in termini di responsabilità sociale.

• Esiste una vasta gamma di iniziative di prevenzione.

• Molto è ancora sconosciuto sull'efficacia di molte iniziative individuali.

• Le misure più comunemente implementate tendono ad essere tra le misure meno efficaci (es. Auto-esclusione del casinò, campagne di sensibilizzazione / informazione).

• Non c'è quasi nulla che non sia di aiuto in una certa misura e che non c'è quasi nulla che, di per sé, abbia un alto potenziale per prevenire danni.

• Le iniziative di prevenzione primaria sono quasi sempre più efficaci delle misure di prevenzione terziaria.

• I controlli esterni (cioè la politica) tendono ad essere tanto utili quanto la conoscenza interna (ad esempio, l'istruzione).

• Una prevenzione efficace nella maggior parte dei campi richiede effettivamente sforzi coordinati, ampi e duraturi tra iniziative educative efficaci e iniziative politiche efficaci.

• Gli sforzi di prevenzione devono essere sostenuti e duraturi, perché il cambiamento comportamentale richiede molto tempo.

Sembrerebbe quindi che ci siano molti fattori che potrebbero essere incorporati nella struttura della responsabilità sociale di un'azienda di gioco e che mentre l'industria dovrebbe essere proattiva nella prevenzione del problema del gioco d'azzardo, il trattamento del gioco d'azzardo problematico dovrebbe essere fatto da chi non è al gioco settore e che una delle possibili soluzioni potrebbe essere quella online piuttosto che quella offline.

Riferimenti e ulteriore lettura

Gainsbury, SM & Blaszczynski, A. (2011). "Una revisione sistematica della terapia basata su Internet per il trattamento delle dipendenze", Clinical Psychology Review, 31, 490-498.

Griffiths, MD (2005). Terapia online per comportamenti di dipendenza. CyberPsychology and Behavior , 8, 555-561.

Griffiths, MD & Cooper, G. (2003). Terapia online: implicazioni per i giocatori e i medici problematici. British Journal of Guidance and Counseling, 13, 113-135.

Williams, RJ, Simpson, RI & West, BL (2007). Prevenzione del problema del gioco d'azzardo. In G. Smith, D. Hodgins e R. Williams (a cura di), Problemi di ricerca e misurazione negli studi sul gioco d'azzardo (pp.399-435). New York: Elsevier.

Wood, RTA & Griffiths, MD (2007). Guida, consigli e supporto online per giocatori problematici e familiari e amici interessati: una valutazione del servizio pilota GamAid. British Journal of Guidance and Counseling, 35, 373-389.

Solutions Collecting From Web of "Soccorso e favoreggiamento"